Terrari

Che cosa sono i terrari per casa

Come l'acquario ci permette di osservare da vicino, con tutta comodità, le abitudini di molti pesci e di altri animali acquatici, così il terrario può risultare vantaggioso per molti scopi. Ad esempio consente di allevare anfibi, rettili, insetti e altri animali terrestri, ma è anche l’ideale per ospitare piante che amano l’umidità. In genere hanno la forma di cassoni, tuttavia è possibile adottare contenitori più piccoli. Le dimensioni e le caratteristiche di un terrario variano in base alla specie che si intende coltivare. In certi casi si installano delle lampade o dei cavetti riscaldanti per favorire lo sviluppo degli esemplari. I terrari derivano dalla cosiddetta cassetta di Wardian, inventata da un botanico inglese, Nathaniel B. Ward, a meta Ottocento. Questi scoprì che alcune piante crescevano in maniera illimitata in campane di vetro sigillate perché in questi contenitori ermetici e trasparenti formava l'umidità. Infatti il valore umido del terriccio e la traspirazione delle foglie si condensano, ritornano nel terriccio e così si crea un ambiente autosufficiente.
Piccolo divertente terrario

Exo Terra Terrario in Vetro 90X45X45 Cm Inclusa Parete Posteriore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 188,31€
(Risparmi 42,69€)


Quali sono i tipi di terrario a disposizione

Esempio di grandi terrari Esistono molti tipi di contenitori di vetro o di plastica trasparente nel quale si può collocare una pianta in vaso, tuttavia alcune piante si sviluppano meglio se vengono piantate in uno strato di terriccio. Le piante epifite crescono con particolare facilità, in quanto è sufficiente sostenerle con un pezzo di fusto legnoso e lasciarle immerse nel caldo umido del contenitore. Terrari di tutte le forme e dimensioni possono essere comprati in negozi specializzati, essere realizzati su misura oppure creati con il fai da te e il riciclo creativo. La scelta dipende dalle piante che i contenitori devono ospitare. Gli esemplari di Ficus, Fittonia e Microcoelum prediligono un cassone a vetri piombati, simile a una serra, che può essere collocato in qualsiasi ambiente. Spesso si riesce a far crescere più facilmente un Capelvenere in un contenitore chiuso che nel normale ambiente di una stanza. Infatti questa specie ama molto l'umidità. Se si opta per soluzioni fai da te, è meglio utilizzare vasi o contenitori di vetro oppure di plastica trasparente per i terrari: infatti il colore ostacola la luce.

  • Piccolo terrario L'operazione di costruire un terrario è abbastanza semplice, anche se dipende molto dal tipo di pianta che vi si vuole coltivare, o anche eventualmente dall'introduzione di piccoli animali. Se il terr...
  • Bonsai di camelia fiorito I bonsai di camelia sono particolarmente ambiti per le loro prospere fioriture. Sia il tronco che i rami sono facili da modellare e assumono senza soffrire qualsiasi forma gli si voglia imprimere. La...
  • La passiflora, il fiore della passione La passiflora appartiene alla famiglia delle Passifloriaceae, piante rampicanti provenienti da America, Asia ed Australia. Il suo nome significa fiore della passione: è un riferimento alla passione di...

Rachel's 12CM Bicchiere Pianta Appesa Terrari Pianta di Piante d'aria Contenitore Casa Ufficio Decorazione di Nozze Supporto Votivo Succulento Cactus Pentole Vegetali, Pacchetto di 1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,93€


Come creare terrari per la casa da soli

Piccolo terrario per casa Per preparare i terrari bisogna scegliere un contenitore di vetro o plastica delle dimensioni adatte e coprirne la base con uno strato di drenaggio. Deve essere alto 3-5 cm e composto da frammenti di carbone di legna mescolati a sassolini. A questo punto si aggiunge uno strato di 5-10 cm di terriccio umido, ma non troppo fertile perché favorirebbe una crescita troppo veloce. In pratica bisogna utilizzare una miscela composta da due parti di comune terriccio, due parti di sabbia grossolana e una parte di terriccio di torba, perché si tratta di una composizione che va bene per quasi tutte le piante. Si consiglia di scegliere le piccole piante a lenta crescita e di studiarne la disposizione in modo che le più alte non nascondano le piccole. Al tempo stesso gli esemplari non devono essere troppo vicini l'uno all'altro. Quando tutte le piante sono sistemate si può ricoprire il terriccio con sassolini e vaporizzare le piante. Poi, se necessario, si pulisce l'interno del vetro con una spugna. A questo punto si chiude il terrario con un tappo o un coperchio apposito e lo si sistema in un posto luminoso, ma non direttamente al sole.


Terrari: Cosa tenere a mente per la manutenzione dei terrari

Terrario per piante grasse Anche se molte piante possano vivere per anni nei terrari sigillati, la condensa appanna il vetro e quindi è necessario mettere in pratica qualche tipo di ventilazione. Nei terrari senza controlli automatici i coperchi oppure i tappi devono essere tolti per alcuni giorni non appena il vetro si appanna in modo eccessivo. Nel caso di soluzioni realizzate con il fai da te le uniche cure di cui ha bisogno la composizione sono l'eliminazione periodica della condensa eccessiva e alcuni interventi di potatura quando le piante crescono troppo. Se proprio si vuole, si può inserire anche un vaporizzatore automatico, sistemi per il controllo della temperatura e tubi fluorescenti per generare luce. Tutti questi dispositivi non sono però indispensabili e quindi si può semplicemente optare per contenitori veramente semplici. Ciò vale in particolare per i terrari di ridotte dimensioni.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO