Bonsai olivo

Quanto annaffiare il bonsai olivo

Il bonsai olivo, come la pianta tradizionale, non ha particolari esigenze idriche. Gli esemplari coltivati all'aperto hanno minori necessità durante le stagioni piovose. Tuttavia è sempre raccomandabile integrare le normali precipitazioni atmosferiche con le annaffiature, in modo da garantire una quantità sempre costante d'acqua. Prima bisognerà verificare accuratamente che il terreno sia completamente asciutto anche sotto la superficie. Dopodiché si potrà procedere bagnando la pianta alla base e non sull'apparato fogliare. In linea indicativa, oltre a regolarsi con la pratica, si annaffierà un paio di volte a settimana nella stagione autunnale e in quella primaverile, una volta ogni 15 giorni in inverno e quotidianamente nei periodi estivi. Sulla parte aerea del bonsai olivo, periodicamente, si può effettuare una nebulizzazione con un apposito spruzzino.
Bonsai olivo

10 Bonsai albero (Olea europaea) Semi PCS oliva, bonsai mini Ulivo RAREbonsai semi di albero per la casa giardino miglior regalo in ufficio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come curare il bonsai olivo

Coltivazione bonsai olivo Tutti i bonsai necessitano di un po' di attenzione e di cure. Anche il bonsai olivo va controllato e sistemato durante la fase di sviluppo, cercando di correggere le anomalie e, soprattutto, dando una forma accattivante all'estetica della pianta. La prima potatura potrà essere fatta in inverno, seguita da un successivo intervento con la ripresa vegetativa primaverile. Quindi si potrà eseguire una cimatura alcuni mesi dopo, sempre curando minuziosamente la forma della chioma. Ogni taglio dovrà essere fatto con una lama ben affilata e pulita, all'occorrenza ricorrendo ad un prodotto cicatrizzante per la cura della ferita. La potatura serve anche per garantire a tutte le parti del bonsai olivo di ricevere una giusta quantità di luce. Completano l'opera di cure del bonsai olivo le operazioni fatte con i tiranti e con i pesi, finalizzate a direzionare le ramificazioni.

  • Bonsai gardenia Questo sempreverde proviene da diversi continenti ed è apprezzato per le meravigliose infiorescenze estive, a tinte immacolate e gialline. Nella versione bonsai, andrà indifferentemente posizionato al...
  • Bonsai melo La versione bonsai del diffusissimo albero fruttifero risulta apprezzata e coltivata in ogni angolo del pianeta per le sue magnifiche e variopinte infiorescenze primaverili. Per la sua realizzazione, ...
  • Bonsai pepe Questa deliziosa pianta risulta oggigiorno assai diffusa e apprezzata dagli appassionati di bonsai per il lucido e rigoglioso fogliame e per il suo naturale portamento ricadente. È un bonsai tipicamen...
  • Bonsai rose L'esposizione del Bonsai rose è sicuramente preferibile in una zona abbastanza luminosa e ventilata, facendo molta attenzione a ripararlo dal sole troppo forte d'estate, e dal freddo gelido in inverno...

SAFLAX - Larice comune - 75 semi- Bonsai all'aperto - Larix decidua

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,75€


Il terreno per il bonsai olivo

Olivo esposizione Il bonsai olivo, generalmente, viene acquistato presso un vivaista specializzato ed è già contenuto all'interno di un vaso. Il terreno, comunque, dovrà essere soffice e ben drenato. Sebbene la pianta non abbia particolari necessità, non si devono creare ristagni idrici, che potrebbero provocare pericolosi marciumi. Per quanto riguarda la concimazione si dovrà procedere con due interventi: uno in primavera e uno in autunno. È buona norma ripristinare il livello dei nutrienti presenti nella terra aggiungendo all'acqua per innaffiare un po' di concimazione liquida, usando un prodotto specifico acquistabile nei negozi di giardinaggio. L'operazione potrà essere ripetuta dopo una ventina di giorni. Quando la terra ha completamente esaurito i nutrienti si potrà rinvasare in un altro contenitore, avendo particolare cura a non rovinare l'apparato radicale.


Bonsai olivo: Clima ed esposizione ideale

Bonsai olivo Il bonsai olivo, come la pianta normale di olivo, cresce bene all'aperto. Può essere coltivato anche al chiuso, purché si rispettino i cicli naturali, cercando di riprodurre il più possibile le condizioni climatiche. In inverno è meglio porre il vaso in un luogo riparato, in modo da proteggerlo dagli agenti atmosferici particolarmente rigidi. In primavera, con le prime gemme che iniziano a sbocciare, è possibile sistemare la pianta di bonsai olivo alla luce del sole. Con l'arrivo della stagione calda è raccomandato iniziare i primi trattamenti preventivi, per evitare attacchi parassitari, fungini e la cocciniglia. In piena estate è meglio riparare il bonsai olivo dalla luce diretta del sole nelle ore più calde. Prima di settembre si può mettere di nuovo il bonsai a tutto sole, per sistemarlo nuovamente in luogo riparato con l'inizio dell'autunno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO