Le ortensie

Coltivazione delle ortensie

Le ortensie sono delle piante piuttosto rustiche che riescono a sopravvivere in particolari tipi di condizioni climatiche. Queste piante vivono bene sia al sole che all'ombra, purché questa sia parziale e non totale. Anche per quanto concerne i climi, le ortensie riescono a sopravvivere in presenza di climi freddi anche se è meglio prendere dei provvedimenti come ad esempio una pacciamatura protettiva del terreno. E' bene procedere con delle potature prima dell'arrivo delle nuove fioriture sia per alleggerire la pianta e permettere lo sviluppo corretto dei fiori, sia per far sì che non ci siano dei problemi nella distribuzione degli elementi nutritivi. La potatura che è possibile effettuare varia a seconda del tipo di ortensia di cui si dispone. Queste piante fioriscono in modi differenti e per ciascuna esistono delle precise tecniche di potatura.
Ortensia

OSMOCOTE A LENTA CESSIONE (6 MESI) SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DELLE PIANTE ACIDOFILE IN CONFEZIONE DA 750 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


Irrigazione delle ortensie

Ortensia Le ortensie sono delle piante che necessitano di innaffiature abbondanti. Specialmente durante il periodo estivo è bene procedere regolarmente e utilizzando molta acqua. Durante i mesi più caldi è consigliato procedere con le bagnature durante le ore serali o durante le prime ore del mattino. Un importante accorgimento quando si procede con le irrigazioni consiste nel dosare attentamente l'acqua al fine di non generare i ristagni idrici. Questi ristagni possono portare la pianta a sviluppare il marciume radicale, una delle cause più comuni di morte. Inoltre dosi eccessive di acqua potrebbero limitare l'assorbimento del ferro generando la clorosi, una malattia che tende ad indebolire di molto l'ortensia. In estate è possibile che la pianta si mostri più spenta durante le ore più calde, questo è tuttavia normale e l'ortensia generalmente tende a riprendere vigore alla sera.

  • fiore ortensia rampicante Conosciute nel mondo scientifico sotto il nome di Hydrangea, le ortensie sono piante arbustive originarie dell'estremo oriente, nello specifico Cina e Giappone. Sono da sempre apprezzate per il loro v...
  • Ortensia blu Di origine asiatica, le ortensie colorano i giardini ed i balconi con i loro grandi fiori a forma di palla, nei toni del bianco, del rosa più o meno pallido, fino ad arrivare al lilla e al viola. E' i...
  • Ortensie fiori Quelle che noi conosciamo con il nome di ortensie, per i botanici sono piante del genere Hydrangea, appartenente alla famiglia delle Hydrangeaceae. Le piante di ortensia, generalmente, sono degli arbu...
  • piante ortensia rampicante Con il termine Hydrangea si indica la categoria che raggruppa circa 80 differenti tipi di ortensie (in forma di arbusti o di rampicanti), accomunate dalla particolarità delle infiorescenze: raggruppam...

F & S FS - Set di 6 Fiori Artificiali Rosa Chiaro e ortensie, 29 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,41€


Concimazione delle ortensie

Esemplari di ortensie Per quanto concerne la concimazione delle ortensie è possibile procedere in due momenti differenti. E' bene, innanzitutto, concimare la pianta prima della fine dell'inverno spargendo l'ammendante attorno alla pianta. Il terreno che si verrà a creare sarà quindi ricco di microrganismi che saranno in grado di regolamentare anche l'apporto di acqua che l'ortensia riceverà. Verso la fine della stagione invernale, inoltre, è bene procedere mediante l'uso di un fertilizzante granulare a lenta cessione specifico per piante acidofile oppure direttamente per le ortensie. Questo concime dovrà essere mescolato con il terreno per favorirne l'assorbimento da parte delle radici ed evitare il dilavamento dello stesso quando si procederà con le irrigazioni. Durante i mesi estivi non è necessario procedere con delle concimazioni.


Malattie delle ortensie

Ortensie Le ortensie sono delle piante rustiche che raramente vengono attaccate da parassiti o insetti. E' possibile comunque che la pianta tenda a risentire di qualche cattivo modo di coltivazione. Ad esempio, qualora si procedesse con delle irrigazioni eccessive, le ortensie andranno incontro al marciume radicale che porterà in breve tempo la pianta alla morte. Un altro problema derivante da una cattiva cura della pianta è la clorosi ovvero un eccesso di contenuto di ferro nel terreno. Questo problema può essere causato sia da un'eccessiva irrigazione che renderà la pianta incapace di assorbire i nutrienti nella maniera giusta, sia da un cattivo uso dei fertilizzanti. A volte in estate le ortensie possono sembrarci spente durante il giorno e generalmente riprendono vivacità durante le ore più fresche, se questo non dovesse accadere è bene prendere dei provvedimenti per quanto riguarda il posizionamento dell'ortensia.


Tipologie di ortensie

Qualora si volesse optare per le ortensie come pianta da inserire nel proprio giardino, è bene sapere che ne esistono diverse varietà ed ognuna ha caratteristiche e colori differenti. Una prima tipologia di ortensia è quella denominata come Arborescens, un arbusto alto circa 1,5 m e caratterizzato da una fioritura resistente che va dal periodo estivo a quello autunnale. Un altro tipo di ortensia è la Paniculata che presenta dei fiori caratteristici bianchi o rosa raggruppati in pannicoli. E' possibile trovare anche l'ortensia Quercifolia, proveniente dal Nord America. Questa tipologia di pianta è alta circa 2 m e presenta delle foglie dalla forma lobata che assumono dei colori piuttosto caldi in autunno. Infine troviamo l'ortensia Serrata proveniente dal Giappone e caratterizzata dalle dimensioni più ridotte rispetto alle altre ortensie.


Le ortensie: Curiosità sulle ortensie

Fiori ortensie Le ortensie sono piante diffuse in tutto il mondo e nei vari continenti vengono utilizzate anche con scopi diversi rispetto alla decorazione del giardino. Ad esempio in Giappone vengono sfruttati e lavorati i rami delle ortensie per ottenere dei bastoni da passeggio oppure utilizzando le foglie dell'ortensia Serrata viene prodotto un thè particolare, detto thè celeste, utilizzato per lavare le statue di Buddha durante il giorno del suo compleanno. Alcune tipologie di ortensia venivano utilizzate anche a scopi curativi, ad esempio in America, le foglie venivano lavorate appositamente per creare delle bevande utili a curare i calcoli renali. In realtà, inoltre, l'ortensia è una pianta che ha raggiunto il continente europeo solamente nel '700 grazie ai botanici che cominciarono a viaggiare per il mondo in cerca di nuove specie di piante.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO