Risparmio energetico

Il tema del risparmio energetico riguarda tutti ed è fondamentale capirne l'importanza poichè ha ricadute sulle nostre tasche, con bollette più leggere, e sull'ambiente, limitando le emissioni di anidride carbonica, la causa principale dell'effetto serra e dell'innalzamento della temperatura del pianeta.

Per risparmio energetico si intende, letteralmente, consumare meno energia, riducendo gli sprechi legati al riscaldamento e al condizionamento.

Nel quotidiano questo significa rendere più efficienti le abitazioni, intervenendo dove sono più abbondanti le dispersioni di calore e di aria fresca.

Il primo passo è commissionare una diagnosi energetica per la propria abitazione, per individuare quali siano gli interventi di riqualificazione necessari al fine di ridurre le spese.

Intervenire il prima possibile comporta un impegno economico iniziale, ... continua


Articoli su : Risparmio energetico


prosegui ... , che però con il tempo si traduce in risparmio in bolletta assicurato.

É bene ricordare, a questo proposito, che lo stato mette a disposizione delle agevolazioni fiscali per chi decide di effettuare la riqualificazione energetica della propria casa.

Tra macrointerventi risolutivi, il più importante è l'isolamento termico della casa: tenere il riscaldamento alto con gran parte del calore che si disperde attraverso i muri è inquinante ed antieconomico.

La soluzione è dotare l'edificio di termocappotto, i cui benefici si possono così riassumere:

- eliminazione dei ponti termici, ovvero dei punti dell'edificio dove c'è maggior scambio di calore con l'esterno;

- protezione da sbalzi termici;

- limitazione del rischio di formazione di muffe perchè il caldo viene trattenuto all'interno;

- aumento del valore commerciale dell'immobile;

- aumento del comfort dell'abitazione;

Un intervento di questo genere deve essere accompagnato dalla regolazione dell'impianto di riscaldamento e condizionamento. Altrimenti si rischierebbe di scaldare o rinfrescare troppo l'edificio, perdendo così i risparmi energetici ed economici portati dall'intervento fatto.

Ma non sono solo i muri il veicolo principale della dispersione termica: il tetto è un altro punto critico della casa!

Isolarlo non è difficile ma bisogna prestare attenzione a scegliere l'opzione migliore per le proprie esigenze. Anche nel caso in cui il tetto sia stato isolato negli anni precedenti, è sempre meglio controllare che lo strato di isolante non si umido o lacerato. In questo caso, così come in caso di isolamento assente, è buona regola farlo subito sistemare.

Si possono ulteriormente abbassare le spese di riscaldamento isolando anche i soffitti dei locali non riscaldati, come il garage o la cantina, che hanno sopra di sè un appartamento abitato.

Una volta sistemati i muri ed il tetto, controllata l'efficienza dell'impianto di riscaldamento, cosa rimane da fare?

Sicuramente una serie di microinterventi che comprendono: controllo degli infissi, altro punto debole attraverso cui c'è dispersione termica, sostituzione del singolo vetro con quello doppio o con l'installazione di una pellicola riflettente sui vetri della finestra ed infine isolamento del cassonetto della tapparella, altra zona critica per la dispersione del calore.

Nei condomini a riscaldamento centralizzato, un ulteriore intervento che ognuno può fare in casa propria è l'installazione di una valvola termostatica su ogni radiatore. Ha un costo abbastanza contenuto e serve a regolare automaticamente l'afflusso di acqua al termosifone, fino a quando la stanza non ha raggiunto la temperatura preimpostata.

Un risparmio energetico ed economico si può avere anche installando impianti solari termici sulla propria abitazione. Il vantaggio è che si riducono notevolmente i consumi di energia per il riscaldamento dell’acqua sanitaria e, una volta ammortizzata la spesa dell’impianto, sarà sempre a disposizione acqua calda gratuita.

Se con l'impianto solare si sostituisce lo scaldabagno elettrico, il risparmio sarà conveniente ma verrà a mancare nel caso ne possediamo uno a gas.

Ci sono altre azioni che possiamo compiere quotidianamente per ridurre gli sprechi di acqua ed energia elettrica, sono pratiche che rientrano nell'ambito del "buon senso": attenzione a non lasciare scorrere l'acqua inutilmente, a non dimenticare luci accese, ad usare gli elettrodomestici negli orari più economicamente vantaggiosi e soprattutto alle giuste temperature, nonchè a sostituirli con modelli recenti più ecologici.