Le ninfee

Coltivazione delle ninfee

Il punto fondamentale per la coltivazione delle ninfee Ŕ quello di disporre di un piccolo stagno. Una volta messa a dimora in questa zona, la pianta stessa Ŕ in grado di produrre da sola le radici che ne permetteranno il sostentamento. Qualora lo stagno di cui si dispone sia caratterizzato da un fondale in plastica, le ninfee dovranno essere messe a dimora all'interno di cestini appositamente creati per le piante acquatiche che dovranno contenere del terriccio e dei sassi. Fondamentalmente, una volta impostata la pianta all'interno dello stagno nella maniera corretta non ci sarÓ bisogno di ulteriori cure particolari in quanto la ninfea Ŕ capace di crescere in completa autonomia senza l'intervento dell'uomo. Queste piante sono inoltre in grado di sopravvivere e svilupparsi in zone caratterizzate da un clima particolarmente freddo.
Esemplare di ninfea

15 Semi Laghetto delle ninfee Pianta acquatica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,98€


Come posizionare le ninfee

Ninfea Le ninfee sono delle piante in grado di autosostenersi, ma il loro giusto posizionamento Ŕ un punto cruciale per garantire la loro corretta crescita. E' bene tenere a mente che Ŕ fondamentale disporre la ninfea in una zona in cui possa ricevere almeno 6 ore di luce al giorno. E' anche consigliato evitare di creare uno stagno laddove siano presenti delle correnti d'aria in quanto l'acqua deve essere il pi¨ ferma possibile per permettere alla pianta di assorbire tutti i nutrienti fondamentali. Per quanto concerne la profondintÓ dello stagno, invece, Ŕ bene che essa sia commisurata alle dimensioni della ninfea stessa. Per quelle tipologie di piante dalle dimensioni pi¨ ridotte Ŕ sufficiente uno stagno con circa 25 cm di profonditÓ, mentre per le ninfee di dimensioni maggiori Ŕ consigliata una profonditÓ dell'acqua di circa 40 cm.

  • Fiore di loto rosa Se si desidera introdurre nel proprio giardino o nella terrazza il fiore di loto, sarÓ necessario innanzitutto procurarsi una vasca dalla forma circolare o un vaso abbastanza ampio, questi contenitori...
  • Orchidee Vanda Le Orchidee Vanda sono piante da fiore originarie del continente asiatico e in particolare dell'India, della Cina, della Malesia e dell'Indonesia; alcune varietÓ sono coltivate anche in Australia. A q...

NINFEE RUSTICHE COLORATE IN COLORI MISTI (SOLO VASO+TERRICCIO SPECIALE)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Messa a dimora delle ninfee

Esemplare di ninfea Per quanto concerne la messa a dimora bisogna distinguere a seconda delle tipologie di ninfee acquistate. Generalmente Ŕ possibile procedere da marzo fino ad aprile, quando le temperature iniziano a salire mentre per quando riguarda le specie tropicali Ŕ necessario procedere verso maggio, a primavera giÓ inoltrata. Quando si dispone di uno stagno artificiale Ŕ bene prepare dei cestini particolari in cui disporre la pianta. All'interno sarÓ necessario porre circa 2/3 di terza specifica per piante acquatiche oppure della terra argillosa. In ciascun cestino sarÓ necessario posizionare un solo rizoma per obliguo e con l'occhio della ninfea rivolto in alto, senza che venga ricoperto dalla terra. E' molto importante fare attenzione al processo di messa a dimora della ninfea per evitare di rompere le radici.


Manutenzione delle ninfee

Ninfea Solitamente le ninfee sono piante che riescono facilmente ad autoregolarsi e, dunque, la loro gestione dopo la messa a dimora risulta molto limitata e sporadica. E' bene in primavera introdurre nei cestini dei concimi a lenta cessione sotto forma di pastiglie. In estate Ŕ necessario controllare il numero di foglie prodotte dalla pianta che dovranno ricoprire circa i 2/3 dello spazio disponibile. In autunno, infine, Ŕ utile rimuovere le foglie ingiallite per evitare di sporcare l'acqua e eliminare la possibilitÓ di crescita delle alghe. Per quanto riguarda le specie esotiche, che non sopportano assolutamente delle temperature al di sotto dei 10░C, sarÓ necessario ritirarle e riporle all'interno di alcune vaschette da conservare in luoghi con un clima pi¨ caldo. E' consigliato scegliere uno spazio che sia anche adeguatamente illuminato.


Riproduzione delle ninfee

Qualora si volesse ampliare la propria coltivazione, Ŕ possibile far riprodurre le ninfee. Il metodo maggiormente in uso si basa sulla divisione del rizoma anche se Ŕ possibile la semina che da, per˛, risultati in tempi molto lunghi ed Ŕ piuttosto complicata. La divisione del rizoma si effettua una volta ogni 3 o 4 anni circa, quando la pianta comincia a fiorire meno e a produrre pi¨ foglie. Il periodo ideale per procedere Ŕ a fine marzo oppure a novembre. Le ninfee devono essere momentaneamente rimosse dal cestino e deve essere successivamente rimosso il rizoma. Questa parte della pianta deve essere accuratamente pulita e poi sezionata in varie parti lunghe 8 cm. Ogni segmento ottenuto dovrÓ contenere un occhio e delle radici. Ogni parte potrÓ poi essere rimessa nei vari cestini e interrata come precedentemente spiegato.


Le ninfee: Malattie

Laghetto ninfea Le ninfee sono delle piante che possono facilmente essere attaccate dai parassiti e dagli insetti. Gli afidi neri sono i parassiti che attaccano le ninfee con maggiore facilitÓ ed Ŕ necessario liberarsene velocemente per evitare che la pianta si rovini irreversibilmente. Il metodo pi¨ rapido contro gli afidi neri consiste nell'uso di antiparassitari appositi. Le ninfee possono essere anche infestate dalla galeruca, un insetto che depone le sue uova nei pressi della pianta. Le larve una volta nate si nutriranno delle sue piante scavando delle gallerie. Generalmente queste uova possono essere eliminate manualmente perchŔ sono facilmente visibili essendo di colore giallo. In casi pi¨ estremi si potrÓ ricorre all'uso di prodotti specifici. Altri problemi a cui pu˛ andare incontro la ninfea sono le crittogame e i marciumi radicali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO