Centrali biomasse

Cosa sono le centrali biomasse

Le centrali biomasse sono un tipo di centrale elettrica che sfrutta l'energia di materiali organici come legname, scarti di lavorazioni agricole e forestali, letami e rifiuti umidi urbani. L'energia può essere ricavata tramite la combustione diretta delle biomasse o cercando di migliorarne le prestazioni energetiche con procedimenti quali la pirolisi e la gassificazione. La pirolisi permette di ottenere dei combustibili più raffinati somministrando calore alle biomasse in un ambiente privo di ossigeno. La gassificazione invece si ottiene raccogliendo i gas prodotti dal riscaldamento ad alte temperature delle biomasse in un ambiente aerobico. Una volta stabilito il combustibile da utilizzare, una centrale a biomasse funziona come una termoelettrica. La combustione riscalda l'acqua trasformandola in vapore ad alta temperatura. Esso va ad attivare una turbina, la quale è connessa ad un alternatore che, ruotando, produce energia elettrica. Il vapore esausto e i fumi di scarico possono a loro volta essere utilizzati per il riscaldamento di acqua destinata all'uso domestico o nelle serre.
Una grande centrale biomasse

Central de biomassa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Materiali utilizzati nelle centrali biomasse

Scarti forestali come biomasse Sono dette centrali biomasse solamente gli impianti che utilizzano come combustibile prodotti di origine vegetale, scarti alimentari e letami. La biomassa più utilizzata nel corso dei secoli è di sicuro il legname, il quale è sempre stato bruciato per ottenere calore e luce. Nelle centrali a biomasse esso viene utilizzato generalmente sotto forma di cippato e viene ricavato da specie vegetali a rapida crescita coltivate unicamente con questo scopo. Altro legname può essere ricavato dagli scarti delle lavorazioni industriali, agricole e forestali. Altra tipologia di biomassa sono gli scarti dell'industria alimentare, i letami e i rifiuti umidi urbani. Questi, a differenza del legname, non possono essere direttamente utilizzati, in quanto l'alta percentuale d'acqua presente al loro interno ne impedisce la combustione. Essi vengono così posti in un "digestore" dove dei microrganismi, in un ambiente privo di ossigeno, provocano la fermentazione dei rifiuti formando il biogas. Questo, una volta trattato e purificato, può essere utilizzato come combustibile per produrre elettricità o per il riscaldamento.

  • Stufa onnivora Le stufe onnivore sono l’ultima innovazione nel settore del riscaldamento domestico. Consentono di utilizzare combustibili ecologici come pellet e tronchetti legnosi formati da segatura, scarti della ...
  • Generatori metano Realizzare una produzione di energia attraverso il biogas fai da te è un'operazione che viene resa possibile attraverso il riutilizzo dei rifiuti organici. Tra questi ultimi quello maggiormente rinoma...
  • Come funzionano le caldaie biomassa Le caldaie biomassa riscaldano gli ambienti sfruttando come combustibile delle fonti rinnovabili come il legno, il cippato e il pellet; questo tipo di caldaie seguono lo stesso principio di funzioname...
  • Pannelli solari La sostenibilità ambientale è un concetto sviluppato negli ultimi anni, molto importante e legato all'ambiente in cui viviamo. Prevede l'utilizzo di energia pulita e di fonti rinnovabili al fine di in...

Hybridation Solaire/Biomasse pour la Conception de Centrales Efficaces

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


I vantaggi delle centrali biomasse

Sito di stoccaggio delle biomasse. Le centrali biomasse hanno dei vantaggi sia rispetto a quelle alimentate da combustibili fossili, sia rispetto alle altre fonti alternative. Rispetto alle centrali a idrocarburi, quelle a biomasse hanno il vantaggio di non incrementare il livello di anidride carbonica nell'atmosfera. Questo perchè le biomasse sono degli scarti agricoli, forestali o urbani il cui carbonio fa parte del ciclo naturale, e quindi, a differenza di petrolio e carbone, non contribuiscono all'aumento dell'effetto serra. Le biomasse sono considerate fonti rinnovabili. Rispetto alle altre fonti rinnovabili una centrale a biomassa ha il vantaggio di poter immagazzinare il combustibile, mentre solare ed eolico sono disponibili solo a seconda delle condizioni meteo e delle stagioni, oltre che può essere regolata a piacimento, a seconda delle necessità. Anche i costi sono molto inferiori in quanto si utilizzano materie considerate scarto di altre produzioni. Infine realizzando sistemi di cogenerazione, è possibile ricavare dalle centrali a biomasse energia termica da destinare al riscaldamento urbano, sfruttando il calore che si genera con il processo di combustione.


Centrali biomasse: Gli svantaggi

Centrale impianto stoccaggio Le centrali biomasse hanno comunque degli svantaggi rispetto ad altri tipi di impianti. In primo luogo il potere calorifero delle biomasse è molto inferiore rispetto a quello degli idrocarburi a parità di peso. Ciò fa si che occorra molto più spazio per lo stoccaggio del combustibile derivato dalle biomasse, più spese per il loro trasporto, e più consumo di energia per la loro preparazione. Le biomasse contengono anche un elevato tasso di umidità, che può raggiungere il 50% del loro peso, e ciò richiede lunghi tempi di essiccazione e di densificazione. Inoltre per ricavare energia dalle biomasse occorre avviare un processo di combustione, il quale comunque produce polveri sottili, come il PM2 e il PM10, le diossine e i furani. Quest'ultimo problema è sentito soprattutto dalle comunità locali, le quali spesso si organizzano in comitati di protesta e cercano di ostacolare la creazione di nuovi impianti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO