Trapiantare piante

Perchè è necessario trapiantare le piante

Quando il vaso in cui è contenuta una pianta inizia a diventare troppo piccolo per le dimensioni raggiunte dalle radici, esse iniziano a danneggiarsi, e la pianta inizia a soffrire. La crescita della pianta rallenta ed il suo aspetto può apparire più debole e malato. E' necessario quindi trapiantarla in un vaso più grande, in grado di far nuovamente espandere le radici, che avranno così la possibilità di ripristinare la loro capacità di assorbire correttamente le sostanze nutritive, vitali per la pianta. Il nuovo vaso, in cui verrà trapiantata la pianta, andrà scelto non molto più grande di quello usato in precedenza, ma solo di qualche centrimetro di diametro in più, per evitare che la pianta, durante la futura crescita, concentri molte energie per lo sviluppo delle radici a scapito della sua chioma.
Trapianto pianta

100 Pezzi rari Lily Bonsai (Non Lily lampadine) del Fiore del Giglio Bonsai gradevole Profumo della pianta a casa e Il Giardino Fiori semenzaio all'aperto: 14

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6€


Come trapiantare una pianta

Trapianto in vaso Per prima cosa occorre dotarsi di una vaso, delle dimensioni di poco più grandi di quelle della nostra pianta (2-3 cm per esemplari più piccoli e 5-6 cm per esemplari medio grandi), terriccio di buona qualità, preferibilmente nuovo e non recuperato da altri vasi per evitare che risulti già privato delle sostanze nutritive, e delle biglie di argilla espansa, da distribuire sul fondo del vaso.Iniziare poi a stendere sul fondo del vaso l'argilla espansa, che aiuterà a favorire il drenaggio, ridurrà il rischio di ristagno idrico a livello radicale e favorirà l'areazione.Ricoprite l'argilla espansa con del terriccio, meglio se scelto in base alla tipologia della pianta (ce ne sono di specifici per le varie piante), fino ad un'altezza adatta ad appogiervi la zolla con la pianta, che andrete ad estrarre da vaso.Estraete quindi la vostra pianta dal vecchio vaso, smuovetene delicatamente un po' la zolla, per districare le radici, ed adagiatela sul terriccio. Versate poi del terriccio intorno alla pianta, facendolo scorrere bene sui lati, fino a ricoprire la zolla con circa uno o due dita di nuovo terriccio. Pressate leggermente per compattare ed innaffiate abbondantemete.

  • Cavolfiore pianta Il cavolfiore è un ortaggio appartenente alla famiglia dei cavoli (nome scientifico Brassica oleacera), viene anche chiamato cavolo bianco grazie al suo frutto che consiste in una corposa infiorescenz...
  • Pianta di menta Chi non conosce la menta? Piccola pianta molto profumata, dal colore verde e dai fiori viola, che cresce senza troppe pretese in piena terra o in vaso. Quest'erba perenne molto comune in Europa, Asia...
  • Varietà di calancola La calancola è una piccola pianta succulenta che solitamente non oltrepassa i 35 cm di altezza. Le foglie carnose triangolari formano una fitta rosetta eretta e sono caratterizzate da un margine ondul...
  • Varietà di clematide rampicante La clematide rampicante appartiene alla famiglia delle Ranuncolaceae. Presenta fusti sottili semi legnosi e può avere foglie caduche oppure sempreverdi. I viticci prodotti si attaccano tenacemente all...

Sahgsa - Sega a Cipolla con Manico Lungo per trapiantare Semi di Piante, Attrezzi da Giardino, Serra, Fattoria, Giardinaggio, attrezzo da Giardinaggio Fatto a Mano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 53,72€


Trapiantare piante: Quando effettuare il trapianto

trapianto pianta nel terreno Il trapianto delle piante è necessario subito dopo l'acquisto, quando il vasetto vivaistico è piccolo rispetto alle loro esigenze di futuro sviluppo.

Successivamente il trapianto si deve effettuare ogni anno per le piante giovani, e più in là nel tempo ogni 2-3 anni circa.

Prima di effettuare il rinvaso bisogna assicurarsi che la pianta sia in buona salute, poichè questa operazione è sempre abbastanza traumatica e richiede che la pianta abbia l'energia per adattarsi alle nuove condizioni.

Il momento migliore per trapiantare le piante è quando esse non sono più in piena fase vegetativa e si stanno preparando ad entrare in fase di quiescenza, cioè in autunno.

Le piante avranno così ancora un mese o più per assestarsi nella loro nuova condizione e consentire alle radici di espandersi.

Questo periodo è ideale anche perchè la parte in superficie della pianta, avendo cessato l'accrescimento, ed essendo in fase di spogliazione, non richiederà più l'energia che essa potrà così utilizzare per l'adattamento delle radici al nuovo vaso.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO