Potare le rose

Perché potare le rose con regolarità

Potare le rose è un'operazione necessaria per il benessere della nostra pianta. La potatura, infatti, serve a dare nuovo vigore alla rosa: eliminando i rami e le foglie secche permetteremo ai nuovi germogli di crescere meglio. Togliere delle possibili estremità malformate dà inoltre la possibilità alla pianta di concentrare le proprie risorse sulla parte sana. La potatura, però, non è solo una questione di salute; può essere utile anche per assecondare il proprio gusto personale e migliorare l'estetica della pianta. Potando le rose, infatti, le si può portare alle dimensioni desiderate e più adatte all'ambiente che vogliamo decorare, o modellarne la forma secondo gli spazi e le esigenze che abbiamo. Possiamo, infine, scegliere di potare la pianta per diminuire il numero dei suoi steli: in questo modo, concentrando le risorse, è possibile ottenere fiori più grandi.
Rose

Handlandy lunghi guanti da giardinaggio per uomini e donne, Pigskin Leather rose potare guanti traspiranti e resistenti, con spina a prova di sfida

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€


Potare le rose: qual è il momento giusto?

Potare le rose Ci sono due periodi nel corso dell'anno durante i quali è preferibile potare le rose: l'inverno e l'estate. La potatura invernale, che si effettua quando la pianta è a riposo, serve a eliminare i rami secchi e a preparala alla futura gemmazione. Il periodo migliore è quindi quell'intervallo di tempo che intercorre tra la caduta delle foglie e lo spuntare delle nuove gemme, di solito in febbraio. La potatura estiva, invece, si effettua dopo la prima fioritura per eliminare i fiori appassiti. Questi ultimi, altrimenti, si trasformerebbero in cinorrodi, i falsi frutti tipici della rosa, indebolendo la pianta e impedendo una possibile seconda fioritura. Se la pianta farà nuovi fiori dopo questa potatura (di solito avviene in circa due mesi), è possibile procedere a un'ulteriore potatura, e così fino all'approssimarsi dell'inverno.

  • Malattie rose Le malattie delle Rose sono per lo più provocate dai funghi: possono colpire le parti verdi della pianta oppure l'apparato radicale. Sono provocate soprattutto dalla presenza di ristagni idrici e da u...
  • Rose Piantare le rose e farle crescere è il sogno di ogni giardiniere, perché questo fiore, con le sue innumerevoli varianti, è da sempre considerato uno degli elementi più decorativi di ogni giardino o di...
  • Esempio di rose botaniche La rosa è una pianta da fiore di grande bellezza e che si ritrova spesso come specie ornamentale nei giardini. Ne esistono tantissime varietà, sia presenti in natura che create attraverso vari incroci...
  • aiuola da giardino Le aiuole giardino sono elementi decorativi molto apprezzati: per mettere a punto la soluzione bisogna tenere conto delle dimensioni dello spazio verde esterno, le piante che si vogliono adottare, l'e...

Jardineer - Set di guanti da giardinaggio a prova di spina, ideali per potatura di rose, comodi per lavori in cortile, con cesoie per potare i fiori, idea regalo perfetta per il giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,72€


Come potare le rose

Come potare le rose Prima di potare le rose, ci sono diversi accorgimenti da tenere a mente. In primo luogo, scegliete con cura i rami da potare. È bene togliere i polloni, ovvero i rami che sviluppano direttamente dalla radice e che si distinguono per il fogliame diverso dal resto della pianta. Questi vanno eliminati con un taglio netto effettuato lungo la radice dalla quale sono spuntati. I rami più vecchi, invece, vanno asportati lasciando sempre un germoglio laterale. Il taglio è la parte più delicata e importante del procedimento. Si deve trattare di un taglio netto e obliquo, ma senza esagerare. L'angolazione ideale da dare è di circa 45°. Questa inclinazione consente all'acqua di scivolare senza ristagnare sul ramo potato, quindi diminuisce la possibile formazione di muffe e funghi. Il taglio, inoltre, va fatto al di sopra di una gemma, ma non deve essere né troppo vicino né troppo distante da essa.


Diverse tecniche per ciascuna varietà

Rose rampicanti Le rose non vanno potate tutte alla stessa maniera. In genere le piante con meno di due anni non vanno potate. In seguito, la potatura dovrà essere eseguita lasciando da tre a otto steli circa, in rapporto alle dimensioni della pianta. Le rose rampicanti, però, fanno eccezione, perché in questo caso più drastica sarà la potatura, maggiore sarà la fioritura. I rami di questa varietà sono più teneri e hanno bisogno di essere assistiti da un tutore. Quando si procederà alla potatura, quindi, è bene scegliere i rami più vigorosi da lasciare e fissarli con dei sostegni. Le rose a cespuglio vanno potate in base alla forma che si desidera conferire, ma è buona norma non farle sviluppare troppo in larghezza, perché sarebbero troppo esposte agli agenti climatici avversi. Le rose di piccola dimensione prediligono potature più leggere, mentre le qualità di rose nane non dovrebbero essere potate affatto.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO