Irrigazione a goccia

Che cos'e' l'irrigazione a goccia

L'irrigazione a goccia è detta anche irrigazione localizzata o anche microirrigazione, esso è un metodo di irrigazione in cui viene somministrata l'acqua lentamente alle piante, sia depositando l'acqua sulla superficie del terreno che è a contatto alle piante o direttamente sulla zona della radice. Questo avviene attraverso un sistema a rete che comprende delle valvole, delle condotte e altri tipi di gocciolatori. L'obiettivo di questo metodo di irrigazione è quello di minimizzare l'utilizzo dell'acqua, infatti con essa si emettono dei getti di acqua sottili che bagnano una piccola area di suolo nelle vicinanze della pianta, infine si possono impiegare i gocciolatori. L'erogazione dell'acqua può essere costante o avvenire ad intermittenza, in questo caso in tal caso l'irrigazione a goccia è detta a sorsi. L'irrigazione a goccia superficiale o SDI (Surface Drip Irrigation) utilizza, per distribuire l'acqua nella superficie di terreno accanto alle piante, delle ali gocciolanti, cioè dei tubi nei quali sono inseriti i gocciolatori. Queste ali gocciolanti possono essere rigide nel caso in cui debbano durare più anni e quindi destinate alle colture arboree o flosce per le colture annuali.

Un sistema molto avanzato d'irrigazione a goccia che è ancora poco diffuso in Italia, invece prevede l'interramento delle ali gocciolanti in modo che i gocciolatori si possano trovare a diretto contatto con l'apparato radicale e nello stesso tempo evitare l'intralcio dei tubi, che altrimenti sarebbero posti superficialmente, alle operazioni colturali.

irrigazione a goccia

KING DO WAY 25M Kit per Irrigazione a Goccia con Timer Automatico, Set di Irrigazione Automatica DIY Regolabile per Giardino Serra Impianto di Irrigazione Sistema

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,99€


I vantaggi dell'irrigazione a goccia

irrigazione a goccia I vantaggi del metodo di irrigazione a goccia sono:

• la maggior uniformità di distribuzione dell'acqua questo permette di bagnare solo l'area dove si trova la pianta;

• il maggior contenimento degli sprechi, si ottiene grazie alla riduzione dell'evapotraspirazione e del drenaggio in profondità, infatti l'acqua viene somministrata in modo preciso alle radici delle piante durante loro fase di sviluppo;

• la maggior facilità operativa, che permette di lavorare il campo e di compiere anche operazioni meccaniche dove esso non è coperto;

• la miglior predisposizione all'automazione degli impianti;

• la possibilità di esplicare la massima potenzialità della distribuzione dei concimi nell'acqua d'irrigazione, si tratta di fertirrigazione;

• si ottiene un maggior risparmio energetico, visto che si possono irrigare grandi superfici;

• il minor compattamento del terreno, infatti è il principale motivo di degradazione di esso, ma in questo caso non essendoci il movimento dei mezzi pesanti agricoli, esso non sussiste;

• la possibilità di diffondere alcuni fitofarmaci particolari nell'acqua ben irrigato, evitando che questi vengano in contatto con le piante o si disperdano nell'aria;

• si ha la possibilità di applicare dosi piccole di acqua molto frequentemente andando maggiormente incontro alle esigenze delle piante;

• ha una bassa evaporazione superficiale, questo permette all'acqua di raggiungere la profondità desiderata;

• questo tipo di irrigazione previene il ruscellamento.

Grazie all'irrigazione a goccia non si bagnano parti aeree delle piante evitando così di incentivare problemi fitosanitari, ecco alcuni vantaggi:

• la diminuzione delle cause di patologie, grazie al fatto che l'apparato aereo viene mantenuto asciutto;

• non si ha nessuna azione erosiva delle foglie, causata dagli insetticidi e dai funghi, contrariamente da quello che avviene con l'irrigazione normale;

• si può prevenire l'aumento delle malattie e degli infestanti, che si possono propagare con altri tipi di irrigazione;

• la riduzione delle condizioni anaerobiche-asfittiche nel suolo, che causano l'instaurarsi di vari problemi;

• con questo metodo si possono ottenere un elevata quantità di produzione agricola rispetto all'irrigazione tradizionale;

• i kit completi di irrigazione stanno diventando molto economici;

• si ha un miglior movimento orizzontale dell'acqua nel terreno;

• c'è uno scambio tra acqua, l'aria e il terreno più vantaggioso;

• c'è un superiore sviluppo omogeneo della coltivazione.


  • Impianto di irrigazione del giardino Un impianto d'irrigazione per giardino è un sistema molto comodo e pratico per mantenere sempre belle le aree verdi esterne della propria abitazione. Ciò è necessario perché non sempre ci si può occup...
  • Sistema di irrigazione interrata Per progettare un impianto di irrigazione interrata è necessario ripartire il proprio giardino in zone, considerando che in ogni zona posso essere installati fino a 5 pop-up, cioè gli irrigatori a sco...
  • esempio di giardino secco Il giardino secco viene solitamente coltivato in tutte quelle zone dove prevale la siccità. Lo stesso si caratterizza per la presenza di diverse erbe e fiori che si differenziano per colore, altezza e...
  • Innaffiatoio Oltre a scegliere fra gli impianti di irrigazione fai da te quello migliore, è necessario anche prendere in considerazione il modo in cui effettuare l'irrigazione stessa. Infatti si consiglia di bagna...

Aiglam 30m Sistema di irrigazione da Giardino, Micro Drip Irrigation Kit Irrigazione Automatica Sprinkler Automatico Irrigazione a Goccia Kit per Paesaggio, aiuola, Piante da terrazza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,98€


Gli svantaggi dell'irrigazione a goccia

tubo per irrigazione a goccia Per quanto riguarda l'irrigazione a goccia oltre ad avere dei vantaggi, ovviamente ha anche degli svantaggi che prima di utilizzarla devono essere valutati e di cui bisogna tener conto per la nostra coltivazione agricola:

• i gocciolatoi e le varie parti dell'impianto hanno bisogno di revisioni costanti, in quanto rischiano di intasarsi con la terra, rendendo inutile il sistema di irrigazione;

• la microirrigazione non è adatta per la somministrazione alle piante degli antiparassitari o altri prodotti curativi, che devono necessariamente essere somministrati con un'irrigazione per aspersione;

• i gocciolatori e i tubi devono essere regolati in base alla distanza e alle caratteristiche drenanti del terreno da coltivare;

• la presenza del tubo non interrato è un fattore antiestetico alla vista e questo è uno dei fattori per cui non è utilizzato molto;

• c'è la possibilità che alcuni animali, durante i periodi di scarsa piovosità, danneggino i tubi da cui l'acqua fuoriesce per dissetarsi;

• alcuni insetti nel periodo in cui l'ambiente circostante è troppo caldo, cercano riparo in questi tubi dove c'è un molto fresco e umido, ad esempio la piralide del mais;

• le piante infestanti sono una minaccia per tutte le colture e si cerca di contenerle, senza farle espandere in modo eccessivo;

• bisogna cercare eliminare le malattie che possono colpire le nostre colture, questo non è possibile, ma si può cercare di confinare questo fenomeno.


Le fasi per poter costruire un irrigazione a goccia

Le fasi per costruire un impianto di irrigazione a goccia fai da te sono:

1. un programmatore a batteria. Esso è un programmatore elettronico in cui è installato il riduttore di pressione, che va applicato al rubinetto del nostro impianto. Con esso l'acqua viene convogliata da un tubo da 1/2” o alternativamente direttamente da un tubo capillare da 1/6”. Il tubo va collegato tramite il raccordo automatico filettato e l'apposito raccordo al programmatore a batteria;

2. il tubo collettore. Con esso da 1/2”, è possibile creare un vero e proprio circuito di irrigazione, soprattutto per i balconi più grandi. Invece, per il tubo capillare da 1/4” viene utilizzato per collegare ogni singolo gocciolatore;

3. la fustella fora-tubo. Essa permette di effettuare dei fori che hanno un diametro esatto, questo permette un collegamento che ha una perfetta tenuta d'acqua fra il tubo collettore e i tubi capillari. Inoltre essa avvita e regola i microirrigatori;

4. i gocciolatori. Essi servono ad irrigare le piante che si vogliono, guidando il percorso del tubo tramite appositi picchetti. I gocciolatori devono essere collegati hai tubi da 1/4”;

5. i microirrigatori. Essi devono essere posizionati sui picchetti con astine regolabili in altezza e si possono collegare al tubo collettore da 1/2”, utilizzando il tubo capillare da 1/3”, sempre con l'apposita fustella fora-tubo.

Questo dimostra che è semplicissimo realizzare un impianto su misura, piccolo o grande, per ogni nostra necessità.


Irrigazione a goccia: Come si usa l'irrigazione a goccia nelle varie situazioni

irrigazione a goccia Irrigare troppo o non abbastanza può provocare gravi danni alla nostra agricoltura, infatti la versatilità dell’irrigazione a goccia risolve al meglio anche questo problema, visto che è sufficiente rispettare le giuste modalità di irrigazione, a seconda del tipo di terreno, di pianta e di clima.

Irrigare le piante nei vasi, il quale è il più utilizzato soprattutto per le piante domestiche, che si trovano in casa, sul terrazzo o sul patio, rappresenta una soluzione unica per esigenze anche molto diverse in base al tipo di piante. Questo risolve inoltre i problemi causati da eventuali spostamenti e risistemazioni dei vasi nell'ambiente, infatti si possono creare una o più linee, diversificandone tempi e intensità della somministrazione dell'acqua, dotandole di gocciolatori.

Per quanto riguarda l'orto o la serra, invece hanno bisogno di un'irrigazione diversificata e hanno un rapporto particolarmente delicato con l'acqua. Ad esempio i pomodori possono essere irrigati con i gocciolatori, allontanando così il rischio di ristagni che causano i funghi. Mentre per l'insalata e i terreni appena seminati devono essere innaffiati dall'alto con micronebulizzatori montati su astine tenute da appositi picchetti, i quali produrranno una pioggia sottile molto simile a quella normale.

Il sistema goccia a goccia e la microirrigazione offrono un’estrema varietà di soluzioni specifiche per ogni singola pianta e area da bagnare, infatti per fiori, piante e arbusti vanno bene i microirrigatori a 90, 180 e 360 gradi, così come i gocciolatori a portata variabile o auto-compensanti. Per le superfici strette e lunghe, come le bordure, si possono usare i microirrigatori a striscia o i micronebulizzatori con la loro pioggia finissima e delicata. Per le grandi aiuole o porzioni di prato sono utilissimi i microirrigatori rotanti a 360 gradi. Essi possono essere installati su astine montate su robusti picchetti e l’altezza del getto può così essere regolata a piacere in base all’altezza delle piante.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO