Rampicanti da balcone

I rampicanti da balcone e i modi di coltivare l'edera

I rampicanti da balcone consentono di dare bellezza e vivacità a questo spazio esterno. Tra questi c'è l'Edera, un rampicante che può raggiungere i 6 metri d'altezza, tuttavia ci sono varietà a crescita più cespugliosa. I fiori, piccoli e verdastri, sono raccolti in infiorescenze a ombrella semplice. Il frutto è una bacca globosa, velenosa per l'uomo. Tra i rampicanti da balcone sono molto apprezzate l'Hedera colchica e l'Hedera helix: la prima cresce molto in altezza e ha foglie verde scuro ovali oppure ellittiche. La seconda, invece, ha le foglie con tre o cinque lobi, di cui quello centrale più lungo e più appuntito. Ciascun fusto tende a ramificare spontaneamente a intervalli frequenti e così le piante sono molto dense. Alcune varietà hanno i bordi color crema oppure macchie gialle. Le piante di Edera hanno bisogno di luce viva e quelle con foglie variegate dovrebbero avere due o tre ore di luce solare al giorno per conservare il loro colori contrastanti.
Edera balcone

Blinky 96156-08 Fioreria Rettangolare con spaliera, Marrone Scuro, 80 lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 51,99€
(Risparmi 10,71€)


Come coltivare il caprifoglio rampicante

Caprifoglio rampicante Molto apprezzato per i suoi fiori colorati dal profumo intenso è il Caprifoglio rampicante: viene chiamato anche Lonicera caprifolium oppure Madreselva. Si tratta di una pianta arbustiva, diffusa nell'Europa mediterranea, nell'Asia centrale e nell'America Settentrionale. Questi rampicanti da balcone possono raggiungere un'altezza di 4-5 metri, tuttavia è bene adottare dei graticci per favorirne la crescita: infatti in natura questa specie si fa spesso sostenere da altre piante più robuste che si trovano vicine. Il Caprifoglio ha foglie ovato-arrotondate, coriacee e glabre, brevemente picciolate oppure addirittura saldate tra loro due a due nella porzione basale. I fiori, riuniti in un capolino apicale, sono tubulosi e sono bianchi con sfumature rosee o gialline e spargono tutt'intorno un intenso profumo. Il frutto è una bacca rossastra.

  • Varietà di clematide rampicante La clematide rampicante appartiene alla famiglia delle Ranuncolaceae. Presenta fusti sottili semi legnosi e può avere foglie caduche oppure sempreverdi. I viticci prodotti si attaccano tenacemente all...
  • Piante rampicanti Le piante rampicanti si caratterizzano per avere un fusto flessibile di notevole lunghezza; proprio per le sue dimensioni deve crescere appoggiato a un sostegno, sul quale si arrampica e si sviluppa. ...
  • Edera a foglie variegate L'edera è una pianta abituata a svilupparsi in terreni di ogni tipo; questo porta l'edera ad essere presente in ogni zona, sia in condizioni di siccità, sia in terreni leggermente umidi. In linea gene...

HUAESIN 2PCS Edera Artificiale da Appendere Rami Edera Finta Decorazioni in Plastica Piante Finte da Esterno Interno Piante Artificiali per Balcone Giardino Ufficio Casa(94cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€
(Risparmi 2€)


Rampicanti da balcone: Come coltivare le piante di passiflora

Piante balcone Un'altra specie di rampicanti da balcone molto apprezzata è la Passiflora, molto vigorosa e tipica dell’America tropicale. I fusti, lunghi e sottili, si attaccano a qualsiasi supporto grazie a viticci a spirale e la maggior parte delle varietà possono anche raggiungere un'altezza di 6 metri e oltre. In genere si opta per la Passiflora cerulea, detta Fiore della passione: questa specie è originaria del Brasile ed è facile da coltivare. Questi rampicanti da balcone richiedono robusti supporti per arrampicarsi e traggono beneficio, in primavera, da una drastica potatura. Le piante di Passiflora richiedono viva luce per tutto l'anno. Dovrebbero inoltre ricevere dalle 3 alle 4 ore al giorno di luce solare diretta. Durante il periodo vegetativo gli esemplari devono essere innaffiati abbondantemente, in modo da mantenere il terriccio umido, ma l'acqua non deve mai ristagnare nel vaso. Durante il periodo di riposo, invece, si irriga quanto basta per impedire al terriccio di seccare.



COMMENTI SULL' ARTICOLO