Bonsai ginepro

Caratteristiche e accorgimenti per la coltivazione del bonsai ginepro

Il ginepro è un arbusto sempreverde che può svilupparsi anche in grandi alberi. Possiede delle foglie aghiformi ed è caratterizzato da una grande capacità di adattamento, per questo è possibile coltivare un bonsai ginepro. Nella nostra nazione si trovano parecchi alberi e arbusti di ginepro, che risulta essere un albero molto diffuso. Per coltivarlo da un seme, occorre raccogliere le bacche in autunno e conservarle nella sabbia umida a circa 5°C. La semina va fatta in primavera. In ogni modo si può coltivare il ginepro anche da talea oppure acquistare una pianta grezza di bonsai ginepro pronta al modellamento. Le principali varietà di ginepro disponibili per la coltivazione sono: Junirepus Communis, Junirepus Rigida e Junirepus Chinesis. Queste varietà sono tutte disponibili nei negozi specializzati di bonsai.
Bonsai ginepro

Tropica - Bonsai - ginepro cinese (Juniperus chinensis) - 30 semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,15€


Modellatura e accorgimenti colturai del bonsai ginepro

Particolare bonsai ginepro Il ginepro possiede un legno particolarmente duttile e denso nella sua struttura. Questo permette un modellamento in tutti gli stili giapponesi conosciuti. Per far crescere bene il proprio bonsai ginepro è necessario seguire alcuni accorgimenti di base. L'esposizione al sole deve essere di almeno 2-3 ore al giorno e i bonsai ginepro devono essere posizionati in zone ben aerate. Per quanto concerne l'annaffiatura il bonsai ginepro si adatta bene anche all'acqua del rubinetto quindi non è necessario recuperare dell'acqua piovana. Nonostante la particolare resistenza del ginepro al caldo, non bisogna far seccare troppo la terra, annaffiandola in modo regolare. Questo accorgimento è necessario soprattutto quando si curano giovani piante di ginepro. Questi esemplari, infatti, non hanno ancora delle radici profonde, che si svilupperanno dopo circa tre anni.

  • Bonsai di camelia fiorito I bonsai di camelia sono particolarmente ambiti per le loro prospere fioriture. Sia il tronco che i rami sono facili da modellare e assumono senza soffrire qualsiasi forma gli si voglia imprimere. La...
  • Bonsai di magnolia La magnolia cresce spontaneamente nei paesi orientali. Il suo bonsai è fra i più caratteristici e belli che esistano. Ha una chioma assai folta costituita da piccole foglie color verde chiaro e fiori ...
  • Bonsai con tronco intrecciato Il bonsai di rosmarino si riproduce per margotta, seme e talea, tuttavia per realizzare un bonsai è meglio ricorrere alla raccolta (preferibilmente nella stagione invernale) di una pianta in natura, i...
  • Un esempio di bonsai di acero palmato L'acero palmato, a differenza di altri bonsai, può sostenere sia il caldo che il freddo. In estate è meglio esporre il bonsai alla luce diretta nella mattinata, spostandolo poi in una zona ombreggiata...

TROPICA – Bonsai -Set crescente –Ginepro cinese con semi, ciotola di ceramica, brochure e serra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,95€


Bonsai ginepro: Potatura e legatura

Bonsai ginepro Il ginepro tende ad avere delle chiome fitte di aghi nel vertice dei rami. La potatura consigliata per potenziare questa caratteristica e aumentare la densità della chioma è il taglio di un terzo dei rami. Nel caso che un ramo aumenti di spessore bisogna potare solo i germogli secondari, lasciando intatto quello principale. Il periodo di potatura consigliata è quello primaverile, da marzo a giugno. Per quanto riguarda la legatura, i rami più adatti sono quelli di due anni di età che risultano idonei per la piegatura. Consigliamo di effettuare la legatura durante il periodo vegetativo, posizionando il proprio bonsai in una zona particolarmente ombreggiata in modo da farlo riposare. Il ginepro tende a perdere facilmente la corteccia e questo consente alle eventuali ferite di rimarginarsi in fretta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO