Contratto di locazione ad uso abitativo

Il contratto di locazione ad uso abitativo

Il contratto di locazione di immobili ad uso abitativo è regolato dal codice civile che, al Capo VI, dedica diversi articoli alla locazione, stabilendo in linea generale obblighi, diritti e limiti da parte del "locatore" e del "conduttore" termini tecnici con cui vengono identificati rispettivamente il proprietario e l'affittuario. Il Codice civile in particolare definisce all'art. 1571 la nozione di locazione ordinaria come quel contratto "col quale una parte si obbliga a far godere all'altra un immobile per un dato tempo (1572 e seguenti), verso un determinato corrispettivo". Il cod. civ. negli art. seguenti specifica le ipotesi contrattuali sulla base della durata in cui il contratto spiega i suoi effetti. A riordinare la materia e a renderla organica sono la legge 392/78 e la più aggiornata 431/98 che puntualizza la materia specificando tipologie di contratti di locazione, ipotesi di mancato rinnovo del contratto, modalità di rilascio dell'immobile e obblighi delle parti.
contratto di affitto

Le proroghe nel contratto di locazione ad uso abitativo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,1€
(Risparmi 0,9€)


Contratto di locazione ad uso abitativo: Locazioni abitative, il regime fiscale

contratto di locazione La durata del contratto di locazione ad uso abitativo è stabilita in 4 anni rinnovabili per altri 4, periodo che inizia a decorrere dalla data della registrazione. Il canone è, salvo eccezioni, liberamente stabilito dalle parti. A norma della legge 2011/23 che regolamenta il regime di "cedolare secca" è invece fondamentale conoscere la rendita catastale dell'immobile, come si desume dalla visura catastale, poiché il canone annuo di locazione sarà pari al triplo di tale valore, a cui va aggiunto dal secondo anno in poi, l'adeguamento in base agli indici ISTAT. Se i contraenti scelgono questa opzione non avranno l'obbligo del pagamento dell'imposta di bollo e di registro dovute per registrazioni, proroghe e risoluzioni delle locazioni e il proprietario potrà usufruire di un regime fiscale più soft riguardo all'immobile e all'IRPEF: il reddito assoggettato a cedolare è escluso dal reddito complessivo.

  • Registrazione contratto locazione La registrazione di un contratto di locazione deve essere sempre effettuata dal conduttore o dal locatario, cioè dall'affittuario o dal proprietario dell'immobile. Si tratta di un obbligo sancito per ...
  • Chiavi di casa Il contratto di locazione transitorio consente di affittare un'abitazione per un periodo che va da uno a 18 mesi. La finalità della locazione non dev'essere turistica e i motivi che richiedono la temp...
  • cartelli affitti La normativa relativa alla cedolare secca sugli affitti è contenuta nell'art 3 Dlgs n.23 del 14 marzo 2011 e nel corrispondente Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate, datato 7 aprile ...
  • firma contratto affitto La caparra di affitto rappresenta una sorta di garanzia contro l'inadempimento di una parte e rappresenta una parziale o anticipata prestazione dell'esecuzione del contratto. La caparra può essere con...

Contratto di locazione ad uso abitativo a canone libero - set completo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,8€


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO