Orchidee oncidium

Caratteristiche delle orchidee oncidium

Secondo alcuni botanici sono oltre 700 le specie di orchidea Oncilium esistenti. Diverse per tonalità di colore, sfumature, dimensioni e forma dei fiori, si prestano bene per la coltivazione in diverse zone. Alcune specie sono caratteristiche delle aree collinari, altre trovano il loro habitat naturale nelle zone montuose. Quasi tutte le specie, comunque, presentano la stessa tipologia di infiorescenza disposta a pannocchia che tende ad aprirsi contemporaneamente. I colori possono variare, anche se solitamente assumono le varie tonalità del giallo. Raramente si possono avere varietà con fiori bianchi o rossi. Le foglie, sebbene vi siano all'interno della specie delle eccezioni, sono generalmente piatte. Alcune varietà possono avere foglie dalla forma cilindrica o a ventaglio. La distinzione tra le varie qualità di orchidee Oncidium viene generalmente fatta in funzione delle loro esigenze ambientali: alcune prediligono ambienti secchi, altre zone umide, altre infine richiedono condizioni ambientali diverse in base alla stagione climatica.
Orchidea gialla

Foglie di orchidea Oncidium, radici aeree, verde, 25 cm, Ø 45 cm - Foglie di orchidea artificiali / Orchidea decorativa - artplants

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,9€


Coltivazione delle orchidee oncilium

Orchidea oncidium Ogni specie predilige un determinato tipo di ambiente: a fianco di varietà che richiedono annaffiature costanti anche in inverno, vi sono altre specie che richiedono interventi sporadici perfino nei mesi più caldi dell'anno. Vi sono tuttavia alcune caratteristiche di coltivazione che accomunano tutte le orchidee Oncilium. Innanzitutto l'ambiente arieggiato. Occorre considerare che il loro habitat naturale è rappresentato da zone soggette a ventilazione costante, una brezza leggera che aiuta la pianta a scongiurare il richio di marciume dell'impianto radicale. Per quanto riguarda invece le temperature è impossibile stabilire quale sia quella ideale, poiché ogni specie ha esigenze diverse. Anche luce ed umidità variano da esemplare ad esemplare, anche se in linea di massima le piante tendono a prediligere ambienti umidi.

  • Sezioni botaniche di orchidea Le orchidee sono delle piante d'appartamento molto diffuse in Italia, la cui origine però si colloca molto lontano dal nostro Paese, ovvero nelle zone tropicali e sub tropicali di Asia e America. Le o...
  • Ramo di orchidee bianche Per la riproduzione delle orchidee è poco usata la tecnica dei semi, in quanto alcune varietà di questo magnifico fiore rientrano tra le specie protette. Le tecniche più usate dunque sono quelle agami...
  • Orchidea da travasare Un tempo ritenute piante rare e molto pregiate, le orchidee si sono ben ambientate, grazie anche alle nuove varietà, alla vita alle nostre latitudini. Il prezzo, un tempo quasi proibitivo, è diventato...
  • Esemplare di orchidea Le orchidee appartengono a una grandissima famiglia, che conta oltre 20.000 specie diffuse in tutto il mondo: si va da quelle tropicali a quelle boschive, dagli esemplari che vivono nel terreno a quel...

TYEERDEC Fiori di Orchidea Artificiali 12 Pezzi Artificiale Dancing Lady Orchidea di Seta di Oncidium per Decorazione di Matrimonio Casa ed Ufficio (Viola)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Orchidee oncidium: Concimazione e cure

ORchidea ballerina Nel momento in cui l'orchidea Oncilium riprende la sua attività vegetativa (solitamente a fine inverno) occorre provvedere al rinvaso nel caso in cui il contenitore sia divenuto insufficiente a contenere la pianta, oltre che ad una buona concimazione. Il fertilizzante da utilizzare dovrebbe contenere un'alta percentuale di azoto, unito a fosforo e potassio in quantità più ridotte. Quando si iniziano a notare i primi boccioli occorre passare ad un concime che offra una maggiore quantità di fosforo e potassio ed una percentuale più bassa di azoto. Questo passaggio è molto importante in quanto fertilizzanti troppo ricchi di azoto potrebbero compromettere la fioritura della pianta. Nei restanti mesi dell'anno è possibile utilizzare concimi equamente bilanciati. Le dosi di fertilizzante da somministrare alla pianta settimanalmente non dovranno mai eccedere la quantità di un grammo di prodotto da sciogliere in un litro di acqua.



COMMENTI SULL' ARTICOLO