Intonaco

Protegge le pareti esterne e orna quelle interne

L'intonaco è una miscela pastosa di calce o gesso, acqua e sabbia, che indurisce all'essiccamento ed è utilizzato per il rivestimento di soffitti, muri e pareti. L'intonaco applicato sulle pareti esterne ha principalmente una funzione protettiva contro gli agenti climatici ed è relativamente termoisolante, anche a seconda di come è accessoriato. L'intonaco per interni è principalmente estetico ed è progettato secondo il tipo di finitura a cui viene applicato e il numero di strati necessari. L'intonaco ornamentale per soffitti può essere applicato con un attrezzo di stampaggio in metallo che rappresenta il negativo del profilo desiderato. Alcuni elementi dell'intonaco ornamentale possono essere prefabbricati (cornici ad esempio, o rosoni) e bloccati in posizione con gesso di Parigi. Sull'intonaco delle pareti interne possono essere applicati direttamente rivestimenti come piastrelle, stencil, carta da parati, mentre vari tipi di finitura, tra cui colori e texture, possono essere incorporati nell'intonaco. Con la tecnica splatter, che consiste nello schizzare materiale inerte con una certa forza sul rivestimento quando è ancora morbido, si possono ottenere effetti particolari.
Posa in opera dell'intonaco

Pistola a spruzzo Aerografo Pistola per intonaco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49€


L'intonaco, antichissimo stratagemma per difendersi dal freddo

Tipo di texture di intonaco L'intonaco è stato utilizzato fin dalla preistoria e rappresenta una delle più antiche tecniche costruttive. È provato dai ritrovamenti archeologici che i popoli primitivi intonacavano i loro rifugi di canne con il fango, ottenendo strutture più durevoli e protette da intemperie e parassiti. Un tipo di gesso calcinato utilizzato in seguito nelle piramidi dagli egizi è molto simile all'attuale gesso di Parigi e le prime malte a base di calce, sabbia, fibre animali e acqua sono molto simili a quelle utilizzate in tempi attuali. Nella storia dell'architettura greca veniva utilizzata una miscela bianca di alta qualità di calce e stucco, usata per coprire gli esterni dei templi con la tecnica della stuccatura. I soffitti ornamentali in gesso dell'Inghilterra di Enrico VIII sono tutt'ora ammirabili. Il gesso come materiale per le intonacature per pareti e soffitti rimane di uso comune a tutt'oggi, anche se il suo uso ornamentale è diminuito notevolmente. Facilita la pulizia e l'igiene ed è un ritardante nella propagazione del fuoco.

  • Casa ecosostenibile L'estetica di una casa rappresenta la personalità di chi ci abita; arredarla nel miglior modo possibile è una prerogativa comune. Ma la bellezza di questa non riguarda solo l'interno, tutto comincia d...
  • Esempio di muro con listelli in cotto I listelli in cotto sono dei materiali edili che presentano diverse caratteristiche fisico-tecniche e di conseguenza svariati campi d'impiego. Essi sono il risultato della miscelazione di argille, sab...
  • Danni da umidità su parete L'umidità è, per definizione, la quantità di vapore acqueo presente nell'atmosfera che, se presente in eccesso rispetto alle molecole di aria, può appesantire l'ambiente creando problematiche struttur...
  • Crepa su muro Comunissimo riscontro oggettivo, soprattutto su immobili molto vecchi, le crepe sui muri possono fornire delle chiare indicazioni circa la stabilità di un edificio, di una singola abitazione, di una p...

Unibond No More Cracks - Intonaco multifunzione, pronto all'uso, 600 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,18€
(Risparmi 0,02€)


Le diverse qualità dell' intonaco

Intonaco fatiscente Fino alla fine del XIX° sec. si usavano intonaci a base di calce, composti da calce, aggregati, fibra ed acqua. La calce si ricavava dal calcare dei gusci di ostriche e conchiglie, l'aggregato dalla sabbia e la fibra da bovini o dal pelo di maiale. In alcuni casi calce e gesso venivano usati in combinazione per le mani di fondo e le finiture sopratuttto nella prima parte del XX° sec. Rispetto alla calce, il gesso aveva una finitura più dura e poteva essere applicato con maggiore rapidità. La versatilità di questo materiale inoltre faceva sì che potesse essere meglio applicato su supporti di diversa natura come pietra, mattoni e graticciati di legno. L'adattabilità di questo intonaco, in grado di fornire superfici resistenti e facili da pulire, lo rendeva idoneo a rivestire pareti piane o curve di qualsiasi costruzione di qualunque dimensione, forma e configurazione. Quest'elemento ha reso il gesso materiale prescelto degli intonaci di quasi tutti gli edifici, almeno fino al 1930.


L'intonaco a calce

Rinzaffo di uno degli strati dell'intonaco Il tradizionale intonaco a calce veniva posato dagli stuccatori che mescolavano accuratamente la calce viva con acqua. Il composto come prima reazione liberava calore, ma una volta raffreddato si otteneva il grassello di calce a cui si poteva aggiungere sabbia e fibre. Questa miscela a grana grossa veniva applicata in uno o due strati per costituire lo spessore della parete. Gli strati seguenti costituivano il rinzaffo (la graffiatura che faceva da aggrappante) e il cappotto colorato. L'ultimo strato conteneva una percentuale maggiore di grassello di calce, poco aggregato e nessuna fibra e dava al muro una superficie bianca e liscia. Rispetto agli altri strati, quest'ultimo era molto sottile, di solito meno di 10 mm. Quest'ultima finitura a volte conteneva polvere di marmo, che poteva essere levigata e lucidata con una spatola d'acciaio, oppure quantità dosate di gesso per accelerare il tempo di presa. Se lo stuccatore aggiungeva sabbia, il muro avrebbe mostrato i caratteristici segni circolari della spazzolatura.


L'intonaco a gesso

Il gesso si può utilizzare non appena mescolato con acqua, rapprende in pochi minuti e si asciuga in due o tre settimane contro i quaranta giorni dell'intonaco a calce. Tradizionalmente non richiedeva un legante fibroso, e costituiva supporti più rigidi ma una volta che l'intonaco asciutto diventa difficile capire la differenza tra l'intonaco a gesso e quello a calce. L'inconveniente dell'intonaco a gesso era la mancanza di idrorepellenza e la sua predisposizione ai danni da umidità. La protezione dall'acqua veniva resa da spazi di aria lasciati nella muratura in modo da impedire il trasferimento dell'umido. Nelle operazioni di restauro occorre interpellare un esperto stuccatore per individuare le caratteristiche del proprio intonaco. È da tenere presente infatti che, fin quando è possibile, è sempre meglio riparare l'intonaco anziché rimuoverlo del tutto, operazione lunga e costosa. Per riparare l'intonaco è sempre necessario ricorrere a professionisti qualificati, dotati di esperienza e strumenti speciali, mentre le piccole riparazioni possono essere effettuate con il fai da te eventualmente con l'assistenza dello stuccatore.


Intonaco: Gli inconvenienti

Intonaco soffitto Quando l'intonaco si asciuga diventa relativamente rigido e dovrebbe durare per un tempo indefinitivamente lungo. Tuttavia vi sono condizioni che causano la rottura dell'intonaco, efflorescenze e distacchi. Questi problemi dell'intonaco possono essere causati da complicazioni strutturali, scarsa manodopera, indurimento improprio e umidità. I problemi strutturali possono essere dovuti a sovraccarichi, a vibrazioni, a problemi di fondamenta. Possono creare nel primo caso crepe da sforzo e negli altri crepe orizzontali. Errori iniziali nella costruzione, come angoli deboli, incorniciatura difettosa di porte e finestre possono far passare l'umidità causando rigonfiamenti dell'intonaco. Anche i materiali scadenti ovviamente possono inficiare la resistenza dell'intonaco. Oggi si utilizzano per lo più intonaci premiscelati, composti da leganti, inerti ed additivi nelle proporzioni idonee e semplici da preparare aggiungendo l'acqua e seguendo le indicazioni del produttore. Il dosaggio corretto, la miscelazione dei materiali, gli spessori adeguati, le temperature e la circolazione dell'aria durante la polimerizzazione, sono di vitale importanza per la qualità del risultato finale.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO