Manutenzione condizionatori

Manutenzione condizionatori

Il climatizzatore d’aria è una macchina costituita da un motore esterno all’ambiente domestico e di uno interno ad esso. Esistono dei condizionatori dotati di un motore compatto in grado di svolgere le funzioni sia del motore esterno che di quello interno. In ogni caso, un condizionatore ha un gran numero di componenti. Un tempo il condizionatore era costituito da semplici organi, quali motore esterno ed interno. Nel motore esterno erano locati il compressore, i rubinetti di alta e bassa pressione, uno o due condensatori di spunto, una ventola e se dotati di pompa di calore, una valvola a quattro vie; nel motore interno vi era locata una scheda di consenso, la quale valutava se vi erano i presupposti necessari a far si che il motore esterno potesse partire. Oggi vengono prodotti dei condizionatori dotati di due o più schede di controllo, il cui funzionamento si basa sulla modularità, in grado di regolare i consumi energetici in base alla necessità di raffreddare o riscaldare l’ambiente, in base alle temperature rilevate da apposite sonde poste sia nel motore esterno che in quello interno. La manutenzione condizionatori serve a garantire il corretto funzionamento di tali elementi.
Condizionatore d'aria a parete

Uulki® Olio e Condizionatore per Ghisa - Per manutenzione di Pentole, Padelle, Griglie, Forni olandesi in ghisa - Protezione dalla Ruggine - 100% vegetale / Vegan ecologici (250ml)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€
(Risparmi 1€)


Principi di funzionamento condizionatori

Gas ecologico R-410A Il funzionamento di un comune condizionatore d’aria si basa sul principio del ciclo termodinamico, quella successione di trasformazioni termodinamiche che una volta terminate, il sistema ritorna allo stato iniziale. Tale processo viene svolto da un fluido termovettore, in questo caso, un gas fluorato. In particolare vengono utilizzati degli HFC (idroflurocarburi) appartenenti alla classe freon, cioè quella classe raggruppante tutti i gas derivati dal metano e dall’etano. Il gas ecologico utilizzato dalle varie case costruttrici, al momento è l’R-410 A, una miscela bicomponente caratterizzata dalla presenza in fase eterogenea di difluorometano e pentafluoroetano. Essendo HFC, tali gas non contribuiscono all’incremento dell’effetto del buco dell’ozono, in quanto non sono clorofluorocarburi. Ciò significa che le molecole non presentano ioni cloruro, ovvero quelle particelle che liberate nell’atmosfera ne deteriorano le caratteristiche.Una buona manutenzione condizionatori prevede il controllo abituale delle condizioni dei vari componenti, nonché dell’accurata igienizzazione dei due motori.

  • caricabatterie per auto Il caricabatterie auto è un congegno che non dovrebbe mai mancare negli attrezzi di qualunque meccanico fai da te. Si tratta infatti di uno strumento estremamente utile, dato che permette di ricaricar...
  • Scala a chiocciola Nella realizzazione di una scala classica in muratura, la profondità di ciascun gradino, ossia la pedata, e la sua altezza, detta alzata, sono già definite. La pedata deve misurare 33 cm mentre l’alza...
  • Pavimentazioni per esterni con motivi geometrici I pavimenti per esterni sono studiati per essere resistenti e soprattutto belli da vedere e funzionali. Essi hanno come primo obiettivo quello di rispondere a determinati requisiti. Innanzitutto devon...
  • Controllo dell'auto da parte di un professionista Il controllo dell’auto va effettuato in maniera periodica per avere un mezzo sicuro e funzionale. Se si intende fare un viaggio questo va eseguito prima della partenza. Il controllo comprende i livell...

Copri condizionatore rinforzato (larg/prof/alt): 900/330/650 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,49€


Come eseguire la manutenzione condizionatori

condizionatore manutenzione Eseguire la manutenzione condizionatori vuol dire controllare il corretto funzionamento del proprio climatizzatore, al fine di preservare l’efficienza dei vari componenti. Inoltre per questioni di igiene, è indispensabile trattare i climatizzatori con appositi prodotti certificati igienizzanti. Per quanto riguarda la manutenzione della componentistica, la prassi annuale è quella di verificare il corretto lavoro svolto dal fluido termovettore. In particolare occorre verificare la giusta pressione di esercizio del gas presente nell’impianto. Tale gas lavora in un sistema chiuso. Dall’installazione fino al suo rimpiazzo, un condizionatore deve presentare la stessa quantità di gas refrigerante. Li dove dovesse mancare una parte di fluido, occorre ricercare la perdita nel circuito frigo. Solo dopo averla riparata, va eseguita un'ottima messa in vuoto d’impianto e la ricarica a peso di refrigerante. Per quanto riguarda il guasto di un qualche componente, se non si è esperti del settore, occorre contattare chi ne ha la competenza. Esistono vari centri assistenza autorizzati delle varie case costruttrici, pronti ad intervenire per far si che il condizionatore torni a funzionare.


Manutenzione condizionatori e igienizzazione

Igienizzare il condizionatore Per quanto riguarda la manutenzione condizionatori è di fondamentale importanza eseguire ogni 6 mesi un trattamento di igienizzazione. Il climatizzatore nei suoi vari programmi di esercizio, si trova a stretto contatto con polvere, batteri e funghi. All’interno del motore interno vi è una vaschetta che direziona verso l’esterno la condensa prodotta dall’organo di laminazione in fase di raffreddamento. Questa ospita l’acqua formatasi dalla condensazione di umidità presente nell’aria. Dato che l’acqua è l’ambiente più favorevole alla formazione di batteri e funghi, la vaschetta quindi va pulita e igienizzata regolarmente. Inoltre la stessa batteria di espansione va pulita con adeguati strumenti e prodotti. I climatizzatori sono dotati di filtri anti acaro. Sono facilmente estraibili dagli inserti appositi ed è buona norma pulirli sotto l’acqua corrente almeno una volta a settimana. Infine, dopo aver pulito con accuratezza il motore sia interno che esterno, questi vanno igienizzati con appositi prodotti che evitano la formazione di batteri responsabili della legionella, una malattia che se non curata in tempo è mortale.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO