Eolico fai da te

Realizzazione di un impianto eolico fai da te

La produzione di energia elettrica pulita ad uso domestico è un'aspirazione sempre più viva nelle famiglie, sia perché l'attenzione e il rispetto per l'ambiente sono sempre più grandi, sia perché il fai da te è ormai molto praticato. Non ultima è la considerazione che un impianto eolico fai da te è molto più economico di un congegno realizzato da un professionista. Non è possibile affermare che un siffatto impianto può essere capace di rendere totalmente autonomo un nucleo familiare medio, ma è senz'altro un valido aiuto. La quantità di energia prodotta, ovvero la resa dell'impianto, dipende innanzitutto dal suo posizionamento: dalla quantità di vento che le pale sono capaci di catturare e dalla sua costanza. E' cruciale, quindi, scegliere con perizia il punto di installazione del nostro impianto: occorre misurare la direzione e l'intensità del vento nel modo più accurato possibile, poiché un errore nelle misurazioni, anche solo del 10%, può causare una riduzione della produzione energetica fino al 30-40%. Dove collocare il palo eolico è, quindi, la valutazione preliminare da fare.
Turbina eolica fai da te

Sunix® 20A Pannello solare regolatore della carica Regolatore di carica con USB intelligente, display a LED 12V-24V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€
(Risparmi 10€)


Metodi di misurazione preliminare del vento

Stazione anemometrica Poiché i rilievi di un esperto possono incidere fortemente sui costi di realizzazione di un impianto eolico fai da te, è bene investire qualche euro per acquistare un anemometro o, meglio, una stazione anemometrica, che consente la scelta del sito ottimale eseguendo rilevamenti periodici sull'intensità e la direzione del vento. I dati così raccolti vengono immagazzinati su una scheda SD e successivamente elaborati un PC. Si può così valutare dove fare l'installazione e, addirittura, in quanto tempo la spesa potrà essere ammortizzata. E' semplice reperire in commercio queste stazioni e, investendo anche un pò di tempo per fare qualche ricerca sul web, acquistarle per importi tra i 500€ e i 700€. Un investimento iniziale necessario ed importantissimo. E' possibile anche confrontare le informazioni ottenute con quelle riportate dall'Atlante Eolico d'Italia o dalla più vicina stazione anemometrica (se esistente), per una valutazione ancora più ampia dei venti nella zona scelta. Perché l'impianto progettato sia ben funzionante la velocità minima del vento deve essere di 15 Km/h, con una velocità ottimale di 40-50 Km/h.

  • Kit generatore eolico L'impianto eolico è quel meccanismo che consente di sfruttare la potenza del vento per generare energia elettrica, ovvero un'energia pulita, rinnovabile, che non inquina e non si esaurisce. Molti rico...
  • Foto di una turbina eolica ad asse verticale Un impianto eolico verticale fondamentalmente produce energia pulita utilizzando la forza del vento (eolica). Un impianto eolico ad asse verticale è composto da un generatore eolico, un regolatore di ...
  • Impianti eolici Il vento è una delle fonti energetiche più antiche. Sebbene sia stato utilizzato dall'uomo da sempre - prima nella navigazione, poi per i mulini - solo negli ultimi decenni si è pensato di sfruttarlo ...
  • turbina eolica fai da te La Zoetrope, turbina fai da te, che noi chiameremo con l'appellativo "mini eolico fai da te", è stata un'idea di un cittadino americano, Mike Marohn. Il nativo di Washington si è rivolto all'Applies S...

SET CAVO SOLARE10 METRI 6mm PER FOTOVOLTAICO, EOLICO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37,04€


Componenti di un impianto eolico fai da te

Schema di impianto eolico Scelto il sito, occorre procurarsi il necessario per la realizzazione dell'impianto, iniziando dalla struttura di sostegno e dal rotore a una o più pale; occorre poi un regolatore di carica collegato al pacco batterie e al carico di protezione: quest'ultimo consente di assorbire l'eventuale energia in eccesso e di disperderla riscaldando aria o acqua. Le batterie più utilizzate per questo genere di impianti sono al piombo acido 12V, del tipo deep cycle, capaci di sopportare fino a 300 cicli. L'inverter è lo strumento necessario per trasformare l'energia continua generata dal vento in energia elettrica alternata, l'unica utilizzabile a fini domestici. Si consiglia anche l'uso di un diodo di blocco, per evitare la dispersione energetica quando il vento fa girare le pale in senso inverso a quello previsto per il funzionamento. Un quadro di controllo, cavi del diametro capace di sopportare l'energia prodotta e un interruttore per corrente continua (DC) utile a scollegare, all'occorrenza, le batterie dall'inverter sono gli ultimi elementi necessari.


Eolico fai da te: Come costruire una turbina

Esempio di pale in PVC per impianto eolico La turbina non è altro che un sistema composto dalle pale eoliche, che sono mosse dal vento, collegate ad un comune generatore di corrente. Occorre scegliere un prodotto capace di sopportare tensione e potenza ingenti e che produca una corrente di almeno 12 Volt. Sono da escludere gli alternatori delle auto poiché hanno una velocità di rotazione troppo elevata. Non resta che costruire le pale. Anche se è possibile utilizzare diversi materiali, come legno o metallo, anche riciclati, è consigliabile scegliere il PVC: è facilmente reperibile, economico, semplice da lavorare, leggero e resistente. Per iniziare occorre misurare il tubo in PVC e tagliarlo con un seghetto in parti uguali, delle dimensioni desiderate. Per dargli la forma della pala tagliare in senso obliquo, partendo da uno degli angoli, così da formare un triangolo allungato. Per realizzare il supporto per il montaggio è sufficiente staccare una superficie quadrata del tubo all'angolo opposto, lasciando un margine di almeno 15 cm. Le pale così create vanno smussate con della carta vetro, verniciate per proteggerle dai raggi UV e fissate sul mozzo, prima di issare l'intero meccanismo sul palo preventivamente preparato.



COMMENTI SULL' ARTICOLO