Coltivazione zafferano

Come innaffiare lo zafferano

Per quanto riguarda l'irrigazione dei bulbi di zafferano, se non si dovessero verificare condizioni meteo di forte e prolungata siccità, non è quasi necessaria. I bulbi infatti vengono piantati in profondità e si radicano bene. Necessitano di essere bagnati durante il periodo di prefioritura, ovvero tra settembre e ottobre e poi durante la primavera. In questi mesi però, si verificano spesso precipitazioni naturali, che consentono di evitare ulteriori annaffiature. Con la giusta quantità di acqua, i bulbi hanno una crescita numerica annuale di circa il 30%, quindi una volta acquistati la prima volta, si dovrebbe ottenere una coltivazione zafferano sempre maggiore senza bisogno di comprarne ulteriormente. Per avere un'idea, per ottenere un grammo di polvere sono necessari 150 fiori, quindi una cinquantina di bulbi.
Piantine di zafferano

Roleadro Luci per Piante 300w Lampada LED Grow per Interno Coltivazione di Grow Box e Serra 40x21x6CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 88,99€
(Risparmi 50,01€)


Come coltivare e curare lo zafferano

Coltivazione di zafferano La coltivazione zafferano avviene sia con ciclo annuale, quindi spostando i bulbi in altri terreni una volta all'anno, sia con ciclo poliennale, ovvero lasciandoli per 3 o 5 anni nello stesso posto. La coltivazione annuale permette di risparmiare tanto lavoro di pulizia del terreno e rende le piante meno attaccabili da parassiti o malattie. La tecnica poliennale chiede maggiore lavoro di eliminazione delle infestanti ed è maggiormente a rischio di malattie funginee, però serve meno lavoro di espianto ed impianto. I bulbi dello zafferano si piantano tra i 10 e i 14 cm di profondità. L’impianto viene svolto ad agosto, prima della fine del periodo estivo. La distanza da mantenere tra una pianta e l'altra è di 10 cm, andando a creare delle file parallele distanti una ventina di cm. Questo garantisce lo sviluppo ottimale.

  • Impianto di irrigazione del giardino Un impianto d'irrigazione per giardino è un sistema molto comodo e pratico per mantenere sempre belle le aree verdi esterne della propria abitazione. Ciò è necessario perché non sempre ci si può occup...
  • Sistema di irrigazione interrata Per progettare un impianto di irrigazione interrata è necessario ripartire il proprio giardino in zone, considerando che in ogni zona posso essere installati fino a 5 pop-up, cioè gli irrigatori a sco...
  • esempio di giardino secco Il giardino secco viene solitamente coltivato in tutte quelle zone dove prevale la siccità. Lo stesso si caratterizza per la presenza di diverse erbe e fiori che si differenziano per colore, altezza e...
  • Innaffiatoio Oltre a scegliere fra gli impianti di irrigazione fai da te quello migliore, è necessario anche prendere in considerazione il modo in cui effettuare l'irrigazione stessa. Infatti si consiglia di bagna...

HomJo 2017 Nuovo insetto elettronico portatile dell'insetto zanzara intrappola per l'uso interno che si leva in piedi o che appende macchina del LED-migliore stinger per il bug le falene le mosche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,47€


Come preparare e concimare il terreno

Impianto dei bulbi Lo zafferano necessita di un terreno molto drenante, che non permetta il ristagno e con basse percentuali di argilla. Una terra non in grado di drenare efficacemente farebbe ammalare o marcire rapidamente i bulbi. È importante che sia fertile e lavorato, preferibile scegliere un campo con una leggere pendenza, in modo che la pioggia riesca a scolare velocemente. Un consiglio è di innestare i bulbi in baulature rialzate, in modo da mantenerli sempre sopra il livello della terra. Per concimare si utilizza azoto e solfato ammonico, oltre al fosforo ed al solfato di potassio. Questa operazione viene svolta nel periodo invernale, verso Gennaio. Un ottimo concime che fornisce molti degli elementi sopra indicati è quello naturale, soprattutto caprino e ovino, fornendo circa 2 kg ogni metro quadro durante la preparazione del campo.


Coltivazione zafferano: Malattie, parassiti e possibili rimedi

Bulbo malato Alcuni problemi li danno le lumache che mangiano i fiori, vanno tenute sotto controllo, quindi nel periodo della fioritura. Il pericolo maggiore per le piante dello zafferano sono gli animali. Topi, conigli e caprioli rosicchiano le foglie, a differenza dei cinghiali che scavano per raggiungere i bulbi. L'unica protezione possibile sono le recinzioni intorno al campo e magari dei cani da guardia. Per quanto riguarda le malattie, invece, il fusarium può provocare una patologia che fa marcire il bulbo. Si riconosce perché il germoglio diventa giallastro e di forma allungata ed irregolare. L'unica cosa possibile da fare è eliminare la pianta insieme alla terra intorno. L'ossicloruro di rame invece, viene utilizzato per prevenire questo tipo di fungo immergendoci i bulbi prima dell'innesto nel terreno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO