Rinvaso bonsai

Rinvaso bonsai, scelta del vaso ed attrezzi necessari

Prima di cominciare il rinvaso bonsai è necessario avere a portata di mano tutti gli attrezzi necessari. In primo luogo bisognerà scegliere il nuovo vaso in cui mettere a dimora la pianta. Generalmente la dimensione del vaso può essere ridotta con l'avanzare dell'età del bonsai. Per rinvasare un bonsai giovane, che necessita di essere impostato, il vaso deve essere ridotto gradualmente mantenendo però buona profondità che consenta alle radici di crescere in modo più spontaneo. Per i bonsai maturi è possibile optare per piccoli vasi, poiché le piante più pregiate sono quelle in grado di vivere con meno radici ed in spazi ridotti. La forma e la dimensione del vaso stesso dipendono dallo stile desiderato. Dopo aver scelto il nuovo vaso, sarà necessario preparare la retina metallica ed il filo di rame per il vaso; sarà utile avere anche i bastoncini di bambù e le forbici per accorciare le radici.
Rinvaso bonsai

Rete di drenaggio da invaso e rinvaso Bonsai, confezione da 5 fogli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


Quando rinvasare bonsai, la stagione giusta ed alcuni accorgimenti

Vaso bonsai Il rinvaso bonsai può essere eseguito solamente su piante sane, che non mostrano alcun segno di sofferenza. Nel caso in cui la pianta presenti foglie ingiallite o parassiti è bene provvedere a risolvere questi problemi prima di rinvasare bonsai. Le stagioni per eseguire questa operazione sono la primavera o l'autunno, ovvero prima che l'albero cominci la fase di crescita o prima che vada a riposo. In ogni caso, è necessario considerare la specie a cui appartiene il bonsai per individuare il momento migliore. Inoltre, il rinvaso bonsai deve essere fatto mantenendo le radici della pianta in ombra, per evitare che il sole le possa seccare. Infatti, viene spesso consigliato di inumidire leggermente la parte radicale durante lo svolgimento della procedura di rinvaso bonsai per ridurre al minimo lo stress per la pianta.

  • Bonsai di camelia fiorito I bonsai di camelia sono particolarmente ambiti per le loro prospere fioriture. Sia il tronco che i rami sono facili da modellare e assumono senza soffrire qualsiasi forma gli si voglia imprimere. La...
  • Bonsai di magnolia La magnolia cresce spontaneamente nei paesi orientali. Il suo bonsai è fra i più caratteristici e belli che esistano. Ha una chioma assai folta costituita da piccole foglie color verde chiaro e fiori ...
  • Bonsai con tronco intrecciato Il bonsai di rosmarino si riproduce per margotta, seme e talea, tuttavia per realizzare un bonsai è meglio ricorrere alla raccolta (preferibilmente nella stagione invernale) di una pianta in natura, i...
  • Un esempio di bonsai di acero palmato L'acero palmato, a differenza di altri bonsai, può sostenere sia il caldo che il freddo. In estate è meglio esporre il bonsai alla luce diretta nella mattinata, spostandolo poi in una zona ombreggiata...

Growth Technology - Bonsai Focus, Miscela per il rinvaso di bonsai, 2 l

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,25€


I passaggi da effettuare

Radici bonsai Dopo avere capito quando rinvasare bonsai ed avere predisposto gli attrezzi necessari, si procede con lo svaso della pianta, tenendola saldamente per il tronco a prestando attenzione a non danneggiare radici e foglie. A questo punto, bisogna iniziare a districare le radici con il bastoncino di bambù e, se necessario, ridurre la parte radicale con le apposite forbici. Nel frattempo, bisogna inserire la rete metallica sopra i fori di scolo del nuovo vaso e fissarla ad essi tramite il filo di rame. Procedere quindi ad inserire parte del terriccio, composto da Akadama e ghiaia fine. Porvi al di sopra la pianta e distribuire le radici in modo omogeneo. Quindi, ricoprire con il terriccio rimanente. Dopo il rinvaso bonsai, la pianta dovrà rimanere al riparo dal vento e dal sole per almeno 15 giorni, periodo in cui il bonsai potrebbe essere più sensibile alle intemperie proprio a causa del rinvaso stesso.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO