Giardinaggio fai da te

L'attrezzatura necessaria per il giardinaggio fai da te

Per praticare giardinaggio fai da te è necessario avere a disposizione degli attrezzi, che sono indispensabili per eseguire un lavoro perfetto in un tempo relativamente breve. In maniera preliminare bisogna individuare lo spazio che si desidera coltivare, un giardino ha necessità di attrezzature differenti dalla coltivazione in vaso. Infatti nel primo caso possono essere manuali o automatici, azionati elettronicamente o a benzina. Gli attrezzi sono diversi e si distinguono per lo scopo per cui possono essere utilizzati, per cui se si tratta di un giardino con del prato, è indispensabile disporre di un tosaerba, mentre se si coltivano degli alberi è auspicabile procurarsi scala e attrezzi per effettuare potature. Nel giardinaggio fai da te su balconi e terrazzi è sufficiente una paletta, un rastrello e delle cesoie.
Fantasia giardinaggio

Guanti Antitaglio, Guanti da Lavoro, protezione livello 5, Guanti da cucina resistenti al taglio, Guanti giardinaggio,Fai da te, livello alimentare, certificato EN388, taglia universale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


I fondamentali per un buon giardinaggio fai da te

Prato giardino Nel giardinaggio fai da te indipendentemente da quello che si desidera coltivare sono richieste delle attività preliminari, che hanno l'obiettivo di preparare il terreno e renderlo ideale per l'attecchimento dei semi o delle radici nel caso si decida di interrare piantine già sviluppate. Il substrato di una pianta deve essere sufficientemente areato, le radici respirano al pari della parte superiore. Un substrato ammassato può asfissiare le radici e compromettere lo sviluppo della pianta. L'aratura può essere fatta con l'ausilio di mezzi meccanici o manualmente, il terreno deve essere smosso e rivoltato fino ad una trentina di centimetri di profondità. La lavorazione non è conclusa se non si aggiunge un buon concime naturale, uno stallatico maturo è ideale per la sua concentrazione di azoto e minerali utili allo sviluppo fogliare e floreale delle piante. Nel giardinaggio fai da te effettuato nei vasi è consigliato svuotare completamente il contenitore, dopo aver setacciato il terreno e rimosso qualsiasi pezzo legnoso grossolano lo si può riutilizzare in miscela con del buon concime naturale e argilla espansa.

  • Bonsai di camelia fiorito I bonsai di camelia sono particolarmente ambiti per le loro prospere fioriture. Sia il tronco che i rami sono facili da modellare e assumono senza soffrire qualsiasi forma gli si voglia imprimere. La...
  • La passiflora, il fiore della passione La passiflora appartiene alla famiglia delle Passifloriaceae, piante rampicanti provenienti da America, Asia ed Australia. Il suo nome significa fiore della passione: è un riferimento alla passione di...
  • Bonsai di carpino Il bonsai di carpino è caratterizzato da una fitta ramificazione e da foglie profondamente nervate molto piccole. Dato che i rami si lasciano modellare con estrema facilità, questa pianta è indicata a...
  • Boschetto di bonsai di betulla Il bonsai di betulla è molto apprezzato per la sua folta ramificazione che pende verso il basso. La germogliazione della pianta avviene nel periodo compreso fra aprile e maggio, dopo la sfioritura. Du...

Oyster Coltello Guanti anti-taglio con paio di guanti anti quotidiano Cuts Livello 5 di protezione EN 388 certificato (cucina, giardinaggio, fai da te) (Medio)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,95€


Giardinaggio fai da te: Cosa non fare

Orticello originale Per praticare con successo il giardinaggio fai da te è necessario evitare determinati interventi che possono compromettere il benessere della pianta. Il problema principale su cui fare attenzione è l'acqua, poiché essa è essenziale per lo sviluppo fogliare, floreale e fruttifero. Ogni specie ha necessità idriche differenti, alcune hanno bisogno di essere annaffiate con una buona quantità di acqua, altre invece di irrigazioni brevi ma frequenti. Le differenze si riscontrano anche nelle modalità con cui irrigare, per cui i semi devono ricevere umidità dal basso e non devono assolutamente essere bagnati direttamente. In tutti i casi sono da evitare i ristagni idrici, che possono verificarsi anche nel caso non ci sia un buon drenaggio del terreno. L'acqua in eccesso crea troppo umidità alle radici, il terreno non asciugandosi porta a creare muffe e marciumi intorno alle radici. La soluzione nel caso la coltivazione sia fatta in terreno è interrompere l'apporto di acqua, nei vasi invece è necessario un rapido rinvaso.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO