Porcellana

La nascita della porcellana

La porcellana nasce in Cina ai tempi della dinastia Tang, tra il 618 e il 907. Prima di questo periodo, durante la precedente dinastia Han, già si produceva nel continente asiatico un materiale molto simile ma duro e di colore grigiastro, oggi definita protoporcellana. Ma è durante la dinastia Song, successiva alla Tang, che la porcellana raggiunge ottima qualità con la creazione di fabbriche preposte alla produzione di porcellane per la corte. Presenta la tipica smaltatura in céladon che conferisce alla porcellana il colore verde-azzurro della giada o una sfumatura grigio-verde. Si deve però giungere alla dinastia Ming, dal 1368 al 1644, per parlare di diffusione della porcellana in Europa, dove la smaltatura bianca e blu conquista il cuore degli occidentali. anche altri paesi asiatici producevano porcellane, come la Corea dove si diffuse intorno al 1100, produttrice di particolari forme a tripode, e il Giappone, dove giunse intorno al 1510.
Antica porcellana Ming

Villa d’Este Home Tivoli Calamoresca Servizio Tavola 18 Pezzi, Porcellana/Gres, Multicolore, 27.0x27.0x2.0 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69,9€


La diffusione della porcellana in Europa

Teiera in porcellana cinese A testimoniare la diffusione della porcellana in Europa non poteva di certo mancare "Il Milione" di Marco Polo. Questo testo infatti è il primo documento scritto europeo dove compare la porcellana. Siamo nel XIII secolo ed è proprio in questo periodo che compaiono i primi oggetti in porcellana provenienti da quelle che all'epoca venivano definite le porte d'oriente, Costantinopoli, l'attuale Istanbul, e Venezia, grande porto commerciale dell'epoca. La prima Compagnia delle Indie a commercializzare in porcellane fu quella olandese che contribuì alla sua diffusione in Europa grazie anche dall'aumento dell'uso di bevande quali caffè, tè e cioccolata. Comincia così la produzione di porcellana anche nel vecchio continente, ma bisogna giungere alla fine del XVII secolo per raggiungere aspetti qualitativi vicini alle porcellane d'oriente.

  • Vasi in plastica per piante I vasi per piante possono essere di tanti tipi; quelli in plastica hanno diverse qualità che li distinguono dagli altri, tra cui la leggerezza, l'economicità, ma anche la bellezza poiché possono esser...
  • Fantasiosi vasi da interni Quando si sceglie una pianta da inserire in appartamento certamente si deve tener conto delle sue esigenze e delle caratteristiche che la rendono più o meno adatta ad essere coltivata negli spazi disp...
  • Vaso da giardino in plastica I vasi da giardino in plastica sono molto diffusi grazie alla loro versatilità nonché alla facilità che si ha nella loro movimentazione. Infatti, a differenza dei tradizionali vasi in coccio, sono mol...
  • modelli di vasi in plastica I vasi in plastica per piante rappresentano il giusto compromesso tra qualità e prezzo. Sono disponibili in decine di dimensioni, a partire da 5 centimetri fino ad oltre un metro di larghezza. Si trat...

Katie Alice - Servizio da tè in porcellana inglese, motivo floreale, colore: Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,12€


La porcellana in Europa

Porcellana di Capodimonte La manifattura della porcellana si diffuse così anche in Europa, anche se ci vollero alcuni anni e alcune modifiche prima di raggiungere la qualità di quelle orientali. In Sassonia nacquero le porcellane Meissen che, inizialmente, avevano il monopolio sulla lavorazione delle porcellane dette "dure" di qualità superiore. Con il passare del tempo però, ex collaboratori della casa Meissen ne diffusero i segreti, facilitando il sorgere di nuove case manifatturiere. Il marchese Carlo Ginori fondò la Manifattura di Doccia nel 1735 a Sesto Fiorentino dove investì molto per superare i primi problemi tecnici, per il recupero delle materie prime e per acquistare opere d'arte da cui prendere spunto per le proprie creazioni. Nasce così la famosa casa di produzione Richard-Ginori. A Napoli, nel 1743, Carlo di Borbone fonda l'importante Real Fabbrica di Porcellana di Capodimonte. Anche nel resto d'Europa sorgono famose fabbriche di porcellane, come Sévres-Limoges in Francia e la Royal CopenHagen in Danimarca.


La porcellana oggi

Porcellane moderne Della grande industria della porcellana del settecento e dell'ottocento, sopravvive solo la casa Richard-Ginori. I fasti e gli splendori dei secoli passati si spengono con il decadentismo della nobiltà. Oggetti troppo preziosi per essere di uso comune, diventano obsoleti in un mondo che sta cambiando. Le grandi fabbriche del passato chiudono per essere poi recuperate nel corso del '900 da capaci artigiani decisi a non far morire questo prezioso elemento. Ancora oggi vengono prodotte le porcellane di Limoges in Francia e quelle di Capodimonte a Napoli , seppur in luoghi diversi da quelli originali. È dunque ancora possibile acquistare servizi di piatti, servizi da té o da caffè, oggetti e soprammobili finemente lavorati e dal gusto impeccabile. Anche se il design moderno si è rivolto ad altri materiali, la porcellana rimane comunque un materiale nobile, in grado di sorprendere con la sua finezza.


Preparazione e lavorazione della porcellana

La porcellana appartiene alla famiglia delle ceramiche in quanto si presenta come un impasto da lavorare e cuocere negli appositi forni. La sua particolarità è la composizione degli elementi. Fin dalle origini è composta da una miscela di caolino e feldspato in precise proporzioni, da cuocere in forno per consentirne la vetrificazione. Questo processo la rende impermeabile andando a chiudere qualsiasi tipo di porosità. La temperatura di cottura si aggira intorno agli oltre 1280°C per la preparazione di porcellana dura, ovvero quella formata da caolino, feldspato e quarzo. Dopo questa prima fase di cottura, la porcellana viene ricoperta da un rivestimento trasparente formato dagli stessi elementi che compongono l'impasto, ma in proporzioni diverse. Avviene poi la seconda cottura tra gli 800°C e i 900°C dopo la quale lo strato di copertura, vetrificando, andrà a saldare anche la minima porosità e a rendere la porcellana lucida e splendente.


Porcellana: Gli usi

Tazze porcellana Gli usi della porcellana sono molteplici e spaziano dall'arte, al fai da te fino a giungere anche alla medicina. Dopo una fase iniziale di puro uso decorativo e di uso domestico, la porcellana ha trovato una sua identità anche nell'edilizia e in campo soprattutto dentistico. Vengono infatti oggi fabbricati rivestimenti murari in piastrelle porcellanate e materiali per pavimentazioni dove il contenuto di feldspato viene portato intorno al 60% della miscela per ottenere la massima impermeabilità di questo materiale. Anche la porcellana a scopi dentistici utilizza porcellane arricchite in feldspato, fino anche a raggiungere il 90% di concentrazione di questo minerale. Il suo scopo è quello di essere resistente agli agenti chimici, di essere duraturo nel tempo e, grazie proprio al feldspato, di raggiungere la giusta brillantezza per simulare lo smalto dei denti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO