Viti e bulloni

Le caratteristiche di viti e bulloni

Quando ci troviamo in un negozio di fai da te, di fronte allo scaffale di viti e bulloni, non è sempre facile scegliere. Per evitare di cadere in acquisti sbagliati e di dover nuovamente far visita al ferramenta, è bene conoscere almeno le tipologie di base e i loro utilizzi. Prima di tutto, facciamo chiarezza sui termini. Il bullone viene inserito in un foro per unire tra loro due oggetti ed è formato da due elementi: una vite di forma cilindrica e un dado che permette di serrare la vite stessa. Il dado può essere di varie forme, ma la più comune è quella esagonale, che permette di avere una presa stabile con la chiave durante l'apertura o la chiusura del bullone. Le viti si differenziano principalmente per il diametro e la lunghezza, che ovviamente sono da scegliere in base ai due oggetti che il bullone dovrà unire. Bisogna sempre tenere presente che il diametro considerato è quello esterno della filettatura della vite e che la lunghezza non comprende la testa della vite. Un altro elemento che differenzia le viti è il tipo di filettatura. La vite viene avvitata grazie a un filetto; perciò il materiale deve essere filettato in precedenza, a meno che non si tratti di una vite autofilettante.
Bulloni

520PCS M3 M4 M5 M6 acciaio inossidabile esagono incassato bulloni con testa a brugola Viti con assortimento di noci - Venduto da VIGRUE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 10€)


Viti testa quadra, viti a scomparsa, viti a testa piatta

Vari tipi di vite Esistono molti tipi di viti e bulloni utili per il fai da te. Ovviamente ciascuno di questi tipi avrà a sua volta numerose varianti in base a lunghezza, diametro e filettatura. Le viti testa quadra sono molto resistenti e perciò sono utilizzate, a differenza delle viti a testa piatta, per unire legno e metallo o per elementi particolarmente pesanti. La testa è quadrata o esagonale e deve essere maneggiata con la chiave o le pinze. Le viti a scomparsa sono particolarmente adatte per strutture in legno. Infatti la forma della loro testa, molto larga e che crea un tutt'uno con il gambo, permette di inserire la vite per intero all'interno del materiale, senza che la testa sporga in nessun modo. La vite risulta quindi "invisibile". Questa caratteristica si rivela utile per la realizzazione di mensole, tavoli o altri tipi di mobili o strutture che richiedano una superficie liscia e omogenea.

  • esempi di vite senza testa Le viti senza testa sono le più adatte ad essere utilizzate in una serie di occasioni in quanto, per la loro specifica forma, risultano essere poco invasive e per questo molto adatte a mobili e comple...
  • esempio di Viti in alluminio Le viti in alluminio possono davvero essere utilizzate in svariati modi. Sono, infatti, un prodotto molto versatile, che ben si adatta a diversi scopi e superfici. Sono utilizzate praticamente per ogn...
  • Viti metriche Il termine ISO che accompagna la dicitura di viti metriche sta ad indicare diverse cose. Innanzi tutto è riferito all' Organizzazione Internazionale per la Normazione, che definisce a livello mondiale...
  • Esempio vite autofilettante per acciaio Le viti autofilettanti per acciaio ricoprono una categoria di prodotto specifica nel settore metallurgico o edilizio in quanto le loro caratteristiche prestazionali si basano molto sulla resistenza a ...

Vapker - Kit assortito di viti, bulloni, dadi, guarnizioni piatte e rondelle, 550 pezzi, in acciaio inossidabile, a testa piatta esagonale M4, M5 e M6

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,07€


Viti e bulloni: Come scegliere se usare chiodi o viti

Articoli ferramenta La differenza principale tra chiodi e viti consiste nella possibilità di essere usati una sola volta o più volte. Infatti, a differenza del chiodo, la vite può essere smontata e riutilizzata senza rovinarla. Per questo motivo è preferibile usare le viti nella realizzazione di mobili in legno o di altre strutture che potrebbero richiedere, con il tempo, di sostituire alcune parti o di stringere le giunzioni. Sempre per quanto riguarda il legno, tra le viti è meglio scegliere quelle autofilettanti, da inserire a mano o con un avvitatore elettrico. Dopo aver fatto penetrare bene la vite nel legno, è possibile coprire la testa con dello stucco. Insomma, adesso avete tutti gli elementi per rifornire al meglio la vostra cassetta degli attrezzi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO