Accesso al fondo

Accesso al fondo di estranei

In linea di principio, la legge attribuisce al proprietario la facoltà di chiudere il proprio terreno, impedendo a chiunque sia l'entrata che il passaggio. Ciò rappresenta una logica conseguenza del diritto di proprietà che prevede in via generale la piena disponibilità del proprio bene e l'esclusività del suo utilizzo. Nondimeno, vi sono casi tassativamente previsti dalla legge nei quali il proprietario non può opporsi e deve obbligatoriamente tollerare l'accesso al fondo, seppur in maniera del tutto temporanea e transitoria. Queste circostanze, disciplinate dal codice civile, si verificano qualora risulti indispensabile l'ingresso nel fondo per la realizzazione o riparazione di specifiche opere di altrui proprietà, oppure nel caso di esercizio di attività venatoria autorizzata.
Fondo delimitato da rete

I rapporti di buon vicinato. Condominio, piantagioni, distanze, luci, vedute, costruzioni, fossi, tubi, immissioni, accesso al fondo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,78€
(Risparmi 0,79€)


Casi specifici di accesso al fondo autorizzato

Cancello di entrata del fondo L'art. 843 c.c. consente, innanzitutto, l'ingresso in un terreno quando sia assolutamente necessario per edificare o restaurare opere o manufatti di proprietà comune o di altre persone, prevedendo anche il versamento di un indennizzo nel caso di eventuali danneggiamenti. L'attività edilizia, ovviamente, deve essere giustificata da reali esigenze, nonché effettuata con il minor danno possibile per l'immobile e i diritti e le facoltà del suo titolare. Qualora il proprietario si dovesse opporre all'ingresso, sarà compito del Tribunale accertare la sussistenza dei requisiti di legge per l'accesso al fondo. In secondo luogo, la legge rende possibile a chiunque il passaggio nel terreno altrui per permettere il recupero di una cosa oppure di un animale che si sia introdotto accidentalmente nel campo.

  • Lavoro cantiere La manutenzione straordinaria senza DIA prevista dall'art. 5 del D.L. 40/2010 ha rappresentato un enorme passo avanti nella semplificazione degli adempimenti burocratici relativi ai lavori di ristrutt...
  • Casco da lavoro sopra una planimetria di un edificio È bene sapere che, per poter iniziare un qualsiasi tipo di lavoro di tipologia edilizia libera nella propria abitazione o immobile, è necessario seguire un iter burocratico per poter ottenere tutti i ...
  • Come costruire una tettoia in legno Per costruire una tettoia sul proprio uscio di casa, nel giardino o sul balcone, non è necessario avere spiccate capacità costruttive, ma stilare un progetto preciso e acquistare il materiale adatto. ...
  • Operai muniti di caschetto di sicurezza La legge sicurezza cantieri non è stata la prima del suo genere. Precedenti atti normativi riguardanti la sicurezza sul lavoro furono introdotti nella Costituzione Italiana già dai primi anni Trenta. ...

BINDER 8012-0397 porta d'accesso al fondo 30 mm, per modelli 23, 53, 115, 240, 400, 720 L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 472,08€
(Risparmi 33,56€)


Permesso per attività venatoria

Attività venatoria Una peculiare modalità di accesso al fondo, in conclusione, è quella indicata dall'art. 842 c.c.. Secondo tale articolo, difatti, durante il periodo venatorio il proprietario non può legittimamente opporsi all'entrata nel suo terreno dei cacciatori, se risultino in possesso della regolare licenza autorizzativa. Sono, peraltro, previste 2 eccezioni al suddetto principio di carattere generale. L'ingresso, infatti, potrà essere, in tutti i casi, vietato se il terreno sia recintato da opere in muratura o reti metalliche di discrete dimensioni, sia delimitato nei suoi confini da fiumi e torrenti, oppure se siano presenti stabili coltivazioni agricole che possano ricevere danneggiamenti. L'attività della pesca, al contrario, è sempre sottoposta al consenso del proprietario del fondo rustico.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO