Il mini eolico

Il mini eolico, che cos'è e come funziona

Nell'ambito delle energie rinnovabili c'è un sistema di produzione dell'energia elettrica che sta prendendo un'importanza sempre più grande, ovvero il mini eolico. Si tratta di un sistema eolico di piccole dimensione che si adatta soprattutto agli ambienti rurali e quindi all'installazione anche per case di campagna, grazie alla sua capacità di produrre energia senza ingombrare. Infatti, il mini eolico è così chiamato perché è un impianto poco ingombrante che raggiungere al massimo i 2 metri di altezza. E' possibile installarlo su strutture mobili, ad esempio camper e imbarcazioni di varie dimensioni, che in edifici come centri commerciali, agriturismo e parchi urbani. La grande espansione del mini eolico è dovuta proprio alla sua capacità di unire le piccole dimensioni ad una potenza che riesce a raggiungere anche i 200 kW. Inoltre, si tratta di una tipologia di impianti che sta destando molto interesse e quindi è probabile che da qui a pochi anni si verifichino ulteriori importanti progressi.
Il mini eolico, modello verticale

Soffiare LED mini turbina Piccolo Mulino a vento Luce giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,49€


Il mini eolico, classificazione e tipologie

Quando si parla di energie rinnovabili, è importante tener conto di numerosissimi fattori che rendono i vari impianti più o meno adatti a determinate situazioni. Il mini eolico, in questo senso, non fa eccezione. Si tratta di un sistema molto comodo e conveniente sotto vari punti di vista che presenta, come gli impianti eolici tradizionali, una precisa classificazione. In base alle dimensioni della struttura, alla potenza elettrica erogata e al diametro del rotore, il mini eolico si presta in maniera più o meno adeguata all'installazione su particolari tipi di strutture, fisse o mobili. A seconda delle taglie, il mini eolico presenta impianti di taglia XS, che erogano energia paria a qualche centinaio di watt, e sono adeguati per imbarcazioni, camper e piccole utenze abbastanza isolate; impianti di taglia S, che erogano da 1 kW a 6 kW ed sono applicabili a strutture commerciali e abitazioni anche in ambiente urbano; impianti di taglia M, che erogano dai 6 kW ai 60 kW, e sono quindi adatti per agriturismi, villaggi, strutture commerciali e piccole e medie imprese; e, infine, impianti di taglia L, che erogano dai 60 kW ai 200 kW, consigliate per aziende agricole e PMI.

  • Pale eoliche Per costruire delle pale eoliche fai da te è necessario trovare tutto l'occorrente: eliche sottili in legno o al limite anche in metallo, per il mozzo rotante usare una ruota della bicicletta, tavole ...
  • Kit generatore eolico L'impianto eolico è quel meccanismo che consente di sfruttare la potenza del vento per generare energia elettrica, ovvero un'energia pulita, rinnovabile, che non inquina e non si esaurisce. Molti rico...
  • Pala eolica fai da te L'energia eolica fai da te è una soluzione non difficile da realizzare per chi vuole mettere in atto uno stile di vita attento all'ambiente senza spendere molto. I piccoli impianti domestici sono l'id...
  • Impianti eolici Il vento è una delle fonti energetiche più antiche. Sebbene sia stato utilizzato dall'uomo da sempre - prima nella navigazione, poi per i mulini - solo negli ultimi decenni si è pensato di sfruttarlo ...

HUKOER generatore di turbina eolica e di controllo del vento impermeabile 24V 400W 5 lame basso Wind Top partenza velocità nominale NSK cuscinetti giardino luci di strada turbine eoliche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 299€
(Risparmi 300€)


Il mini eolico verticale e il mini eolico orizzontale

Il mini eolico in un sistema di più impianti Come già accennato, però, il mini eolico non è classificabile solo in base alla taglia dell'impianto e alla potenza energetica erogata. Questo particolare sistema di produzione elettrica, infatti, può essere installato su asse orizzontale o verticale, in base alle esigenze logistiche e funzionali dell'ambiente e dell'edificio interessati. Il mini eolico ad asse orizzontale può presentare una impianto a bipala, tripala o multipala. Si tratta della tipologia di mini eolico più comune e diffusa, molto più vicino al modello standard degli impianti eolici. Il mini eolico verticale, invece, è meno diffuso e più costoso, ma anche più silenzioso di quello orizzontale. In genere, presenta un rotore centrale e le pale sono posizionate in posizione parallela al rotore stesso. Ma come scegliere tra questi due tipi di impianti? Entrambi portano determinati vantaggi. Il mini eolico orizzontale presenta un'intensità ventosa sopportabile compresa tra i 20 e i 25 m/s, raggiunge una potenza massima di 200 kW e una rumorosità contenuta in ogni tipo di modello. Tuttavia, non è la scelta migliore in caso per zone esposte a frequenti cambi di direzione dei venti.


Il mini eolico verticale, innovazione e vantaggi

Detto del mini eolico orizzontale, che è il modello più conosciuto e comune, è importante soffermarsi sul mini eolico ad asse verticale che è rappresenta spesso una scelta ottimale, non ancora molto nota alla maggior parte dei consumatori, ma di grande prospettiva. Il mini eolico con aerogeneratore verticale è più costoso di quello orizzontale, ma si presta molto bene anche alle condizioni meteorologiche particolari, come quelle sopracitate. Inoltre, un altro vantaggio riguarda la capacità di avviamento di tale impianto in quanto il mini eolico orizzontale riesce ad entrare in funzione anche con soli 2m/s di intensità di vento. Resistente alle turbolenze, si tratta di un impianto che può presentare anche un'altezza molto contenuta ma, a differenza del modello orizzontale, presenta un peso superiore. Un particolare che potrebbe interessare soprattutto chi desidera installare questo tipo di impianti sul tetto o comunque sulla parte superiore della propria abitazione o del proprio esercizio commerciale.


Il mini eolico domestico, vantaggi e convenienza

Naturalmente il mini eolico, come gli altri impianti di energia rinnovabile, può essere installato anche in abitazioni. Grazie alle numerose ricerche condotte negli ultimi decenni, anche il mini eolico permette di ottenere un'importante risparmio energetico in casa. Tra i numerosi vantaggi offerti da questo particolare tipo di impianto eolico, figura sicuramente la convenienza, dovuta anche alle piccole dimensioni dell'impianto stesso e ai vari piani di incentivazione statale che provengono dall'Unione Europea. Innanzitutto è importante scegliere il luogo dell'abitazione in cui installare il mini eolico, in base soprattutto alla sua esposizione all'intensità ventosa. Per verificarlo, è possibile consultare l'Atlante Eolico d'Italia online oppure rivolgersi ad esperti. In seguito, proprio in base all'esposizione, si può scegliere tra il modello orizzontale e quello verticale, a seconda delle esigenze economiche e alle prestazioni che la posizione dell'abitazione permette di ottenere dall'installazione dell'impianto.


Il mini eolico, zone ottimali e incentivi

Il mini eolico rappresenta dunque un'ottima opportunità nell'ambito dell'energia pulita, anche perché riesce ad unire efficienza e convenienza. E' importante considerare l'esposizione al vento della zona interessata. A ciò segue l'analisi anemometrica, ovvero un'accurata perizia che considera l'intensità di vento in periodi più o meno lunghi di tempo. Come già accennato, gli stati membri dell'Unione Europea mettono a disposizione alcuni incentivi che riguardano anche il mini eolico e permettono quindi un vantaggio considerevole da far fruttare nel lungo periodo, considerato l'importante risparmio energetico garantito dalle energie rinnovabili, sia in ambito domestico che in ambito aziendale. Tra gli incentivi, vi è la Tariffa Omnicomprensiva, consigliata per impianti di potenza elevata, che comporta un guadagno di 0,30 euro per ogni kWh che viene immesso nella corrente elettrica. Per gli impianti di piccola taglia, invece, è consigliabile lo "Scambio sul posto" che calcola la differenza tra energia prodotta ed energia consumata: se l'energia prodotta è maggiore rispetto a quella consumata, la differenza viene accreditata in bolletta; al contrario, la differenza si paga in bolletta.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO