Coltivazione lamponi

Coltivazione lamponi

Con l'arrivo dell'estate iniziano ad apparire sugli scaffali i primi frutti di bosco, tra cui anche i lamponi. Il consumo di questo frutto durerà fino a tardo autunno e sarà ricco di sapore, oltre ad avere utili proprietà nutrizionali. Ma come effettuare la coltivazione lamponi? Si possono far crescere i lamponi con una semplice coltivazione sia in giardino che in vaso. Esistono diverse specie di lamponi, che differiscono per dimensioni, cicli vegetativi e colore. Ecco allora i prelibati lamponi rosa, rossi, viola o anche gialli. Le piante sono di solito rifiorenti o unifere e si coltivano più o meno nello stesso modo. Per scegliere il tipo di pianta di lamponi che riesca a soddisfare al meglio le proprie esigenze è bene chiedere informazioni al proprio rifornitore di semi. Il frutto è comunque piuttosto semplice da coltivare e si può ottenere un ottimo raccolto anche senza tanto impegno. Allo stato spontaneo i lamponi si possono trovare con facilità nei boschi e tra i cespugli del nord Italia dato che attecchisce e cresce senza problemi. I frutti si consumano freschi o congelati, ma anche sotto forma di confetture assai squisite e salutari.
Lamponi

MIRTILLO GIGANTE AMERICANO pianta in vaso 12x12 (3 piante)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€


Clima e terreno per la coltivazione lamponi

Cespuglio di lamponi Il lampone appartiene alle Rosaceae. La pianta di solito fiorisce dal mese di maggio e i frutti si raccolgono fino all'inizio dell'inverno. I lamponi allo stato selvatico si possono trovare nei sottoboschi dove colonizza rapidamente grazie alla sua semplicità di sviluppo. Ma la vera e propria coltivazione lamponi garantisce qualità e assortimento per un uso diversificato. L'habitat perfetto per lo sviluppo dei lamponi è un luogo fresco, piuttosto mite, con un'esposizione diretta al sole e tanta acqua; quindi sopporta bene sia le piogge che gli acquazzoni. Il terreno sarà quello soffice e ricco di sostanze nutritive, da concimare con fertilizzanti naturali. Nonostante la grande necessità d'acqua il terreno deve essere anche drenante poiché il ristagno a livello delle radici potrebbe danneggiare irrimediabilmente il cespuglio di lamponi. In primavera, quando la pianta inizia il suo ciclo vegetativo potrebbero essere sufficienti le precipitazioni del periodo. Mentre in estate, con l'incremento nelle temperature è bene irrigare tutti i giorni.

  • Splendido fiore di gardenia Le gardenie sono originarie di Asia ed Africa e prendono il nome da Garden, naturalista scozzese. Le varietà sono molte, caratterizzate da fiori bianchi e da un profumo molto gradevole. La pianta è p...
  • Gerbera rosa La gerbera è una pianta erbacea perenne originaria del Sudafrica. Attualmente in commercio esistono un gran numero di varietà ibride che differiscono da quelle naturali per grandezza e per il grande a...
  • Coltivazione di agave sisalana L'agave sisalana è una varietà originaria del Messico, a crescita veloce. E' molto conosciuta perché fornisce il "sisal", ovvero una fibra tessile molto usata, da sola o unita a lana e sintetici, per ...
  • Boschetto di bonsai di betulla Il bonsai di betulla è molto apprezzato per la sua folta ramificazione che pende verso il basso. La germogliazione della pianta avviene nel periodo compreso fra aprile e maggio, dopo la sfioritura. Du...

Rote Kraft – Das palaeolit ceco Kraft polvere in radici e le bacche u.a. con Maca, Curcuma, Guarana, Yerba Mate, Lamponi, AÇAI, Bacche di Goji – 600 grammi forza polvere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,9€


Coltivazione lamponi nell'orto o in giardino

La coltivazione lamponi può avvenire in terreno aperto, in giardino, nell'orto o in vaso. I cespugli di lamponi si inseriscono in piccoli spazi in quanto è un arbusto che si sviluppa in verticale. La predisposizione in vaso consiste nel posizionare nella parte inferiore dello stesso della ghiaia o frammenti di scarico e riempire poi con terreno soffice e arioso. La coltivazione lamponi con i semi è complessa e laboriosa, così, si preferisce acquistare le piantine o utilizzare le talee. Normalmente, le piante vengono tenute in vaso fino a quando in primavera si raggiunge la temperatura di 15 gradi. Quando il tempo è bello, dalla fine del mese di marzo e aprile, le piante potrebbero essere trapiantate in giardino, preferendo zone in pieno sole, ma protette dal vento, ad esempio vicino ad una parete. Se si preferisce la riproduzione per talea, in autunno, tagliare i rami più vicini al terreno. In seguito gli stessi devono essere tenuti nell'acqua o nella sabbia per sviluppare le radici; poi si passano nei vasi e solo dopo verranno trasferiti in giardino, in primavera.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO