Betoniera autocaricante

Cosa è una betoniera autocaricante

Una betoniera autocaricante è una macchina utilizzata in edilizia per la realizzazione di impasti. Si presenta come un piccolo automezzo compatto dotato di una pala per il carico di cemento, calce e inerti. Possiede 4 ruote motrici che le permettono di recarsi anche in luoghi isolati o sconnessi. Il bicchiere è leggermente più grande di quello di una classica betoniera da cantiere e al suo interno sono presenti delle pale per il mescolamento degli elementi. Il bicchiere è collegato anche ad una pompa per l'acqua. La miscelazione degli elementi avviene per rotazione del bicchiere. Quando l'impasto è pronto la rotazione viene invertita e grazie alla presenza di una vite di Archimede all'imbocco del bicchiere, il cemento fuoriesce dalla betoniera. Nella pratica il funzionamento di questa macchina è simile a quello di un'autobetoniera, solamente in proporzioni più ristrette.
Modello di betoniera autocaricante

Waterful COX260100 Sturatubi/Sturalavandini a Spirale, 10 Metri, Multicolore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,91€


I vantaggi

Betoniera autocaricante durante l'uso Una betoniera autocaricante permette di realizzare nei pressi del cantiere l'impasto cementizio necessario al lavoro, senza dover ricorrere a malte premiscelate, molto più costose e di qualità inferiore. Inoltre con l'utilizzo di questa macchina è possibile produrre la quantità di materiale strettamente necessaria al lavoro da eseguire, e in questo modo si risparmiano gli sprechi e si riducono i costi. La presenza di una betoniera autocaricante nel cantiere fa si che, in caso occorrano piccole quantità di impasto, esso sia direttamente prodotto sul posto, senza dover effettuare viaggi di rifornimento, per modeste quantità. Le sue 4 ruote motrici e la compattezza la rendono adatta anche a lavorare in spazi stretti e impervi, e la possibilità di muoversi su strada le permettono di raggiungere autonomamente il cantiere.

  • Tipi diversi di badili Il badile, conosciuto molto spesso anche con il nome di pala o vanga, non è altro che un comune attrezzo per il fai da te usato soprattutto in edilizia ed in agricoltura. Se la sua descrizione è abbas...
  • Giovani piante di Raphia Quando si chiede una fibra naturale e resistente non si può non pensare alla rafia.La rafia si ricava dalle foglie una pianta, la Raphia, che vive nell'Africa subsahariana, ma anche in Madagascar e in...
  • Esempio di piccone Il piccone è un attrezzo ad esclusivo uso manuale, utilizzato soprattutto in agricoltura e nel giardinaggio con lo scopo di spezzare i terreni molto duri e le rocce. È formato sostanzialmente da due p...
  • chiavi a brugola La chiave a brugola è una chiave meccanica dal caratteristico profilo esagonale, ha molti nomi ed è uno strumento di uso quotidiano. E' conosciuta anche come testa esagonale o chiave zeta o anche alle...

Trapano elettrico, Meterk 850w 3000 RPM Trapano a Percussione, martello e trapano 2 in 1 Impact Drill, fermo profondità e mandrino a azione rapida, impugnatura extra regolabile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€
(Risparmi 26€)


Betoniera autocaricante: Costi betoniera autocaricante

Betoniera autocaricante compatta La betoniera autocaricante ha un elevato costo e ciò ne rende limitata la diffusione tra le piccole e medie imprese, le quali preferiscono ricorrere al suo noleggio in caso di necessità. Il costo del noleggio si aggira tra i 25 e i 45 euro all'ora, in proporzione alla capacità di carico della macchina che può andare dai 2 ai 10 metri cubi.Il costo per un macchinario nuovo è generalmente superiore ai 25.000 euro, e ciò impedisce a molte aziende il suo acquisto, in quanto comporterebbe l'immobilizzazione di un ingente capitale. Diverso è il discorso per l'usato. Sono tanti i modelli presenti sul mercato, anche se occorre verificarne l'effettivo stato di funzionamento, in quanto molti di essi sono esemplari con più di 20 anni di vita. Anche la manutenzione di questi macchinari è molto dispendiosa e questo, sommato ai costi, rende molto più conveniente il ricorso al noleggio.



COMMENTI SULL' ARTICOLO