Cappotto termico

Che cos'è il cappotto termico e come viene realizzato

Il cappotto termico è una tecnica di coibentazione che interessa le pareti di un edificio e che viene impiegato molto spesso durante gli interventi per migliorare le prestazioni energetiche di un immobile: infatti prevede di applicare lo strato di materiale isolante non all'interno della parete ma al suo esterno. Di conseguenza non sono necessari interventi incisivi e si può realizzare anche in un edificio già esistente senza grossi problemi. La semplicità della messa in posa del cappotto termico fa sì che sia pressoché l'unica tecnica di coibentazione usata nelle ristrutturazioni edili e la più utilizzata anche per quanto riguarda le nuove costruzioni. Inoltre lo strato di materiale isolante può essere applicato sia sulla faccia interna della parete che su quella esterna: il primo metodo è meno efficace nel limitare la formazione della condensa, però è più semplice ed economico. In più può essere realizzato all'interno della singola unità immobiliare.
Come realizzare il cappotto termico

15 - Pannelli polistirolo 100x50x3cm GRAFITATO EPS 100 isolamento termico acustico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50€


Che cosa prevede la tecnica del cappotto termico

Sistema per il cappotto termico La tecnica del cappotto termico è davvero molto efficace per isolare dal punto di vista energetico l'edificio: in questo modo il fresco interno non viene disperso durante i mesi estivi, mentre non si registrano perdite di calore verso l'esterno durante quelle invernali. Di conseguenza, la casa rimane calda nei periodi freddi e piacevolmente fresca in quelli caldi. Fondamentale per determinare la classe energetica di un edificio, il cappotto termico prevede il fissaggio attraverso appositi sistemi di pannelli isolanti alle pareti: una volta applicato, lo strato isolante viene ricoperto con malta adesiva precolorata o con malta tradizionale. In quest'ultimo caso, però, i pannelli sono dotati di una rete porta-intonaco per supportare la finitura. Gli isolanti impiegati sono molti, ma il cappotto termico per essere efficace deve usare materiali con un'alta inerzia termica: solo così si impedisce che l'azione dei raggi solari estivi faccia aumentare la temperatura interna dell'abitazione.

  • Coibentazione muri esterni La coibentazione dei muri esterni è realizzata con il classico sistema a cappotto e garantisce clima caldo in inverno e fresco in estate. L’isolamento a cappotto esterno ha i vantaggi di evitare infil...
  • Cappotto termico in sughero Per aumentare il comfort abitativo della propria casa o di un qualunque edificio una soluzione ideale è mettere in atto un efficace isolamento termico. Le soluzioni tra cui si può scegliere sono tante...
  • Cappotto esterno Il cappotto isolante è, più propriamente, un sistema di isolamento. Per cappotto isolante, normalmente, intendiamo quello che viene realizzato all'esterno di una costruzione. Il cappotto è un sistema ...
  • Applicazione di isolante sul tetto Con isolamento termico si intendono tutte le soluzioni che si decidono di adottare per rendere un'abitazione perfettamente coibentata, ossia con minimo scambio termico tra l'interno e l'esterno. Le ab...

20 pannelli polistirolo spess 30mm EPS 100 per isolamento interno esterno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43€


I cappotti termici: che cosa sapere prima dell'intervento

Applicazione dei pannelli isolanti L'adozione del cappotto termico aumenta l'efficienza sia dei sistemi di riscaldamento domestici che di quelli di raffreddamento e, di conseguenza, permette notevoli risparmi sugli importi delle bollette energetiche. Può essere applicato con vari sistemi e materiali, tuttavia per ottenere un risultato molto buono si consiglia di fissare gli isolanti a murature pesanti e di ricoprirli con malta di colore chiaro. Questo vale soprattutto per le pareti con un'esposizione totale o parziale a sud. Le spese per realizzare un cappotto termico all'interno degli interventi per la ristrutturazione della propria casa usufruiscono di particolari incentivi e sgravi fiscali, spalmabili in un certo numero di anni. Ciò è stato possibile sia per l'azione autonoma del governo italiano nel settore che per gli stimoli in tal senso da parte dell'Unione Europea, che ha fatto dell'efficienza energetica degli edifici uno dei punti del suo programma.


Il cappotto termico interno e il cappotto termico esterno: le differenze

Esempio di cappotto termico esterno Come già accennato, esistono due tipi di cappotto termico, quello interno e quello esterno. Entrambi hanno caratteristiche diverse e in genere non utilizzano gli stessi materiali. Il cappotto termico esterno è più costoso rispetto a quello interno, tuttavia consente risultati e prestazioni migliori: infatti, isola termicamente ogni parte della casa. I pannelli isolanti vanno a rivestire la faccia esterna delle pareti e possono essere fatti con materiali diversi: tuttavia quelli migliori sono di materiali non conduttori, in genere fibrosi. Uno dei più impiegati è la lana di vetro. Il cappotto termico interno, invece, adotta più comunemente la lana o il cartongesso e polistirene. Lo strato isolante viene applicato all'interno dell'abitazione, quindi può interessare anche un'unica stanza. Proprio per questo motivo, questa tecnica, anche se permette di ridurre gli sprechi energetici, non isolata termicamente tutto l'immobile in modo perfetto. Di conseguenza, il risparmio che si ottiene nell'immediato grazie alla più semplice messa in posa viene annullato a lungo termine a causa dei difetti della coibentazione.


I materiali impiegati per realizzare lo strato isolante

A seconda delle loro caratteristiche intrinseche i materiali adottati per i pannelli isolanti vengono divisi in tre categorie. Da una parte ci sono quelli minerali, di origine naturale e a basso impatto ambientale, come la fibroceramica, l'argilla espansa, la perlite, la lana di roccia e il vetro cellulare. Gli isolanti naturali si differenziano perché realizzati con derivati animali e non con elementi minerali: quelli più comunemente usati, ad esempio, sono la lana, il sughero, la pomice e la fibra di mais. Anche questi hanno un basso impatto ambientale perchè già presenti in natura. La terza categoria è rappresentata dagli isolanti di sintesi, che però hanno un impatto ambientale più alto in quanto prodotti dal petrolio o dalle resine. I più comuni all'interno di questa categoria sono l'EPS (cioè il polistirene espanso), il PVC espanso, le resine fenoliche, l'XPS (ossia il polistirene estruso) e le schiume derivati dal petrolio.


Cappotto termico: Come si fa a realizzare un cappotto termico in casa

Per realizzare un cappotto termico è tassativo rivolgersi a dei professionisti: innanzitutto, servirà un sopralluogo tecnico per poter capire quali soluzioni si hanno a disposizione e quali sono le più idonee. Ciò permetterà anche di valutare i costi di ogni intervento. Molto importante è l'analisi termografica dell'edificio, così da capire quali sono le sezioni dove le perdite di calore sono maggiori. A questo punto si deve contattare una ditta specializzata a cui bisognerà richiedere tutta la documentazione necessaria per poter fare domanda per ottenere le agevolazioni fiscali e gli ecobonus previsti dalla normativa italiana. Si consiglia, per quanto riguarda le ristrutturazioni, di adottare isolanti a bassissima conducibilità: infatti, non è possibile inserire i materiali anche all'interno dei serramenti per evitare la formazione di ponti termici. Di conseguenza si devono applicare pannelli di poco spessore per ridurre l'ingombro realizzando un cappotto termico efficiente.



COMMENTI SULL' ARTICOLO