Azalea

Irrigare l'Azalea

L'Azalea è una pianta che ha un bisogno frequente di acqua. Per questa ragione è bene controllare costantemente il substrato e procedere con le bagnature ogni volta che risulta asciutto al tatto. Per creare un ambiente piuttosto umido si consiglia di porre sotto al vaso anche uno strato di ghiaia che tenderà a rilasciare acqua più lentamente una volta inumidito. È consigliato procedere per le bagnature della pianta con dell'acqua calcarea, meglio se piovana. Inoltre è bene nebulizzare altra acqua attorno alla chioma dell'Azalea contribuendo a rendere l'ambiente ancora più umido. Quando si procede con le irrigazioni è necessario prestare attenzione a non eccedere con la quantità d'acqua in quanto si rischia altrimenti di generare i ristagni idrici che portano l'Azalaea al marciume radicale e alla sua conseguente morte.
Azalea

EDS Pain Journal: Self Care Daily Planner and Food Diary - Pretty Floral

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,47€


Concimazione dell'Azalea

Fiori di Azalea Per quanto riguarda le concimazioni dell'Azalea non c'è bisogno di procedere durante tutto l'anno. Si fertilizza la pianta una volta ogni 15 giorni circa in primavera e in estate. Durante il periodo di ripresa vegetativa si favoriscono quei concimi che contengono prevalentemente azoto come l'urea e i solfati che vengono diluiti nell'acqua di irrigazione. In estate, quando l'Azalea ricomincia la fioritura, si procede somministrando dei fertilizzanti con un maggiore contenuto di potassio evitando però il cloruro di potassio in quanto il cloro danneggia la pianta. Verso la fine dell'estate, in particolare a settembre, si concludono le concimazioni con dei fertilizzanti a lenta cessione. Tutte queste sostanze devono essere somministrate in dosi leggermente inferiori rispetto a quanto riportato sulla confezione.

  • Fiore azalee Le azalee sono arbusti robusti, semplici da coltivare. Le piantine possono essere prodotte da seme o da talea. Nel primo caso non si ha la certezza che la varietà che nascerà sia identica alla pianta ...
  • Alcuni fiori fioriere I fiori per fioriere sono piante dalle corolle più o meno grandi e colorate che possono essere coltivate in contenitori da porre in casa oppure sul balcone o sul terrazzo. In questo modo si valorizzan...
  • Fiore garofano I Garofani sono piante da fiore perenni oppure annuali appartenenti al genere denominato Dianthus. Le diverse specie e varietà perenni fioriscono nei mesi autunnali, mentre quelle annuali iniziano la ...
  • Ortensia Le ortensie sono delle piante piuttosto rustiche che riescono a sopravvivere in particolari tipi di condizioni climatiche. Queste piante vivono bene sia al sole che all'ombra, purché questa sia parzia...

Kisshes Giardino - Semi di frutti giganti di fragole giganti Semi di frutti di bosco di fragole dolci di frutta Semi rampicanti per giardino e balcone ecc.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,99€


Terreno per l'Azalea

Esemplare di Azalea Se l'Azalea viene coltivata in vaso ha bisogno di un terreno piuttosto morbido e ben areato. Per fornire alla pianta un substrato di questo tipo si possono utilizzare: la torba, la perlite, degli aghi di pino e della terra di brughiera. Questi elementi vengono uniti in parti eguali per la formazione del terreno. Qualora non fossero disponibili queste sostanze è bene comunque tenere a mente che questi substrati devono essere acidi e privi di calcare. Infatti l'Azalea risulta molto sensibile al magnesio e al calcio che si trovano nell'acqua di irrigazione e quando il substrato non riesce a contrastare questi elementi, la pianta risponde con la caduta delle foglie o l'ingiallimento delle stesse. Per quanto concerne il rinvaso, invece, si procede solamente quando le radici si sono espanse eccessivamente per il contenitore in cui l'Azalea si trova.


Coltivazione dell'Azalea

Azalea in fiore Per la corretta coltivazione dell'Azalea è bene scegliere degli ambienti con un buon ricambio dell'aria. Questa pianta non ama troppo essere esposta alla luce diretta del sole e per questo, sia se coltivata in casa sia in giardino, è preferibile optare per delle zone parzialmente ombreggiate. Le temperature ottimali per l'Azalea vanno dagli 8°C ai 16°C. Al di sotto della temperatura minima la pianta tende a soffrire, quindi in inverno è bene che venga spostata in casa per non incorrere in un eventuale danneggiamento. Quando l'Azalea viene coltivata in casa si deve fare attenzione a non posizionarla accanto a delle fonti di calore. Questa pianta ama un ambiente umido e il calore diretto causerebbe un ingiallimento o anche la caduta delle foglie, quindi si sconsigliano zone in presenza di camini o termosifoni.


Moltiplicazione dell'Azalea

Per la moltiplicazione dell'Azalea si procede solo raramente mediante la semina. Molto più spesso, invece, la riproduzione della pianta avviene tramite talea. Questo procedimento viene effettuato a partire dai mesi più caldi dell'anno durante i quali vengono prelevati dei residui legnosi di lunghezza non superiore ai 10 cm. Una volta raccolti vengono riposti all'interno di cassette che verranno ricoperte di torba o perlite. Il taglio della talea viene effettuato in senso obliquo e solamente sulle Azalee robuste in modo da evitare di danneggiare la pianta. Il contenitore nel quale vengono riposte le talee deve essere ricoperto di un foglio di carta e riposto in una zona fresca e umida. Il livello di umidità può essere controllato tramite il foglio di carta da cui dovrà ripetutamente essere rimossa la condensa. Il primo bocciolo apparirà dopo circa 15 giorni.


Malattie e cure

Fiori azalea Le malattie più comuni dell'Azalea vengono causate da cattivi metodi di coltivazione. Qualora si notassero, ad esempio, delle foglie gialle che tendono ad avvizzire si può pensare ad un ambiente non sufficientemente umido oppure anche al fatto che probabilmente la pianta è esposta troppo al sole. Quando la temperatura è troppo alta, invece, si manifestano sulle foglie delle macchie brune. Le foglie che iniziano a cadere dopo aver sviluppato delle macchie giallo brune sono sintomo della presenza del ragnetto rosso, un parassita che può essere contrastato solamente con dei prodotti appositi e mediante l'aumento delle nebulizzazioni della chioma dell'Azalea. Se la propria pianta fosse di dimensioni considerevoli si può anche provare a rimuovere i parassiti dalle foglie manualmente con un batuffolo di cotone.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO