Ortensie coltivazione

Ortensie

Quelle che noi conosciamo con il nome di ortensie, per i botanici sono piante del genere Hydrangea, appartenente alla famiglia delle Hydrangeaceae. Le piante di ortensia, generalmente, sono degli arbusti legnosi. Non presentano particolari difficoltà e questo ne spiega l'ampia diffusione nei giardini. Le ortensie prediligono posizioni in ombra o mezz'ombra, tollerando poco e male il pieno sole. Sole che invece è adatto alla varietà Paniculata, a condizione di non farle mai mancare l'acqua, specialmente durante le calde ed assolate giornate estive. Questa, d'altronde, è un'esigenza che accomuna tutte le ortensie: sono grandi assetate. I fiori di queste piante possono essere di diverse tonalità: rosa, blu, rossi, viola scuro o violetto, anche se nella maggior parte dei casi sono bianchi. Nelle specie H. macrophylla e H. serrata il colore è influenzato dal pH del terreno. In presenza di ambiente alcalino i fiori sono di colore rosa, mentre con terreno acido il colore vira al blu. Tre sono i gruppi in cui possiamo dividere le ortensie: le ortensie da giardino (le più diffuse), le ortensie arbustive e le ortensie rampicanti.
Ortensie fiori

Il libro delle ortensie e dell idrangee

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34€
(Risparmi 6€)


Ortensie coltivazione

Hydrangea macrophylla Per le ortensie da giardino la posizione ottimale è quella che prevede l'ombra o la mezz'ombra, attenzione soltanto a non porle sotto grandi alberi, poiché con le loro folte chiome creano troppa ombra, a scapito della fioritura. Le ortensie arbustive sono meno esigenti, per loro va bene anche un po' più di sole, magari solo al mattino. Vanno messe a dimora da settembre a maggio. Scavate una buca profonda e larga 40 cm, svasate la pianta e interratela in modo che la parte superiore della zolla si trovi a filo del terreno. Riempite la buca con terra, prima di terminare aggiungete del fertilizzante (non deve finire a contatto delle radici), poi coprite completamente. Premete bene la terra ed innaffiate per favorirne l'assestamento. La pianta va potata di circa 1/3 della sua altezza, al momento dell'interramento.Se non avete un giardino, ricordate che tutte le ortensie possono essere coltivate in vaso. E' sufficiente un vaso di 50 cm di diametro e profondità. Potete utilizzare del terreno per acidofile, se volete la colorazione azzurra. Se usate acqua calcarea per le innaffiature, ad un certo punto dovrete unire del ferro all'acqua, per contrastare la clorosi ferrica.

  • fiore ortensia rampicante Conosciute nel mondo scientifico sotto il nome di Hydrangea, le ortensie sono piante arbustive originarie dell'estremo oriente, nello specifico Cina e Giappone. Sono da sempre apprezzate per il loro v...
  • Ortensia blu Di origine asiatica, le ortensie colorano i giardini ed i balconi con i loro grandi fiori a forma di palla, nei toni del bianco, del rosa più o meno pallido, fino ad arrivare al lilla e al viola. E' i...
  • piante ortensia rampicante Con il termine Hydrangea si indica la categoria che raggruppa circa 80 differenti tipi di ortensie (in forma di arbusti o di rampicanti), accomunate dalla particolarità delle infiorescenze: raggruppam...
  • Ortensie blu in fiore L'ortensia è un piccolo arbusto molto diffuso nei nostri giardini, ed è molto apprezzata per i suoi fiori colorati e per la facilità con cui si coltiva. Si tratta infatti di una pianta molto resistent...

Ortensie, azalee, camelie e altre acidofile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,71€
(Risparmi 1,19€)


Coltivare ortensie

ortensie fiorite La coltivazione delle ortensie non richiede particolari doti nemmeno nel mantenimento: le piante hanno bisogno di acqua con regolarità, tutti i giorni, da quando riprendono l'attività vegetativa fino all'autunno. Anche cospargere corteccia di pino, per uno spessore di circa 6 cm tutt'intorno alla pianta è una buona pratica: limita la dispersione di umidità e mantiene il terreno acido. Il letame maturo mischiato alla terra di brughiera e sparso alla base della pianta in autunno è un ottimo fertilizzante.

All'inizio della primavera è bene potare le ortensie, per dare loro vigore. Quelle da giardino vanno potate drasticamente: è sufficiente lasciare un paio di gemme per ogni ramo. Naturalmente, come in tutte le piante, andranno rimossi i rami secchi e quelli molto vecchi. Le ortensie arbustive richiedono una potatura meno drastica, questo perché possano mantenere la loro altezza che di solito si aggira fra 1,5 e 2 metri.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO