Potatura bouganville

Potatura bouganville di formazione

La potatura bouganville va eseguita ogni anno alla fine del periodo vegetativo, quando la maggior parte delle brattee sono secche. È un'operazione necessaria per permettere alla pianta di crescere in maniera rigogliosa. I tagli devono essere diretti a far arieggiare la chioma, dandole la forma desiderata: ad albero, a siepe, a bonsai. Importante è scegliere il periodo giusto per la potatura e soprattutto eseguire una selezione accurata dei rami da tagliare, poiché i fiori e le brattee colorate non spunteranno sui nuovi virgulti ma su quelli dell'anno precedente. Alla comparsa delle prime gemme floreali vanno rimossi i rami secchi, rovinati e quelli malati. I rami principali vanno accorciati per circa la metà della loro lunghezza, mentre le ramificazioni secondarie vanno sistemate per diradare i rami interni e far arieggiare la chioma.
Bouganville brattee bianche

Einhell GC-EC 750 T Svettatoio Elettrico, 750 W, Rosso, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 81,4€
(Risparmi 8,55€)


Potatura bouganville in fase vegetativa

Potatura bouganville La potatura bouganville può essere fatta anche in piena fase vegetativa. Questo intervento è possibile soprattutto in quelle zone in cui il clima caldo permette uno sviluppo maggiore della pianta. Non è possibile effettuarla in zone a clima freddo, come quelle collinari e montane, né è fattibile sulle piante coltivate in vaso, che presentano uno sviluppo limitato rispetto a quelle che dimorano in giardino. La caratteristica di questa pianta è che cresce molto rapidamente, le ramificazioni si allungano rapidamente, la chioma potrebbe essere già sviluppata all'inizio della fase vegetativa. È questo il momento in cui effettuare dei tagli significativi, rivolti ad eliminare le ramificazioni che disordinano la struttura complessiva e che possono limitare lo sviluppo delle brattee colorate e delle loro infiorescenze.

  • Bouganville Glabra La bouganville è una pianta da giardino originaria dell'America del sud, proveniente da zone tropicali, questa pianta è molto rigogliosa: si arrampica facilmente ovunque trova un appiglio, producendo ...
  • piante di ulivo Prima di addentrarci nelle manovre di potatura degli ulivi, è importante comprendere le finalità di questa operazione. Innanzitutto, la potatura è una tecnica volta a ottimizzare la quantità e la qual...
  • Gelsomino La pianta del gelsomino si presenta con fiori piccoli e bianchi e teme il freddo, quindi è consigliato farla crescere a cespuglio, magari nei giardini. E' una pianta rampicante che ha bisogno di tante...
  • esempio di piante grasse Il primo grande gruppo di piante grasse esistenti è chiamato cartacee. Esse possono avere o un fusto principale con varie ramificazioni su tutta la superficie, o più propaggini che partono tutte dalla...

Fiskars Cesoie per siepi PowerGear II, Sistema a cremagliera, Rivestimento antiaderente, Lame in acciaio inossidabile, Lunghezza: 57 cm, Nero/Arancione, HS72, 1000596

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,29€
(Risparmi 18,68€)


Tecnica a pizzico

Pianta bouganville Durante tutto l'anno è possibile eseguire una particolare potatura boungaville, chiamata "a pizzico". Mentre con le potature classiche si agisce con tagli diretti a sfoltire i rami che hanno problemi a seguire la forma scelta, data alla pianta, con la potatura a pizzico si interviene in maniera delicata, utilizzando solo le mani. Con essa si rimuovere la cima rinsecchita, in cui sia le brattee che i fiori al loro interno sono rovinati. L'operazione è eseguibile di giorno in giorno, man mano che si notano delle brattee e dei fiori secchi. Lo scopo è rinvigorire la pianta eliminando le parti non più vitali per favorire lo sviluppo di nuove infiorescenze. Inoltre si evita che i parassiti si annidano nelle foglie secche. È una potatura che può essere eseguita durante tutto l'anno, soprattutto nel periodo estivo quando la fioritura è maggiore.




COMMENTI SULL' ARTICOLO