Vetro colorato

Come si ottiene il vetro colorato

La colorazione del vetro si può ottenere con l'applicazione di metodi differenti. Aggiunta di ioni coloranti: il vetro nel suo stato puro è incolore, ma con l'aggiunta di metalli o ossidi metallici si può cambiare la sua colorazione. Per esempio, se si aggiunge ossido di ferro si conferisce una colorazione verdognola, col cobalto si ottiene un color azzurro o blu, che diviene molto più intenso se c'è la presenza di potassio. Colorazione con precipitazioni di colloidi nanometrici: se si utilizzano materiali come l'oro, il magnesio o il selenio, si ottengono dei vetri che cambiano la loro colorazione in base alla temperatura alla quale vengono sottoposti. In particolare, vengono effettuati dei cicli con continue variazioni di temperatura per rendere i colori più accesi. Le inclusioni di colore vengono utilizzate per ottenere vetri dalla colorazione opaca, che vengono talora utilizzati per imitare la porcellana. Infine ci sono i cosiddetti vetri dicroici, utilizzati per le videocamere a colori, con la proprietà ottica di separare l'immagine esterna in tre immagini (nei tre colori primari), per poi essere processate da una CCD.
Vetri colorati

Vitasemcepli Petift 480 pezzi / pack con multi colori mosaico di vetro Artigianato decorazione domestica e bricolage artigianato Fornitura (trasparente)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€
(Risparmi 19€)


Caratteristiche del vetro colorato

Portagioie antico con colorazione ancora perfetta Per quanto riguarda la sua composizione, sebbene esistano infiniti modi di fabbricare il vetro, in linea generale esso è composto da materiali di origine minerali fusi tra loro termicamente. Nello specifico contiene sabbia quarzosa, calce, ossido di magnesio, ossido di allumio, più le varie sostanze coloranti. Il vetro inoltre resiste molto alla corrosione. Per questo viene anche spesso utilizzato in esperimenti chimici, anche se però ovviamente non è indistruttibile. Di fatto esistono quattro sostanze che provocano la rottura del vetro: acido idrofluoridrico, acido fosforico ad alta concentrazione, concentrazioni alcaline ad alta temperatura e acqua bollente. In generale il vetro colorato possiede diversi vantaggi: fornisce maggiore sicurezza, a seconda del tipo di applicazione; offre una maggiore resistenza ai graffi sia all'interno che all'esterno; il suo aspetto impeccabile non si deteriora nel tempo. Il vetro è un tipo di materiale facilmente riciclabile rispetto ad altri materiali. Nonostante questo esistono dei tipi di vetro che necessitano di più tempo per essere smaltiti, come per esempio specchi, vetri per le finestre, lampadine e vetro temperato.

  • Porta interna con design particolare Le porte interne sono un elemento clue di un'abitazione, dove devono creare armonia e fondersi perfettamente con l'ambiente. La scelta va effettuata tenendo conto di molti fattori, dallo stile delle s...
  • esempio di porte in vetro Le porte interne di casa adottano i materiali più diversi, in grado di conformarsi ai pavimenti e allo stile d'arredo della casa: infatti è sempre bene scegliere le porte solo dopo i pavimenti e i riv...
  • Vetrata scorrevole di accesso al giardino Le vetrate scorrevoli in casa sono adottate principalmente come porte interne: si tratta di soluzioni progettuali e di arredo molto apprezzate e di alta qualità, che conferiscono eleganza, raffinatezz...
  • Bicchieri di design Il servizio di bicchieri deve essere scelto in base alle proprie esigenze estetiche senza però perdere di vista la destinazione d'uso. Se si desidera acquistare un servizio per degustare al meglio il...

50 pietre in vetro 13-15 mm per mosaico decorativo, trasparente colorato, circa 110 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,24€


Usi del vetro colorato

Vetrate all'interno di una chiesa Originariamente l'ultilizzo del vetro colorato era strettamente ornamentale. Nell'antica grecia e nell'antica roma venivano prodotte tessere di vetro colorato per le decorazioni musive di pavimenti o pareti, sia in abitazioni private, che in edifici pubblici, come ad esempio le terme. Sempre in ambito romano e medievale, il vetro colorato veniva talora usato per la creazione di piccole ampolle che servivano a contenere oli essenziali, profumi ecc. Successivamente i vetri colorati vennero utilizzati in ambito religioso, soprattutto per la creazione di vetrate nelle chiese, che raffigurassero scene sacre o, nel caso del periodo gotico, per decorare i rosoni delle facciate o delle navate laterali. Queste vetrate permettevano di creare dei suggestivi giochi di colore all'interno degli edifici sacri. Più avanti cominciò la fabbricazione di vasi e utensili di uso giornaliero, come piatti, bicchieri, brocchette ecc. Al giorno d'oggi il vetro colorato viene utilizzato ampliamente in moltissimi campi. Ad esempio viene utilizzato per la fabbricazone di bottiglie, protesi dentali o delle anche, specchi, finestre, vasi decorativi, pareti divisorie, cucine, mobili e tanto altro ancora.


Vetro colorato: Idee per lutilizzo

Riutilizzo vetro colorato Il vetro colorato è un materiale molto versatile, utilizzabile e riciclabile per creare vari tipi di oggetti. Ad esempio le bottiglie possono essere reimpiegate come vasi o come portapenne. Nel primo caso possono essere utilizzate tali e quali, magari decorandole con colori o stampe. Nel secondo caso, invece, dovranno essere tagliate e poi levigate. Questo è un processo che necessita di strumenti adeguati, però può essere un'idea in caso si decida di aprire una bancarella con oggetti fai da te. I barattoli di marmellate o sott'aceti invece, possono essere colorati con colori acrilici ed essere reimpiegati come porta candele, portagioie, o vasetti. Se per caso ci si dovesse rompere uno specchio o un vetro colorato, i frammenti possono essere riutilizzati per creare superfici musive, dando un effetto originale. Le possibilità sono infinite, è bene però fare attenzione a levigare sempre bene il vetro che si va a riciclare, per evitare che possa provocare dei tagli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO