Coltivazione fave

Coltivazione fave

La coltivazione fave è particolarmente semplice da realizzare. Il terreno ideale che deve ospitare le piantine deve essere preferibilmente ben drenato. Questo dal momento che i ristagni idrici sono odiatissimi dalle fave. Prima di seminare è indispensabile procedere con una leggerissima zappatura della terra. La semina va effettuata direttamente nel terreno. Le fave odiano particolarmente gli spostamenti da un luogo all'altro e preferiscono essere collocate immediatamente nel terreno in cui cresceranno per sempre. Periodicamente le piantine andranno cimate per evitare quanto più possibile la prolificazione degli insetti sulle piantine. Se le aree di coltivazione sono particolarmente ventose, le piante vanno assicurate con appositi tralicci. L'esposizione ideale è certamente in zone temperate.
Piantine fave

Cacao in Polvere Biologico (500g), MySuperFoods, Delizioso e Ottimo per Te, Ricco di Micronutrienti, Certificato Biologico, Antico Alimento Sano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,67€


Gli apporti idrici nella coltivazione fave

Coltivazione fave Gli apporti idrici nella coltivazione fave sono particolarmente importanti, specialmente in quelle regioni in cui la siccità la fa da padrona in determinate stagioni dell'anno. Questo non vuol dire assolutamente che gli apporti di acqua devono essere eccessivi. Importantissimo essere sicuri che non si creino ristagni idrici che portano le radici ad ammuffirsi favorendo la morte delle piante in poco tempo. Le annaffiature vanno evitate quanto più possibile nei momenti contraddistinti da gelate in quanto proprio in questo periodo le radici potrebbero risentirne in maniera negativa con conseguenze che sarebbero irrimediabili. Effettuare la semina stessa durante l'inverno permette di poter approfittare della pioggia per il soddisfacimento delle necessità idriche delle piante. Importantissimo prestare la massima attenzione durante le fioriture.

  • Piccolo orto sul balcone Basta poco spazio, un po' d'inventiva e tanta passione per poter coltivare erbe, piante e fiori anche se non si dispone di un giardino. Per coltivare con successo un orto sul balcone occorrono i vasi ...
  • Cicoria La cicoria è un pianta erbacea, di cui esistono diverse varietà, tra cui quella catalogna, che si presta ad essere coltivata in orto, senza richiedere molte attenzioni. È una pianta rustica e molto re...
  • esempio di materasso ortopedico Un ottimo relax notturno è garantito solo da un materasso ortopedico, morbido ed elastico, che accolga dolcemente il corpo e si adegui alle sue caratteristiche. In particolare, la scelta di questo imp...
  • Larve di mosca della cipolla La mosca della cipolla, il cui nome scientifico è Delia Antiqua, è un parassita le cui larve si nutrono dei bulbi di cipolle, ma anche di altri bulbi. La loro azione distrugge gli strati prima estern...

TONKA ASSOLUTA olio essenziale BIOLOGICO (bio) 100% puro e naturale 2ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,9€


Concimazioni e possibili malattie

Germoglio pianta Nella coltivazione delle fave la concimazione non assume particolare importanza in quanto non occorre utilizzare fertilizzanti che sarebbero controproducenti. Le fave stesse, infatti, concimano il terreno in cui vengono seminate. Diverse sono le tipologie di malattie che possono colpire le piante delle fave. Si tratta, particolarmente, dei cosiddetti "afidi", parassiti che infestano le cime delle piante causandone l'inevitabile deperimento. Il "tonchio" infesta le piante mangiandone sia le foglie che il germoglio. Fastidiose le macchie nere che si manifestano tanto sul seme che sul baccello, malattia conosciuta come "antracnosi". La modalità migliore per evitare la prolificazione delle malattie è la pulizia periodica dalle erbacce, tenendo pulito il terreno che circonda le piante. Nel caso di contagio grave, l'unica soluzione è il trattamento chimico.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO