Controsoffitti in cartongesso

I controsoffitti in cartongesso

I controsoffitti in cartongesso sono presenti in molte case e in una quantità di edifici di varia natura: negozi, uffici ecc. Questi si realizzano per una grande varietà di scopi, primo fra tutti quello estetico, ma anche per motivi di isolamento, per motivi di spazio o per motivi funzionali come far passare impianti o tubature. Molti edifici di nuova costruzione vengono progettati già con predisposizioni strutturali per ospitare controsoffitti, come ad esempio appartamenti in classe "A" che hanno impianti di ricircolo dell'aria nascosti da controsoffitti ispezionabili. Molto diffusi sono i ribassamenti che ospitano faretti o altri tipi di illuminazione come lame di luce, gole luce o altri ancora.Non meno utilizzati sono i controsoffitti portanti che danno la possibilità di ricavare spazi da utilizzare come magazzino o ripostiglio. Negli edifici pubblici i controsoffitti assumono importanza anche a livello acustico oltre che estetico.
Controsoffitto in cartongesso

Molla Doppia Per Gancio Pendino Per L'Ancoraggio Di Strutture Per Contro Soffittatura In Cartongesso.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,22€


La struttura metallica dei controsoffitti in cartongesso

Profilo per cartongesso Realizzare controsoffitti in cartongesso é molto semplice se si conoscono tutti i passaggi costruttivi. Il primo di questi, come per qualsiasi costruzione in cartongesso, é la realizzazione di una struttura metallica. I profilati per cartongesso sono specifici per questo scopo, sono di lamiera zincata ed hanno uno spessore nominale di 6 decimi di mm. Essi si dividono in guide e montanti, le guide variano solo per misura mentre i montanti si dividono in profili da parete o da soffitto. Questi ultimi sono quelli di cui avremo bisogno per le nostre realizzazioni ed i più comuni hanno una sezione a "C" avente sezione 50x27 mm.Per realizzare un controsoffitto una volta stabilita e tracciata la quota dovremo fissare le guide lungo il perimetro delle pareti con tasselli idonei. Le guide sono commercializzate in barre da 3 metri. Per tagliarle é sufficiente una comune cesoia da lattoniere.

  • Soffitto a cassettoni I soffitti a cassettoni rievocano nella mente le famiglie nobiliari di una volta, quei meravigliosi soffitti che troviamo nei musei o nelle ville antiche. Oggi iniziano ad essere presenti anche nelle ...
  • Pannelli per controsoffitti I pannelli per controsoffitti sono delle strutture, in genere in materiale sintetico, di forma rettangolare. Si utilizzano per dare vita alle controsoffittature di qualsiasi ambiente, sia all'interno ...
  • controsoffittatura Armstrong Controsoffitti da anni realizza controsoffitti acustici ed è presente nel mondo con 42 sedi e 15 mila dipendenti. L’azienda Armstrong World Industries nasce 1860 ed oggi è leader mondiale ne...
  • Muri divisori cartongesso Chi di voi non ha mai pensato di ricavare nella propria abitazione due spazi all'interno di un'unica stanza molto ampia? E chi di voi invece non ha mai pensato di fare una controsoffittatura? Nell'era...

Porta Faretto in Gesso CERAMICO da Incasso Quadrato con Vetro per Controsoffitti per GU10 e MR16

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


La pendinatura e lo staffaggio

Doppia struttura staffata Una volta fissate le guide al perimetro bisognerà procedere con la posa dei profili per cartongesso e con la pendinatura o lo staffaggio degli stessi. Se il controsoffitto che vorremo costruire ha un lato inferiore ad un metro o di poco superiore, sarà sufficiente una struttura singola, se invece la larghezza è superiore ad un metro dovremo necessariamente installare una struttura doppia. Questo tipo di struttura si compone di due parti: quella primaria, che è fissata direttamente al soffitto mediante un sistema di pendini, molle per la regolazione e tasselli adatti al fissaggio a plafone e quella secondaria a cui fisseremo le lastre. La primaria verrà realizzata ad una quota più alta e mediante un sistema di aggancio con appositi ganci, detti a cavaliere, verrà fissata alla struttura secondaria che sarà complanare alle guide precedentemente fissate e che useremo come supporto per avvitare le lastre in cartongesso.


Fissare le lastre

Controsoffitto in costruzione La fase più divertente della realizzazione dei controsoffitti in cartongesso è il fissaggio delle lastre. Con essa sarà possibile intravedere il lavoro per come si presenterà ad opera finita ed è la parte più manuale e creativa. Il cartongesso è un materiale molto facile da lavorare, per tagliarlo è sufficiente un comune cutter con lama da almeno 18 mm. Si incide un lato del cartongesso e applicando una piccola forza esso si rompe lungo la linea tagliata, si termina il taglio incidendo la carta dalla parte opposta. Per forarlo, in caso si vogliano installare faretti, è sufficiente una comune fresa a tazza oppure si possono effettuare i fori anche manualmente con un po' di fatica, utilizzando il cutter. Per i controsoffitti si possono utilizzare anche le lastre da 10 mm di spessore, ma sono raccomandate quelle da 13 mm per prevenire successive flessioni. In ambienti umidi come bagni e cucine è bene utilizzare le lastre apposite che solitamente hanno il cartone di colore verde pallido.


I controsoffitti in cartongesso autoportanti

Se si desidera realizzare controsoffitti in cartongesso non solo per scopi estetici, ma anche con la finalità di sfruttare lo spazio creato nel controsoffitto stesso, non sarà possibile utilizzare la struttura per controsoffitti. Essa è progettata per essere pendinata e staffata al plafone, ma se dobbiamo utilizzare lo spazio i pendini ed i sistemi di sospensione ci sarebbero d'intralcio, ecco perché bisognerà realizzare un controsoffitto autoportante. Esso si può costruire con la raccomandazione di non superare mai i due metri di larghezza. Il segreto è quello di utilizzare le strutture da parete, per questioni di spazio la più adatta è la struttura da 50 mm. Il procedimento è il medesimo, si inizia fissando la guida a parete assicurandosi che i tasselli siano adatti, e dato che sarà l'unico punto di ancoraggio non bisognerà lesinare con il numero dei fissaggi. La struttura portante sarà costituita dai montanti da parete che dovranno essere "scatolati", ciò vuol dire che dovremo inserire un montante nell'altro in maniera da ottenere un tubo quadro da 50 mm. I montanti da cartongesso sono progettati per questa funzione, infatti hanno un lato più corto di circa 2 mm.


Controsoffitti in cartongesso per usi particolari

I controsoffitti in cartongesso oltre che per fini estetici, o per motivi di spazio possono essere utilizzati per gli scopi più disparati. L'idustria del cartongesso, in tal senso, è molto vasta. Esistono lastre con particolari proprietà isolanti oppure acustiche. Un controsoffitto può essere realizzato per migliorare l'isolamento termico di un ambiente, ma anche per modificarlo. Esistono infatti controsoffitti "attivati" all'interno dei quali passano serpentine di tubi che servono al riscaldamento o al raffreddamento di un ambiente, funzionamento simile a quello dei pavimenti riscaldati. Ancora sono disponibili sul mercato specializzato una grande quantità di controsoffitti acustici con particolari forature e rivestimenti che uniscono le proprietà di assorbimento sonoro a quelle estetiche. Questi ultimi sono molto utili in ambienti come cinema, ristoranti, teatri, sale conferenza dove la riflessione acustica del controsoffitto ha una importante rilevanza.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO