La domotica

La domotica: quando la casa si autogestisce

Con il termine domotica si fa riferimento a ciò che in casa può essere programmato per il funzionamento automatico. Negli anni passati le automazioni erano piuttosto essenziali: timer per le lampade, cronotermostati e così via. La tecnologia ha reso possibile la recente espansione della casa intelligente aprendo immense possibilità, con un comune denominatore dato dall'automazione e dalla promessa che i dispositivi di domotica fanno risparmiare tempo, energia e rendono la vita più facile. Oggi la domotica consente di accedere ai dispositivi di controllo in casa da un dispositivo mobile in qualsiasi parte del mondo. Il termine può essere utilizzato per dispositivi programmabili isolati, come termostati e sistemi di irrigazione, singoli elettrodomestici. Ma più spesso comincia ad essere utilizzata per descrivere case in cui quasi tutto, luci, prese elettriche, elettrodomestici, riscaldamento e raffreddamento sono collegati ad una rete telecomandabile. Una casa intelligente dove non viene trascurato neanche l'aspetto sicurezza: quindi si include il sistema di allarme, porte, finestre, serrature, rilevatori di fumo, telecamere di videosorveglianza ed altri sensori collegabili ad esso.
Domotica, tra fantascienza e realtà

Sonoff 4CH Pro - 4 uscite con funzionamento Inching/Self-Locking/Interlock Interruttore Wi-Fi RF Intelligente per Realizzare un Impianto di Domotica Fai-Da-Te (Smart Home DIY)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,33€


Che tipo di cose si possono automatizzare?

Pannello di controllo della rete Dalla lampada automatizzata che si accende da sola non appena si cammina nella stanza, al termostato programmato per spegnersi quando arriva ad una certa temperatura, fino al microonde che si accende dalla propria auto mentre si sta tornando a casa, la domotica è in continua evoluzione. Fino a poco tempo fa il controllo centrale automatizzato si applicava agli edifici commerciali più grandi e alle case più costose. I primi e più evidenti beneficiari di questo approccio sono stati i dispositivi intelligenti e gli apparecchi che possono essere collegati ad una rete locale, via Ethernet o Wi-Fi. Tuttavia i sistemi elettrici e persino i singoli punti, come interruttori e prese elettriche, possono essere integrati in reti di automazione domestica, e le imprese hanno esplorato le potenzialità del monitoraggio degli elementi basati su indirizzi IP assegnati per potervi accedere da remoto. Attività regolarmente svolte in casa sono le migliori candidate per l'automazione e ovviamente ognuno ha le proprie abitudini e quindi le proprie priorità anche in fatto di domotica.

  • Cos'è la casa domotica La casa domotica nasce, etimologicamente, dall'unione di due parole specifiche: domus, ossia casa in lingua latina, e robotica, una disciplina che studia tutte quelle tecnologie utili ad ottimizzare e...
  • Relax quotidiano Il compito del sistema domotico è quello di migliorare la qualità di vita dell'utente, riducendo le azioni quotidiane noiose e ripetitive. Il controllo remoto infatti, grazie al cavo di collegamento c...
  • Accessorio per la pulizia della piscina Vi sono alcuni accessori per la piscina specificatamente pensati per pulire l'intera superficie e rimuovere ogni residuo che si deposita all'interno. Per eliminare le alghe che si depositano sulla pis...
  • Il logo della Bticino La Bticino è una tra le realtà italiane leader nel settore delle componenti elettriche per spazi abitativi e di lavoro. L'azienda nasce nel 1936 come Ticino Interruttori Elettrici per opera dei fratel...

Broadlink RM Pro telecomando universale Smart Home domotica con Wi-Fi Ir/Rf per iPhone/Android Phone - WiFi + Ir + Rf telecomando universale intelligente.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,99€


Come funziona la domotica: l'automazione

Automatizzare ciò che funziona In pratica l'automazione è solo una delle due caratteristiche principali della domotica. Si riferisce alla possibilità di programmare e pianificare gli eventi grazie ad una rete di dispositivi. La programmazione può includere i comandi relativi al tempo, come attivare le luci in momenti specifici della giornata, oppure includere eventi non di linea, come accendere tutte le luci in casa quando viene attivato il sistema di allarme. Una volta che si iniziano a comprendere le possibilità di programmazione domotica si possono trovare un numero infinito di soluzioni utili e creative per migliorare la gestione della vita domestica. La finestra rivolta ad ovest lascia entrare troppa luce in casa? Collegare le tende ad una presa "intelligente" e programmarla per chiudersi a mezzogiorno, tutti i giorni. C'è qualcuno che viene a prendere il cane per la passeggiata quotidiana ? È possibile programmare di sbloccare la porta di casa per quando questa persona arriva e bloccarla di nuovo quando va via.


Come funziona la domotica: il monitoraggio da remoto

Prese intelligenti wifi L'altra caratteristica principale dell'avanguardia domotica è il monitoraggio e l'accesso da remoto. E' con il diffondersi di smarthphone e tablet che si è avuta la possibilità di connettersi con le proprie reti domestiche mentre non si è in casa. Con il sistema domotico è possibile utilizzare qualsiasi dispositivo connesso ad internet per visualizzare e controllare il sistema stesso e tutte le periferiche collegate. Le applicazioni di monitoraggio sono in grado di fornire una serie di informazioni sulla casa, dallo stato del momento corrente ad una cronologia dettagliata di ciò che è successo in un dato intervallo di tempo. È possibile controllare lo stato del sistema di sicurezza, la temperatura delle camere, la programmazione degli elettrodomestici, e molto altro ancora. Con le telecamere che fanno parte del sistema di automazione domestica si può letteralmente vedere cosa sta succedendo in casa mentre si è da tutt'altra parte. Naturalmente i produttori si stanno adeguando e creano sempre più dispositivi ed elettrodomestici "intelligenti" per possibilità di automazione domestica praticamente illimitate.


La necessità di adeguare le tecnologie ad un linguaggio comune

In un mondo ideale tutto ciò che può essere collegato a una rete può anche essere automatizzato e controllato a distanza. Nella comune realtà ( lontano dai laboratori di ricerca e dalle case dei personaggi famosi) la domotica collega semplici dispositivi binari, cioè i sistemi on/off come luci, serrature elettroniche, prese di alimentazione ma anche quei sensori di sicurezza che hanno solo due stati, aperto e chiuso. La domotica diventa davvero "intelligente" nei dispositivi internet-enabled che si attaccano alla rete e la controllano. L'unità classica di controllo è il PC di casa, per il quale molti sistemi di automazione domestica precedenti sono stati progettati, anche se attualmente si è più propensi a distribuire la programmazione e il monitoraggio tra un dispositivo dedicato alla casa, come il pannello di controllo di un sistema di sicurezza, e l'interfaccia di un'applicazione user-friendly a cui accedere tramite un PC con accesso web, smartphone o tablet. Naturalmente questo richiede il coordinamento dei produttori che devono allinearsi dotando gli elettrodomestici con una tecnologia digitale integrata (wrap) riconoscibile dalle applicazioni con cui deve dialogare.


Cominciare con le piccole cose

Controllo casa In attesa che i produttori standardizzino i dispositivi integrando protocolli digitali di nuova generazione, in modo che ogni singolo elettrodomestico parli la stessa lingua, la maniera più semplice per approcciarsi alla domotica è iniziare con semplici sistemi di automazione indirizzati a compiti specifici. Timer e sensori ci permettono di trasformare dispositivi ordinari come una macchina per il caffè in robot intelligenti e farci trovare il caffè pronto quando ci svegliamo. Allo stesso modo possiamo premere un solo pulsante per aprire o chiudere tutte le tende con semplici unità di controllo a distanza. Un grado un po' più avanzato di automazione si può ottenere con piccoli dispositivi wireless che si collegano alla presa di corrente e possono essere controllati da un dispositivo di tipo iOS. Questo permette di attivare e monitorare da remoto i dispositivi collegati, con maggiore flessibilità rispetto ad un semplice timer. In commercio si trovano diversi dispositivi validi per un approccio fai da te e per i principianti che vogliono cimentarsi con l'esperienza della casa intelligente.




COMMENTI SULL' ARTICOLO