Tegole

Perché usare le tegole

Tra i sistemi più utilizzati per realizzare coperture per il tetto stabili, durature e dalle alte prestazioni si ricordano le tegole. Questi elementi sono presenti in commercio in tanti modelli diversi, che si caratterizzano per differenti forme, formati e metodi di posa. Molto diffusi sono i coppi, moduli in ceramica che sono impiegati per le coperture tetto in Italia fin dal tempo degli antichi Romani. In genere la messa in posa avviene accostando un elemento all'altro sovrapponendolo in parte a quello precedente. Se la pendenza della falda è notevole, è possibile assicurare la stabilità della copertura inchiodando i moduli. Le tegole possono essere in tanti materiali diversi: molto comuni sono quelle in cotto e ceramica, ma esistono anche modelli in materie plastiche. Questi sono detti finte tegole e in genere hanno un costo inferiore rispetto ai moduli in ceramica. Esistono anche soluzioni particolari, come le tegole canadesi.
Tetto con copertura in tegole

Tegole Terracotta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,9€


Che cosa sono le tegole canadesi

tegole canadesi Le tegole canadesi sono elementi modulari molto utilizzati per realizzare coperture lignee e in genere sono pensate per le case in legno: in questo modo si hanno tetti uniformi che rispondono ai requisiti indicati dalla norma EN 544. Questa particolare tipologia di tegole si caratterizza per avere la forma di una placca bituminosa semi-rigida, che presenta spessore, forma e finiture di vario genere, in modo da poter soddisfare tutte le varie esigenze. In genere la posa delle tegole canadesi avviene in maniera tradizionale, sovrapponendo gli elementi e inchiodandoli al supporto. I moduli durano a lungo e sono realizzati in elementi naturali imputrescibili che possono adottare un’ampia gamma di colori. Qualunque sia la soluzione adottata bisogna tenere a mente che il piano di posa deve essere sempre perfettamente pulito, asciutto e complanare per un risultato a regola d’arte. Il sottofondo può essere in misto latero-cemento, in materiali di origine plastica, fatto di tavole stagionate oppure presentare una caldana di cemento sovrapposta a un solaio in latero-cemento.

  • Tetto di un'abitazione rivestito con tegole in cotto Le tegole in cotto rappresentano un elemento che ben distingue il paesaggio italiano da quello di tante altre città straniere. Infatti guardando dai tetti di grandi cittadine, come Roma e Firenze si p...
  • Copertura tetto Le caratteristiche di una copertura leggera tetto non sono le stesse di qualunque altro tipo di tetto. Infatti, anche se può essere considerata una soluzione inferiore, la copertura leggera del tetto ...
  • esempio di tetto con tegole portoghesi Le tegole sono dei componenti indispensabili per realizzazione di tetti e coperture di case ed edifici. Le loro caratteristiche sono tante e anche diverse come l'impermeabilità in quanto permettono al...
  • Esempio di tegola romana La tegola romana viene chiamata in questo modo perché riprende la forma e le caratteristiche della cosiddetta tegola di Vitruvio: si tratta del classico modello impiegato dalla tradizione costruttiva ...

Eco Roof Copertura per Tetti, Bituminosa, Granagliata, Rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,71€


Quando si usano tetti in tegole canadesi

Esempio di tegole canadesi Quando si ha a che fare con le tegole canadesi, i moduli presentano una struttura particolare: innanzitutto la faccia inferiore è realizzata in film in polietilene, sabbia fine oppure granuli di sughero. La scelta dipende dalle prestazioni offerte dalla copertura. Gli strati interni sono rappresentati da una mescola in materiale bituminoso e da un’armatura, semplice oppure doppia, in fibra di vetro. Infine la faccia superiore della tegola svolge una funzione di protezione e di finitura estetica, componendosi di un’autoprotezione metallica in rame o di una minerale ceramizzata di vari colori. Le tegole canadesi sono soluzioni veramente versatili, flessibili sia per il contesto in cui possono essere applicate che per le caratteristiche estetiche (colori e forme) e tecniche. In questo modo gli elementi si adattano perfettamente a qualunque soluzione architettonica e a ogni esigenza. Inoltre possono essere utilizzate per realizzare qualsiasi tipologia di tetto.


Come fare la messa in posa delle tegole

Esempio di copertura in tegole Per posare le tegole è necessario innanzitutto effettuare il tracciato della copertura, stendendo una linea orizzontale parallela alla gronda e posta a una distanza di 19 cm da questo elemento. Quindi si individua il punto di inizio e altri punti ognuno a una distanza di 100-150 cm dal primo; da questi due si segna un terzo punto a una distanza minima di 200 cm usando uno spago come compasso. A questo punto si unisce il primo punto con l’ultimo, tracciando una parallela e successivamente delle linee orizzontali distanti 14 cm l’una dall’altra, procedendo fino ad arrivare al colmo. Si applica sulla linea di gronda un cordolo bituminoso adesivo e si tagliano le faldine delle tegole per realizzare la fila di partenza. Si procede fissando il resto degli elementi modulari sul sottofondo fino a completare la copertura della falda. Si consiglia di sfalsare una fila di 12,5 cm circa rispetto a quella precedente per rendere più stabile il sistema tetto.


Come fare la posa delle tegole canadesi

Le tegole canadesi vengono chiamate bituminose perché vengono posate su uno strato adesivo bituminoso e perché possiedono una mescola nello stesso materiale all’interno: in questo modo si realizza una completa impermeabilizzazione del tetto in maniera rapida, facile e veloce. Per assicurare meglio la copertura al supporto ed evitare che possa spostarsi a causa di forti folate di vento, piogge intense e grandinate si consiglia di effettuare un’operazione di chiodatura. In questo caso bisogna utilizzare chiodi a testa larga lunghi 20-25 cm galvanizzati oppure zincati in base al materiale di cui è composto il sottofondo. Per ogni modulo si devono applicare 5-6 chiodi, che devono penetrare anche in quello sottostante. Bisogna tenere a mente che le tegole canadesi sono dotate di pastiglie autoadesive per agevolare il fissaggio delle faldine: questi elementi sono coperti da una striscia protettiva da eliminare durante la fase di messa in posa della copertura del tetto.


Tegole: Quali sono gli altri tipi di tegole

Tetto in tegole In commercio si trovano tante tipologie diverse di tegole. Molto apprezzate sono quelle marsigliesi, che devono il loro nome alla città francese in cui sono state inventate verso la metà dell'Ottocento. Si caratterizzano per avere solchi ai lati che favoriscono il deflusso dell'acqua piovana. In Italia è molto comune il coppo fiorentino, anch'esso in laterizio e dalla particolare forma curva. Altre tipologie di tegole sono quelle olandesi e portoghesi: entrambe hanno una forma simile, che si caratterizza per una parte piana e una ondulata. Quest'ultima va ad appoggiarsi sulla superficie piana dell'elemento a fianco. Le tegole olandesi si distinguono per il fatto di avere un'onda meno accentuata e omogenea per tutta la lunghezza dei moduli. Invece quelle portoghesi sono dotate di un'onda che si restringe in alto ed eventualmente con rilievi d'aggancio per un migliore fissaggio.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO