Classe catastale

La visura catastale

Capiamo insieme che cosa è la visura catastale e quali caratteristiche immobiliari recepire dalla sua lettura. La visura catastale è un documento che "racconta" le caratteristiche, l'ubicazione e la proprietà di un immobile: quest'ultimo è analizzato nel dettaglio, per il suo posizionamento sulle mappe catastali, per la categoria, per la classe catastale di appartenenza, per la superficie e per la rendita catastale. Vengono indicati puntualmente il/i proprietario/i dell'immobile stesso e l'atto notarile con il quale esso/i è/sono divenuto/i titolari dei diritti di proprietà. Attraverso la visura catastale possiamo dedurre: l'identificazione dei dati dell'immobile e della redditività, le persone fisiche o giuridiche intestatarie dell'immobile stesso, i dati catastali e le planimetrie di terreni e fabbricati, gli aggiornamenti catastali derivanti da atti. È indispensabile che la visura catastale sia aggiornata ad ogni variazione, sia essa relativa all'immobile o relativa ai titolari aventi diritti: ciò permette di constatare, al momento della consultazione, le caratteristiche più recenti per un eventuale passaggio di proprietà o per le variazioni relative all'immobile.
Calcolo valore catastale

Come sanare gli abusi edilizi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,8€
(Risparmi 6,2€)


Come richiedere la visura catastale

Appunti per le visure non informatizzate Ora, invece, vi sintetizziamo le modalità di richiesta di visura catastale, ovvero come possiamo reperirla? La visura catastale si può richiedere in qualsiasi Ufficio Territoriale dell'Agenzia delle Entrate, tranne per gli immobili ubicati nelle Province di Trento e Bolzano la cui gestione è regolata dalle Province autonome, presso gli sportelli catastali decentrati (presenti nelle sedi Comunali o delle Comunità Montane, per esempio) oppure presso le Poste Italiane degli uffici abilitati attraverso lo "Sportello Amico". Contestualmente alla richiesta, viene rilasciato il certificato corrispondente. Se la visura catastale non è presente negli archivi informatizzati, sarà comunque possibile la consultazione per prendere nota dei dati a noi necessari. Se ne può fare richiesta anche online visitando il sito http://www.agenziaentrate.gov.it/, cliccando su "Cosa devi fare" e scegliendo dal menù "Consultazione dati catastali e ipotecari": la visura catastale è consultabile gratuitamente per i titolari del diritto di proprietà dell'immobile.

  • Abusivismo edilizio I condoni edilizi sono dei provvedimenti emanati dal Presidente del Consiglio che hanno come obiettivo quello di sanare gli abusivismi che sono stati eseguiti nel periodo precedente la legge. Essi con...
  • piante catastali Il catasto tavolare si differenzia da quello ordinario poiché il primo riguarda soltanto alcuni comuni italiani che lo hanno adottato durante la prima guerra mondiale. Si basa essenzialmente su quattr...
  • Edificio da sanare Secondo la legge introdotta il primo luglio 2010 dal governo Monti la compravendita di un immobile è valida solo se lo stato di fatto della costruzione edile corrisponde alla planimetria catastale: in...
  • Esempio di punti fiduciali catastali I punti fiduciali catastali sono fondamentali nelle operazioni di aggiornamento catastale, sia per quanto riguarda le particelle e le mappe che il frazionamento. Infatti costituiscono riferimenti inam...

IL CONSULENTE IN ESECUZIONI IMMOBILIARI: Manuale per una nuova professione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26€


Classe e categoria catastale: facciamo chiarezza!

Immobile di alta classe catastale Dopo aver preso confidenza con alcune caratteristiche della visura catastale, è d'obbligo chiarire i concetti di classe e categoria. La classe catastale è l'elemento di categorizzazione che permette di definire la redditività di un immobile: più il numero è crescente, più il reddito derivante è elevato. Se ad essa è associato il numero 1, avremo un reddito basso, se invece è associato un numero più alto di 1 proporzionalmente crescerà anche il reddito di appartenenza. Gli immobili che non appartengono ad una ripartizione in classe, sono segnati con la lettera "U" (unica). La classe catastale viene determinata dall'Agenzia delle Entrate come succede per la categoria catastale. Quest'ultima è associata ad ogni immobile per gruppo di appartenenza: A, B, C, D, E, F. Alcuni esempi: alla categoria A appartengono le abitazioni; alla B i collegi, le case di cura, le prigioni e le scuole; alla categoria C i negozi e le botteghe, i locali di deposito, i laboratori, i locali per lo sport; alla D gli immobili a destinazione speciale come gli alberghi e teatri; alla categoria E gli immobili a destinazione particolare come, per esempio, le stazioni e i ponti; alla F, infine, appartengono le entità urbane, come i fabbricati i corso di costruzione.


Classe catastale: Perché consultare l'Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Fino a qualche anno fa era necessario recarsi all'Agenzia del Territorio competente per poter richiedere e visionare i documenti catastali: se oggi cercate l'Agenzia del Territorio, non la troverete più. Essa era stata istituita nel 1999 nell'ambito della riorganizzazione del Ministero dell'Economia e delle Finanze e faceva parte della ripartizione delle quattro agenzia fiscali italiane: quella del Territorio, appunto, quella del Demanio, quella delle Dogane e l'Agenzia delle Entrate. Dal 2012, l'Agenzia delle Entrate, dotata di autonomia ma sottoposta al controllo del Ministero dell'Economia e delle Finanze, ha assorbito interamente le funzioni della ormai superata Agenzia del Territorio per quanto concerne tutte le richieste e gli adempimenti necessari alle variazioni catastali di un immobile, per i servizi ipotecari e per le consultazioni.Un servizio ampio, quindi, quello che offre l'Agenzia delle Entrate: non solo più servizi fiscali ma anche dati sul patrimonio immobiliare italiano, volture catastali, adempimenti unici, consultazioni, ispezioni ipotecarie e correzioni di dati catastali. Il tutto fruibile anche online sul sito dell'agenzia delle entrate.



COMMENTI SULL' ARTICOLO