Certificato di agibilità

Il certificato di agibilità e il certificato di abitabilità

Il certificato di agibilità è un documento previsto dalla legge Italiana. Questo documento serve ad attestare che un immobile, il quale abbia fine abitativo, rispetti tutte quelle che sono le norme di risparmio energetico, sicurezza e salute previste all’interno della legge Italiana. È bene però fare una distinzione preliminare in quanto un tempo i documenti erano due, per tipi di immobili diversi: il certificato di agibilità e il certificato di abitabilità. Entrambi questi documenti erano trattati normativamente allo stesso modo ma il primo era destinato ad edifici più piccoli, come una semplice casa, mentre il secondo era destinato ad edifici molto più grandi rispetto ad una semplice abitazione familiare. Siccome entrambi venivano trattati egualmente ma avevano uno scopo, sebbene destinato a tipologie di edifici diversi, praticamente simile, tale distinzione non faceva altro che creare confusione. Fu così che grazie al D.P.R. 380 del giugno 2001 tale distinzione fu esemplificata in un solo ed unico certificato per entrambi i tipi di edifici.
Certificazione abitabilità

Successione ereditaria, divisione dei beni e donazioni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,6€
(Risparmi 8,4€)


Certificato di agibilità

Certificato di agibilità abitazione Il certificato di agibilità è molto importante anche per questioni relative ai diritti che sono connessi all’immobile in esame come, ad esempio, nel caso in cui questo venga ceduto o venduto. In tal proposito, è stato messo in luce che tale certificato è una componente essenziale dell’immobile. Nel caso in cui venga venduto senza il certificato di agibilità, l’immobile non verrebbe considerato come immobile ad uso abitativo ma un qualcosa che è stato venduto per un altro tipo di scopo che non è quello richiesto dall’acquirente, ovvero un immobile ad uso abitativo. Spesso, però, tale mancanza viene vista come una sorta di mancato deposito di documenti a danno di colui che acquista l’immobile al quale viene però riconosciuto che, l’immobile ormai acquistato, ha un errore di qualità. Nel caso in cui l’immobile non presenti difetti per i quali si possa pensare ad una mancata consegna del certificato di agibilità, questo non verrà considerato come un sinistro da parte del venditore.

  • Costruire muro di mattoni Il Testo Unico dell'edilizia (D.P.R. 380/2001, Titolo II) tratta anche dei titoli abilitativi, cioè i documenti che si devono presentare quando si trasforma o si modifica un'unità immobiliare o un fab...
  • Testamento del defunto Gli eredi legittimi sono soltanto alcune persone stabilite dalla legge, in particolare dal codice civile, che per la loro posizione assumono determinati diritti nei confronti del defunto e dei terzi c...
  • Operai con dispositivi di sicurezza Il piano operativo per la sicurezza non è un documento di recente richiesta nel campo della sicurezza sul lavoro. Infatti esso era già previsto dal Decreto Legislativo 626 del 1994. Ma la legge 626 no...
  • Scale per casa Molte abitazioni moderne ma anche edifici di vecchia data sono costruiti su più livelli. Spesso al piano terra o comunque al piano inferiore, viene collocata la zona giorno: studio, soggiorno, cucina ...

Come avviare e gestire gli affitti brevi in Italia. Tutte le informazioni sugli appartamenti e case da affittare per brevi periodi. Ediz. ampliata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


Come e quando richiedere il certificato

Requisiti certificato di agibilità Le caratteristiche, le informazioni e le varie componenti del certificato di agibilità sono espresse nell’articolo 24 del Decreto del Presidente della Repubblica (D.P.R.) 380 del giugno 2001. In esso è ben esplicato che questa certificazione serve ad attestare le condizioni degli immobili, i quali devono sottostare agi standard di sicurezza, salute e risparmio energetico imposti dallo Stato Italiano. La documentazione richiesta per avere diritto alla certificazione deve essere presentata entro almeno quindici giorni dalla fine dei lavori di costruzione dell’immobile all’ufficio per l’edilizia del proprio comune di appartenenza. Inoltre, è bene notare che nel caso in cui non venga presentata alcuna documentazione riguardante l’agibilità dell’immobile si può essere soggetti ad una multa il cui valore oscilla tra i 77 e i 464€. Il certificato va richiesto anche per porzioni a funzionamento autonomo dello stesso immobile.


Mancanza del certificato

compravendita e certificato agibilità Importanti modifiche al Decreto del Presidente della Repubblica (D.P.R.) 380 del giugno 2001 sono state apportate di recente dal Decreto Legislativo 222 del 25 novembre 2016, come l’abrogazione dell’articolo 25. Anche se al momento di acquisto da un lato, e di vendita dall’altro, un immobile dovesse essere sprovvisto della documentazione di agibilità, questo non verrebbe considerato invalidante per il venditore. Di conseguenza, un notaio non può rifiutare di stendere un atto che attesti il trasferimento di un immobile che manchi del certificato di agibilità. Una volta introdotta la figura del notaio nella compravendita, esso è tenuto a redigere un documento che non manchi di nessuna clausola, men che meno quelle riguardanti l’agibilità dell’immobile. In ogni caso, non c’è alcuna norma che vieta al venditore e all’acquirente di regolarsi tra di loro come meglio ritengono opportuno, potendo anche scegliere di delegare all’acquirente l’onere della stipula di una documentazione riguardante l’agibilità dell’immobile.




COMMENTI SULL' ARTICOLO