Pareti mobili

Le pareti mobili: che cosa sono

Le pareti mobili sono elementi scorrevoli o che comunque si possono spostare: in questo modo l'ambiente si può modificare e suddividere in base alle proprie esigenze. Possono essere usate per necessità momentanee oppure per dividere gli spazi in maniera flessibile e cambiare la distribuzione dei vani in modo rapido, semplice e sempre variabile. In genere le pareti mobili sono realizzate in materiali leggeri, così da poter essere spostate senza problemi: in ogni caso sono soluzioni solide, che durano a lungo, resistenti e che non necessitano di interventi edili per essere installate. Sono elementi architettonici diffusi non soltanto nelle abitazioni, ma anche negli uffici: infatti consentono di creare ambienti autonomi, ma che all'occorrenza possono diventare comunicanti oppure che si possono riunire in un unico spazio. Al tempo stesso sono molto apprezzate anche in edifici che ospitano centri congressi, istituzioni e biblioteche.
Pareti mobili in centro congressi

Bioecoshop Parete Divisoria In Cartone Bioeco Kub Ha Mis 300 x 25 Cm H 200 Cm Finitura Cartone Naturale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 167€


I prezzi che hanno le pareti mobili

Pareti mobili in ufficio In base al materiale di cui sono fatte e alle dimensioni, le pareti mobili hanno prezzi molto variabili. Ad esempio il policarbonato opaco consente di avere soluzioni economiche, ma che si spostano con grande facilità: la loro leggerezza è data dal fatto che il materiale è sottile e quindi non è fonoassorbente. Tuttavia le pareti mobili in policarbonato possono raggiungere anche notevoli dimensioni, sia per quanto riguarda la lunghezza che per l'altezza. Il prezzo di un elemento alto 3 metri e lungo un metro va dai 100 ai 150 euro. Se invece si opta per pareti mobili in legno, metallo oppure vetro i costi vanno dai 300 ai 500 euro. Inoltre bisogna tenere a mente che i prezzi sono più alti se si vuole una soluzione attrezzata con ripiani oppure mensole. In questo modo l'elemento può essere usato in tante modalità differenti.

  • Pareti manovrabili in ufficio Le pareti manovrabili sono utilissime per coloro che hanno a disposizione poca metratura e non solo. Infatti, sia per gli uffici che per gli interni delle abitazioni molte persone preferiscono suddivi...
  • Pareti divisorie Le pareti divisorie casa possono essere fisse oppure mobili: queste ultime sono soluzioni sempre più apprezzate e diffuse perché consentono di suddividere gli ambienti a proprio piacere. Inoltre si pu...
  • Pareti divisorie mobili possono dividere gli spazi interni Le pareti divisorie mobili rappresentano una soluzione di grande efficacia, gusto ed impatto all'interno di una abitazione. Due sono gli usi tipici di questa intelligente soluzione d'arredamento: la p...
  • Pannelli scorrevoli giapponesi Le pareti scorrevoli giapponesi adottano in maniera innovativa lo shoji, cioè il cosiddetto pannello giapponese: si tratta di una sorta di paravento molto bello, colorato e originale che viene usato c...

Mudder Set di Pennelli Spugna con Manico in Legno per Pareti e Mobili Vernice, 5 Diverse Dimensioni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 8€)


Alcuni modelli di pareti mobili

Pareti mobili in casa In commercio vi sono tanti modelli diversi di pareti mobili, che possono rispondere in maniera più o meno efficiente alle varie esigenze della clientela. Alcune soluzioni sono molto sottili e quindi molto flessibili: sono molto versatili, tuttavia non è possibile attrezzarle e quindi risultano abbastanza economiche. Il gran numero di prodotti tra i quali poter scegliere è dato dalla sempre maggior domanda da parte del settore dell'interior design. In genere le pareti mobili divisorie che impiegano un sistema di apertura scorrevole sono adottate in casa per modificare la distribuzione dei vani oppure per le cabine armadio. In questo modo si può rispondere senza problemi e in maniera rapida a necessità che mutano con il passare del tempo. Vi sono infine modelli più robusti, personalizzabili e complessi, che possono essere usati come tavoli, ripiani, mensole oppure librerie. Infatti se il supporto è solido, vi si fissano complementi d'arredo, così da avere un elemento polifunzionale.


Pareti mobili: I materiali usati per le pareti mobili

Pareti mobili divisorie Le pareti mobili possono adottare un gran numero di materiali, così da avere risultati molto diversi tra loro: i modelli più diffusi sono in plexiglass trasparente o colorato e in policarbonato, per unire una certa resistenza e la massima leggerezza. Se invece si vuole avere un elemento fonoassorbente è necessario optare per altri materiali: lo stesso vale nel caso in cui la parete abbia dei ripiani oppure se viene spostata spesso. Inoltre bisogna tener conto dei gusti del cliente per quanto riguarda l'estetica: infatti i risultati migliori si ottengono con materiali diversi da quelli plastici, ad esempio i profilati metallici. Vi è poi la possibilità di rivestire le pareti mobili in plastica o simili con materie più pregiate, come il legno, l'alluminio o elementi decorativi. In questo modo il risultato estetico finale è di livello superiore.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO