Innesto a gemma

Gli innesti: quali sono i metodi usati

Gli innesti sono un metodo di propagazione molto usato con determinate specie di piante, ad esempio le rose e i peschi. Tra l'altro bisogna tenere a mente che, anche se le rose possono essere moltiplicate in vario modo (semina, talea, propaggine e innesto), le diverse soluzioni non sono però applicabili indifferentemente a tutte le varietà. In particolare l'innesto può essere di due tipi: il primo è detto a occhio vegetante, mentre il secondo a occhio dormiente. Quest'ultimo è chiamato anche innesto a gemma o a scudetto. I due tipi di intervento si effettuano in stagioni diverse. Quello a occhio vegetante viene eseguito in maggio-giugno e produce subito l'emissione di germogli che però non fanno a tempo a lignificarsi fino al sopraggiungere della stagione fredda e quindi non sono molto resistenti. Quello a occhio dormiente, che è il più usato perché più sicuro nei risultati, si effettua in luglio-agosto e la gemma spunta soltanto nella primavera successiva, in condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo della pianta.
L'innesto a gemma di un pesco

Innestatrice innesto OMEGA GEMMA INCASTRO - DOTAZIONE 3 LAME PINZA MANUALE - BERNI GROUP

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22€


L'innesto a gemma e le rose rampicanti

Innesto rosa selvatica L'innesto a gemma è l'unico metodo di riproduzione delle rose climbing, cioè la forma rampicante delle rose cespuglio a grande fiore rifiorente. Tra queste spicca in maniera particolare la Gioia rampicante. Questo tipo di innesto può essere applicato sia su un rosaio selvatico per fare in modo che produca fiori nella varietà preferita, quanto su rose pregiate: in questo caso si ottengono fiori di colore e forme diverse. Con l'innesto a gemma è possibile ottenere che una pianta di rosa rampicante, innestata su ogni ramo con gemme di varietà diverse, produca fiori diversi, nel colore e nella forma, su ogni ramo. Innanzitutto occorre scegliere nella pianta madre, cioè quella che si vuole riprodurre, un ramo sano che abbia prodotto fiori ed individuare le gemme da prelevare, che dovranno essere ben formate e turgide. Vanno prese in considerazione solo le gemme della parte centrale del ramo, scartando sia quelle della parte inferiore che quelle della parte apicale.

  • Bonsai di camelia fiorito I bonsai di camelia sono particolarmente ambiti per le loro prospere fioriture. Sia il tronco che i rami sono facili da modellare e assumono senza soffrire qualsiasi forma gli si voglia imprimere. La...
  • La passiflora, il fiore della passione La passiflora appartiene alla famiglia delle Passifloriaceae, piante rampicanti provenienti da America, Asia ed Australia. Il suo nome significa fiore della passione: è un riferimento alla passione di...
  • Bonsai di carpino Il bonsai di carpino è caratterizzato da una fitta ramificazione e da foglie profondamente nervate molto piccole. Dato che i rami si lasciano modellare con estrema facilità, questa pianta è indicata a...
  • Boschetto di bonsai di betulla Il bonsai di betulla è molto apprezzato per la sua folta ramificazione che pende verso il basso. La germogliazione della pianta avviene nel periodo compreso fra aprile e maggio, dopo la sfioritura. Du...

PINZA INNESTATRICE LAMA TAGLIO 3 TIPI INNESTO OMEGA GEMMA PER PIANTE FIORI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,8€


Come effettuare l'innesto a gemma

Innesti a gemma A questo punto si può passare a esaminare le modalità con cui si effettua l'innesto a gemma di una rosa passo dopo passo. Per prima cosa è necessario procurarsi un coltello da innesto ben affilato e disinfettarlo accuratamente. Con questo strumento si incide la corteccia circa un centimetro e mezzo sopra l'occhio e si fa scorrere la lama passando sotto l'occhio. In questo modo si taglia uno scudetto di corteccia che deve arrivare a un centimetro e mezzo sotto la gemma. Dal pezzo prelevato si eliminano le foglie lasciando solo una parte del picciolo. Nella rosa da innestare (chiamata pianta portainnesto) si incide la corteccia del fusto o di un ramo praticando un taglio a T. Bisogna fare molta attenzione a non intaccare il legno sottostante. Adesso si inserisce nel taglio lo scudetto, in modo che affiorino soltanto la punta dell'occhio e la porzione di picciolo.


Innesto a gemma: Considerazioni finali sull'innesto a gemma

Taglio per innesto Perché il risultato finale e l'attecchimento delle gemme innestate sia a regola d'arte si consiglia di mettere in pratica alcuni semplici accorgimenti. Ad esempio, per migliorare l'adesione fra lo scudetto e il portainnesto e impedire che lo scudetto si muova (oppure che l'acqua e l'aria penetrino nella ferita, portando con sè dei batteri) si consiglia di legare l'innesto con rafia. In alternativa si può usare anche del filo di lana; si parte dalla parte alta del ramo o del fusto e si procede senza stringere troppo. Nella primavera successiva, dopo metà marzo, si pota la rosa portainnesto sopra l'innesto, in modo che venga prodotta la nuova vegetazione. Quest'ultima sarà identica a quella del rosaio da cui è stato prelevato l'occhio. Successivamente si effettua una seconda potatura, sopra la terza o la quarta gemma.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO