Piani di sicurezza

I piani di sicurezza e il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro

I piani di sicurezza sono parte integrante del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (abbreviato in TUSL), di cui i requisiti minimi sono ben esplicati nell’allegato XV del Decreto Legislativo 81 dell’aprile 2008. Tale Decreto è coordinato al Decreto Legislativo 106 dell’agosto 2009.L’obiettivo dei diversi piani di sicurezza è quello di ridurre al minimo i rischi che è possibile correre da parte degli operai durante i lavori in un cantiere edile.Il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro, emanato per attuare le norme contenute nella Legge 123 del 2007, ha abrogato gli ordini presenti in atti normativi precedenti riguardanti la sicurezza e la salute sul lavoro. In seguito all’abrogazione di questi atti normativi sparsi, il Testo Unico ne ha riformato, accordato e riunito in sé le disposizioni.
Operai che lavorano in sicurezza

Guida ai piani di sicurezza 2.0

Prezzo: in offerta su Amazon a: 45,9€
(Risparmi 8,1€)


Il compito del datore di lavoro e le eccezioni ai piani di sicurezza

Operaio su impalcatura munito di imbracatura I datori di lavoro sono tenuti ad attenersi a quanto previsto dai piani di sicurezza, inoltre è loro compito assicurarsi che i propri dipendenti siano a conoscenza di tale piano e che si attengano ad esso durante l’esecuzione del proprio lavoro. L’impresa appaltatrice ha il diritto di poter suggerire al Coordinatore per la Sicurezza nella Progettazione modifiche al piano laddove lo ritenga opportuno in base alla propria esperienza lavorativa, con il solo scopo di guardare alla messa in sicurezza dei propri dipendenti. Tali modifiche, infatti, non verranno prese in considerazione se il solo scopo fosse quello di ammortizzare i prezzi per la propria azienda.Ci sono casi di lavori imminenti e di emergenza in cui non è necessario redigere un piano di sicurezza prima di un intervento edile. Alcuni di questi sono lavori mirati alla messa in sicurezza per prevenire episodi di incidenti imminenti oppure lavori straordinari per assicurare i minimi servizi di sussistenza di cui necessita la popolazione, quali gas, corrente elettrica o acqua.

  • Valutazione rischi di un cantiere I piani di sicurezza, conosciuti anche con la sigla PSC, sono dei documenti che fanno parte integrante del contratto d’appalto e sono finalizzati a prevenire o ridurre i rischi per la sicurezza e la s...
  • Piani di sicurezza in edilizia I piani di sicurezza sono chiamati anche PSC (piani di sicurezza e di coordinamento) e rappresentano un documento obbligatorio per legge e fondamentale per l'apertura e la gestione di un cantiere edil...
  • Ristrutturazione casa Mettere in atto un progetto di ristrutturazione consente di fornire una direzione chiara alle proprie intenzioni e desideri riguardo il futuro aspetto dell'immobile, condensando tutte le proprie esige...
  • Costruire tutto In una casa, funzionalità e gusto estetico devono coesistere in perfetto equilibrio, ma spesso non si riesce ad avere tutto ciò che si desidera. Ecco i vantaggi che costruzioni e ristrutturazioni offr...

10PZ CARTELLO"DIREZIONI LAVORI" MONOCOLORE 60X40

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,78€


Il piano per la sicurezza e il coordinamento

Operaio munito di maschera per esalazioni pericolose Uno dei piani di sicurezza più importanti è il piano della sicurezza e di coordinamento che deve essere redatto durante la fase di progettazione dell’opera a cui si riferisce. Il compito di redigere il PSC spetta al coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione.Il coordinatore deve essere nominato in fase di progettazione e non può essere il committente stesso, né il datore di lavoro, né un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione.I contenuti che devono essere presenti all’interno del piano sulla sicurezza e coordinamento sono descritti nell’Allegato XV del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro. Il piano deve descrivere l’opera che si va a costruire; bisogna identificare i soggetti a cui vengono affidati i compiti di controllo della sicurezza; l’identificazione di quali possono essere i rischi concreti, specificando in quale area del cantiere possono presentarsi e come si intende risolverli o come assicurare la sicurezza degli operai infine bisogna fare una stima di quanto verrà a costare la messa in sicurezza del cantiere.


Piani di sicurezza: Riduzione rischi

Operai imbracatura Un altro tra i più importanti piani di sicurezza è il piano operativo per la sicurezza (POS). Il suo obiettivo è quello di ridurre al minimo i rischi che è possibile correre da parte degli operai durante i lavori in un cantiere edile. Un piano operativo per la sicurezza per essere dichiarato tale deve contenere diverse informazioni. Tra queste tutte le informazioni riguardanti l’azienda appaltatrice come indirizzo di riferimento, recapito telefonico e il nome del datore di lavoro. Bisogna specificare quali sono le mansioni cui bisogna attenersi in cantiere e chi ricopre tali ruoli specifici. Da specificare sono anche i nominativi degli addetti alle emergenze quali pronto soccorso, antincendio e il nominativo del responsabile dei lavoratori. Un altro elemento richiesto è un elenco delle sostanze che bisognerà utilizzare durante lo svolgimento dei lavori, soprattutto di quelle miscele chimiche potenzialmente dannose all’uomo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO