Abusi edilizi

Cosa sono gli abusi edilizi

Con il termine abusi edilizi si intendono dei lavori di edilizia privata svolti senza i necessari permessi. Questi lavori possono comprendere la modifica o l'ampliamento di complessi già esistenti, l'erezione di nuovi edifici e la modifica della destinazione d'uso di uno stabile, ad esempio la trasformazione di un ufficio o un negozio in abitazione, avvenuta senza autorizzazione. I documenti amministrativi principali da utilizzare per essere in regola durante dei lavori edilizi sono il permesso di costruire e la denuncia di inizio lavori (DIA). Il primo è concesso su richiesta dal Comune di competenza e rende possibile l'esecuzione dell'intervento edilizio richiesto. La DIA è invece una dichiarazione dei lavori da svolgere sottoscritta da un tecnico, in genere un architetto o un geometra, che ne attesta la correttezza dal punto di vista delle norme edilizie.
Verificare la documentazione prima di iniziare i lavori

Come sanare gli abusi edilizi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,8€
(Risparmi 2,2€)


Come interviene l'autorità competente

Lavori di ampliamento Gli abusi edilizi si configurano quando il responsabile di un Comune, su segnalazione di un cittadino o di propria iniziativa, accerta l'esecuzione di lavori edilizi senza permesso o lavori sensibilmente difformi da quanto stabilito dai documenti amministrativi. Il proprietario e il responsabile degli abusi edilizi possono essere costretti, per legge, a demolire quanto realizzato e a ristabilire lo stato del luogo com'era prima dell'inizio dei lavori incriminati. Se questo non avviene entro 90 giorni dall'ingiunzione il Comune può acquisire gratuitamente i terreni che sono soggetto di abusi edilizi. In alternativa alla demolizione il proprietario può pagare una sanzione amministrativa, commisurata all'estensione dell'abuso e all'aumento di valore dell'edificio incriminato in conseguenza dei lavori svolti.

  • cavi elettrici I cavi o fili elettrici, in termini tecnici detti cablaggi, sono dei collegamenti deputati a trasportare l'energia attraverso l'impianto elettrico, per alimentare le prese e dunque i vari punti luce o...
  • Lavoro cantiere La manutenzione straordinaria senza DIA prevista dall'art. 5 del D.L. 40/2010 ha rappresentato un enorme passo avanti nella semplificazione degli adempimenti burocratici relativi ai lavori di ristrutt...
  • Operai muniti di caschetto di sicurezza La legge sicurezza cantieri non è stata la prima del suo genere. Precedenti atti normativi riguardanti la sicurezza sul lavoro furono introdotti nella Costituzione Italiana già dai primi anni Trenta. ...
  • Mattoni forati di diverse grandezze I mattoni vengono utilizzati per le costruzioni di qualsiasi tipologia di edificio o struttura. Essi hanno caratteristiche differenti in base alla loro destinazione. Sono formati principalmente da una...

Abusi e reati edilizi. Manuale operativo commentato con la giurisprudenza. Con CD-ROM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 74,8€
(Risparmi 13,2€)


Sanatoria degli abusi edilizi

Lavori edilizi Chi ha commesso degli abusi edilizi ed ha completato i lavori senza che gli sia stato contestato nulla può sempre decidere di riparare al proprio errore. In caso ad esempio l'autore dell'abuso debba vendere la casa, sarà necessario mettere in regola i documenti per procedere regolarmente all'atto di cessione dell'immobile. Per fare questo è però necessario richiedere un accertamento di conformità, generalmente detto sanatoria. Per ottenere il via libera però è necessario che i lavori svolti siano compatibili con la disciplina urbanistica vigente sia al momento dei lavori sia della richiesta della sanatoria stessa. Se questa doppia conformità verrà accertata, l'autore degli abusi potrà ottenere la sanatoria ma dovrà comunque pagare il doppio del contributo che avrebbe dovuto versare al Comune al momento dell'inizio dei lavori.


Abusi edilizi: Il condono e la normativa attuale

Lavori modifica appartamento In passato per gli autori di abusi edilizi esisteva sempre la possibilità di ottenere un condono. Si trattava in sostanza dell'annullamento, totale o parziale, del reato commesso. In passato si sono succedute 3 leggi speciali, nel 1985, nel 1994 e nel 2003, che comprendevano la possibilità di richiedere condoni edilizi, anche per abusi molto gravi come la costruzione di interi palazzi in zone considerate non edificabili. Queste leggi avevano validità per una durata di tempo molto limitata ed oggi non c'è in vigore nessuna legge che contempli il condono edilizio, per cui non vi è al momento nessuna possibilità di richiederne uno. Chi intende acquistare una casa dovrebbe sempre verificare che i documenti siano a posto e non vi siano richieste di condono pendenti. Alcuni Comuni italiani hanno ancora in sospeso pratiche relative al condono del 1985. In questo caso è bene sollecitare il venditore perché perfezioni la richiesta prima di procedere all'acquisto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO