Legna per camino

Come scegliere la legna per camino

Le case di campagna o di montagna prevedono l'installazone di un camino oppure un termocamino per assicurare, oltre alla piacevole atmosfera, un adeguato riscaldamento degli ambienti. Per garantire un piacevole tepore all'interno dell'abitazione non basta scegliere un ottimo impianto. Bisogna infatti optare per della giusta legna per camino. La scelta non è poi così scontata come si vuole credere. In commercio, esistono diverse tipologie di legna da ardere. Per anni, il suo potere calorifico ha costituito la migliore fonte di riscaldamento in circolazione, nonostante col tempo sia stata progressivamente sostituita dal carbone e dalle più recenti biomasse legnose. Per scegliere la migliore legna per camino bisogna considerare alcuni importanti requisiti, perché non tutta produce un calore ottimale.
Legna per camino da ardere

Caminetto da parete a bioetanolo XXL - Modello Plus, bianco + gratis 24 pietre decorative

Prezzo: in offerta su Amazon a: 157€


Fattori primari per scegliere la legna per camino

Combustione della legna per camino Per scegliere adeguatamente la legna per camino, bisogna innanzitutto distinguere il legno duro da quello dolce. Il primo è tipico degli alberi di latifoglie o decidui, come il frassino, la quercia, il faggio, la betulla, il castagno ed il noce. Al secondo, invece, appartengono i sempreverdi o le conifere quali l'abete, il larice ed il pino. Questi ultimi ardono più facilmente e rapidamente. Oltre a questo particolare, bisogna considerare la stagionatura. Dopo il taglio, infatti, la legna per camino potrebbe trattenere circa il 75% di umidità e non bruciare quindi correttamente. Tralasciare questo importante aspetto potrebbe creare pericolosi residui nella canna fumaria ed un incendio all'interno della stessa. La legna per camino va perciò lasciata essiccare al sole, in genere per 18/24 mesi, in modo da perdere il caratteristico colore verde e raggiungere il 15-20% di umidità complessiva. In ogni caso, i tempi della stagionatura dipendono strettamente dalla tipologia del legno scelto. Tempi eccessivamente prolungati tolgono potere calorico al combustibile naturale. In commercio, esistono strumenti specifici per misurare il livello d'umidità.

  • Camino moderno Perchè non fare del camino già presente in casa un angolo attuale, perfetto ed accogliente? Quest'idea è possibile da realizzare grazie ad un materiale che è molto pratico e facile da usare: il carton...
  • Esempio di caminetto ad angolo Il camino angolare è una soluzione di riscaldamento e di arredo che risulta di particolare effetto scenografico. Al tempo stesso consente di ottimizzare gli spazi in quanto può essere adottato, appunt...
  • Camino moderno alimentato con bioetanolo Il camino senza canna fumaria permette di installare nella propria abitazione un sistema di riscaldamento che non ha limitazioni per la collocazione dell'impianto. Infatti grazie a questo genere di ap...
  • Caminetto moderno a legna Per riscaldare la casa ci sono molte soluzioni valide per cui è importante scegliere la più adatta. Un impianto di riscaldamento talvolta è caratterizzato da più componenti. E' il caso delle abitazion...

LEGNA DI FAGGIO DA ARDERE IN CONFEZIONE DA 15KG TAGLIO 33CM PER CAMINI CAMINETTI STUFE E BARBECUE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


Ulteriori fattori per la scelta della legna per camino

Legna per camino accatastata La migliore legna per camino è indubbiamente quella locale. I vantaggi sono numerosi sia per la natura che per l'acquirente. Si mantengono i boschi più puliti e si evita il disboscamento. Negli ultimi decenni, la crescita degli alberi in Italia è quasi raddoppiata. Inoltre, la legna a chilometro zero abbatte i costi di produzione e di trasporto, riducendo quindi i livelli di energia grigia. In genere, l'essiccazione viene realizzata all'aperto accatastando i ceppi in tronchi ordinati e proteggendoli dalla pioggia con un riparo adeguato. Il legname viene spesso suddiviso per essenza e dimensioni. Le migliori sono le essenze dure, come il faggio, il frassino, la quercia e gli alberi da frutto (fatta eccezione del ciliegio) dal tronco compatto, pesante e dall'alto potere calorifico, dovuto alla lenta combustione. La legna per camino viene scelta anche in base alle dimensioni. Pezzi più piccoli hanno un prezzo più elevato per via dei maggiori costi di lavorazione.


Legna per camino: I costi e la reperibilità del combustibile

Scelta legna In genere, la legna per camino ha costi abbastanza elevati. Il rivenditore spesso si rivale sull'acquirente, proponendo prezzi superiori alla norma, aggiungendo costi di lavorazione e di trasporto. La cifra più adeguata si aggira solitamente sui 14€ al quintale, ma bisogna prestare attenzione alla qualità del legno proposto ed al taglio. Prezzi inferiori potrebbero nascondere una truffa, trattandosi ad esempio di scarti di lavorazione. Per risparmiare qualche soldo è opportuno acquistare la legna per camino preferibilmente in loco e presso commercianti fidati. Tuttavia, in base alla posizione geografica più o meno favorevole, non è possibile reperire tutte le tipologie di legno. Alcune persone prediligono, infatti, soluzioni alternative provenienti dall'energia rinnovabile per riscaldare adeguatamente gli ambienti di casa.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO