Luce artificiale

La luce artificiale per creare atmosfera

L’elemento che probabilmente più incide sull’atmosfera di un’abitazione, è la luce artificiale che l’avvolge. Qualsiasi stanza o angolo della casa può essere più o meno valorizzato dalla sua illuminazione, tanto da influire persino sulla percezione della dimensione dell’ambiente. Quando la possibilità di sfruttare al meglio la luce naturale viene a mancare, bisogna affidarsi all’illuminazione artificiale, cercando di ottenere l’effetto più appropriato per ogni situazione. Una fredda luce al neon, utile ed efficace in una postazione di lavoro, può essere disturbante per il riposo se montata in camera da letto. Per distribuire al meglio la luce artificiale, basta attenersi a delle piccole accortezze ed imparare a sfruttare i chiarori e le ombre per "ingrandire" un ambiente o rendere più funzionale una zona della casa che necessita un illuminazione più intensa. Affidarsi ad un impianto di illuminazione ben progettato, può contribuire ad un notevole risparmio di consumi, e ad un miglioramento della fruibilità degli ambienti.
La luce artificiale come elemento di design per creare atmosfera

Bespick Lampada da coltivazione, 36 chip LED con spettro rosso/blu per piante da interno, collo d'oca regolabile (18W), metallo 18W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,99€


Come scegliere il giusto tipo di luce artificiale

Differenza tra luce calda e luce fredda Vanno prima di tutto distinte le luci calde da quelle fredde, le prime emanano un chiarore giallognolo che, riflettendo nell’ambiente, regala un atmosfera confortevole e riposante; quelle fredde invece, tendono ad accentuare gli ultravioletti presenti nei bianchi, risultando più asettiche e formali. La luce artificiale che deriva dalla scelta di un illuminazione calda o fredda, influenza totalmente l’ambiente circostante e contribuisce alla funzionalità della stanza. Un altro fattore molto importante da tenere in considerazione, è la differenza che c’è tra la luce diretta e quella riflessa; mentre quella diretta illumina una stanza in maniera omogenea ma "dura" tendendo ad appiattire il tutto, una luce riflessa è più morbida e confonde la percezione degli spazi con le zone d’ombra che si creano. Tenere conto di queste considerazioni può facilitare la scelta del tipo di impianto di luce artificiale da istallare.

  • Come illuminare un ufficio Perché l'ambiente di lavoro sia sempre confortevole e il rendimento sia sempre massimo è importante tener conto di numerosi fattori, tra cui uno dei più importanti è l’illuminazione. Infatti l'illumin...
  • Lanterna da esterno Le lanterne da esterno sono un affascinante complemento d'arredo da predisporre in giardino o in terrazza. Dotata di una porticina che si apre per introdurre una candela profumata, la lanterna diffond...
  • Luci casa Per garantire una luce soffusa o intensa, ma comunque costante ed efficiente, al giorno d'oggi si può scegliere tra varie soluzioni, sia per la casa che per uffici, giardini e così via. Quindi non più...
  • Esempio di striscia led Le strisce led sono chiamate anche strip led e sono state introdotte sul mercato molto recentemente. Sono componenti per l'illuminazione che hanno avuto un enorme successo grazie ai vantaggi che offro...

Shirylzee La Bella e La Bestia Rosa Eterna Luce di Vetro Rosa Cupola Luce a LED Fiore Artificiale Seta Rossa con Base Legno Lampada Decorazioni Regalo per Anniversario San Valentino Compleanno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,98€


Luce artificiale: Tipologie d’impianti

Illuminazione design L’ideale è scegliere l’illuminazione in base all’ambiente circostante. È sempre meglio preferire un plafoniera da soffitto o un applique da muro, se dobbiamo illuminare un ambiente piccolo, in quanto il riflesso della luce artificiale sul soffitto, contribuisce ad ingrandire la stanza. Un lampadario a sospensione o un impianto di faretti su binario, sono più adatti a degli ambienti molto spaziosi, dove l’ingombro dei componenti e la luce diretta che ne risulta, non influiscono sulla vivibilità della stanza. Nelle case di nuova realizzazione, sempre più frequentemente si ricorre all’istallazione di luce artificiale a scomparsa, e già in fase di progettazione vengono realizzati impianti di illuminazione integrati con la muratura dell’immobile. Ultimamente si ricorre sempre più spesso all’utilizzo di luci a led. Grazie al loro ridottissimo consumo elettrico, hanno quasi del tutto sostituito insieme alle lampadine elettroniche a basso consumo, i vecchi bulbi a incandescenza e le lampade alogene che comportavano consumi parecchio elevati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO