Energia fai da te

Energia elettrica fai da te

Gli elementi necessari per creare un piccolo generatore di corrente sono: 2cd (si possono utilizzare anche se usati e non più funzionanti), un pezzo di cartone, forbici, colla a caldo o attack, un elastico, una base di legno con forma ad "L" , un bullone, una vite, due madreviti, due rondelle, un led, un motore di corrente continua di 6, 9 o 12 volt. Per prima cosa tagliate il cartone seguendo la forma del cd, solo che questo deve essere leggermente più piccolo del disco. Poi incollate i due cd, uno da un lato e uno dall'altro del cartone e forate la parte centrale. Dopodiché bucate la parte alta della base in legno, infilatevi il bullone, fermatelo con una madrevite, poi ponete il disco, una rondella e un'ultima madrevite per fermare il tutto. Il motore deve essere sia ben aderente al legno che allineato col disco. A questo punto fate un foro verso l'esterno del disco e infilateci una vite, in modo che possa essere girato anche a mano. Collocate l'elastico nel disco del motore e nel cd. Il led deve essere ben saldato al cavo del generatore e deve avere un adattatore per collocare il positivo e il negativo. Ora che è tutto pronto, fate girare il disco, il led dovrebbe accendersi!
Generatore elettrico fai da te

SPDT interruttore a scorrimento - SODIAL(R) 20pz 5V 0,3 A mini formato Nero SPDT Slitta Switch per le piccole fai da te progetti di energia elettronici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,8€


Energia fai da te eolica

Incollaggio del bicchiere al supporto I materiali per creare un mini generatore eolico sono: una tavoletta di legno, un motore di 12 volt, due diodi a led, due cavi con i loro rispettivi ganci, colla a caldo o silicone, una piccola elica e un bicchiere di plastica. Per prima cosa disponete la colla sul bordo del bicchiere e fatelo aderire alla tavoletta. Poi incollate il motore sul bicchiere. Una volta asciutta la colla, disponete l'elica nella chiavetta del motore e unite i due cavetti al motore, saldandoli ad esso. A questo punto collegate in parallelo i due diodi, fermando i poli positivi con un gancio e quelli negativi con l'altro. Per far muovere l'elica si può utilizzare un fon oppure si può portare il piccolo generatore all'aperto, servendosi del vento (se c'è). Il movimento dell'elica si convertirà in energia elettrica grazie al motore, e questa energia farà appunto accendere i due led.

  • Una grande centrale biomasse Le centrali biomasse sono un tipo di centrale elettrica che sfrutta l'energia di materiali organici come legname, scarti di lavorazioni agricole e forestali, letami e rifiuti umidi urbani. L'energia p...
  • Rotore all'interno di un motore Il rotore è una parte meccanica in movimento collocata all'interno di una macchina o di un dispositivo meccanico. È comunemente presente all'interno di macchine rotanti, in particolare motori elettric...
  • Conto energia, un vecchio contatore elettrico Quali sono i vari aspetti che ispirano il Conto energia? Esaminiamo con attenzione gli aspetti di questo progetto che prende forma, per la prima volta, nel 2001 con la Direttiva Comunitaria per le Fon...
  • Lampadina sull'erba Per comprendere bene quanto e cosa paghiamo per la fornitura elettrica è importante leggere attentamente i dati presenti nella bolletta. Benché siano presenti diverse aziende, ogni bolletta rispetta u...

Catturare calore dal sole. Impianti termici solari industriali e fai da te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€
(Risparmi 1,8€)


Forno solare

Forno solare Il forno solare è un mezzo che permette di cuocere i nostri cibi ad impatto zero sull'ambiente, facendoci risparmiare tantissima energia. Si tratta di "scatole" con le pareti interiori altamente riflettenti, simili a degli specchi. Il principio di funzionamento è molto semplice. Si dispongono le pietanze all'interno del forno, lo si orienta verso il sole, in modo che le pareti riflettenti isolino e convertano la luce proveniente dai raggi solari in energia termica. Ciò prova un aumento della temperatura interna e nel giro di pochi minuti il forno arriverà già a 100°C. Il cibo si cuocerà lentamente, senza mai bruciarsi o sfaldarsi. Questo metodo di cottura è sì a impatto zero e a costo zero (a parte la spesa per il forno), però i tempi di preparazione sono anche più lenti di quelli di un forno normale. Ciononostante vi si possono cuocere tutti i tipi di pietanze, dalla verdura alla frutta, dalla carne al pesce e perfino il pane.


Risparmiare in casa

Tipologie lampadine Sfruttate la luce del sole, quando possibile. Se dovete leggere, mettetevi vicino una finestra; utilizzate colori chiari per le vostre pareti, in modo tale che l'ambiente sarà più luminoso; ricordatevi di spegnere sempre le luci quando uscite da una stanza; usate lampadine fluorescenti compatte, poiché consumano meno energia e, anche se sono più care, durano fino a 10 volte di più di quelle normali; staccare la spina a televisore e caricatori del cellulare quando non sono in uso, perché anche quando sono spenti consumano energia, circa un terzo rispetto a quando sono accesi; se si deve scegliere tra un computer portatile e uno fisso, il primo consuma meno elettricità del secondo; quando si accende l'aria condizionata o il riscaldamento è consigliabile tenere porta e finestre chiuse; un forno a gas consuma molto meno di un forno elettrico; chiudete bene la portiera del frigo. Quando si risparmia energia, si risparmia anche denaro che può essere usato per altre cose. A una scala maggiore, se tante persone risparmiassero un po' di energia, l'impatto totale sull'ambiente sarà significativamente minore. Risparmiare energia quindi aiuta anche a rispettare il nostro pianeta.




COMMENTI SULL' ARTICOLO