La scala

Caratteristiche e funzioni principali della scala tradizionale

La scala è un elemento di congiunzione adoperato in architettura che consente di collegare diversi piani di un edificio disposto su due o più soluzioni. Solitamente è composta da una rapida successione di gradini e da un corrimano, appositamente adagiato alla ringhiera, che funge da sostegno all'intera struttura architettonica. Il motivo per il quale gli esperti del settore decidono di costruirne una all'interno o all'esterno di uno stabile è rintracciabile nella necessità di creare una specie di canale di comunicazione che consenta di passare da un piano all'altro di un fabbricato nella maniera più semplice possibile. Nella maggior parte dei casi essa si sostituisce al tradizionale ascensore, elemento predisposto al trasporto di persone da un piano all'altro di un palazzo, di un ufficio, di un albergo. Può avere, inoltre, caratteristiche e funzionalità diverse che variano a seconda delle esigenze di chi decide di installarla nel proprio stabile ed utilizzarla.
Scalinata interna tradizionale

Casabriko 11035 Scala Domestica in Alluminio a 5 Gradini, Verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,3€
(Risparmi 0,6€)


La scala nell'architettura contemporanea

Scalinata interna contemporanea Sebbene sia stata oltrepassata più volte dai canoni imposti dall'edilizia moderna, la scala viene ancora oggi presa in serissima considerazione dagli esperti del settore, poiché considerata elemento di congiunzione per eccellenza che si adatta alle soluzioni più disparate. Fino ad alcuni anni fa si aveva della scala un concetto approssimativo. Successivamente, grazie alla straordinaria innovazione messa in campo dagli esperti del settore edilizio si è arrivati ad una ridefinizione totale dell'oggetto in questione. L'edilizia contemporanea, a tal proposito, è in grado di definire la scala sotto diverse accezioni, intercambiabili rispetto alle definizioni troppo approssimative che si erano date in passato. Oggi è corretto definire una scala, anche quella adoperata come soluzione provvisoria, indispensabile per la realizzazione di interventi di ristrutturazione e/o manutenzioni di qualsiasi genere.

  • Scala a chiocciola Nella realizzazione di una scala classica in muratura, la profondità di ciascun gradino, ossia la pedata, e la sua altezza, detta alzata, sono già definite. La pedata deve misurare 33 cm mentre l’alza...
  • Corrimano standard in legno per scala interna La normativa vigente prevede che le scale siano sempre provviste di parapetto di protezione al fine di tutelare gli utilizzatori finali. Inoltre, in aggiunta alle semplici rampe, non deve mai mancare ...
  • Scala a vista moderna Le scale a vista possono essere realizzate sia su misura che prefabbricate. Di solito, sono scale a giorno che hanno una struttura completamente a vista, appunto. La forma di questo tipo di scala può ...
  • Scale in marmo Le scale in marmo per interni sono interamente realizzate attraverso questo materiale che è molto ricercato per la sua particolare caratteristica che lo rende resistente, duraturo ed elegante. Infatti...

Foppapedretti La Scala a 6 Gradini, Naturale, 47 x 12 x 149 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 189,99€
(Risparmi 86,01€)


Le diverse tipologie della scala tradizionale

Scorcio di una gradinata in legno Si distinguono in architettura almeno quattro varianti di scala che si aggiungono a quelle di tipo tradizionale. La scala a chiocciola sembra quella più frequentemente adoperata nei lavori di riqualificazione dell'interno e dell'esterno di un determinato ambiente. I gradini che costituiscono la rampa sono generalmente realizzati in ferro battuto, in ottone, in plexiglas e, infine, in marmo, materiale più specificamente adatto alle soluzioni interne. Seguono altre classificazioni che inquadrano l'oggetto in base alla diversa estensione delle rampe e alla straordinaria gamma di materiali di fabbricazione delle gradinate, dei corrimano e delle ringhiere. La scala in pietra, detta anche "trapanese", la scala modulare e la scala mobile sono forse le varianti più conosciute e maggiormente adoperate negli edifici di gusto tendenzialmente moderno e contemporaneo.


La scala in pietra, tradizione e innovazione

La scala in pietra tradizionale L'Ottocento è il secolo in cui viene installato il più alto numero di scale in pietra all'interno di palazzi condominiali, uffici, alberghi, etc. Ed è proprio in questo periodo che si cerca di dare una rimodulazione radicale nella fabbricazione dei gradini che costituiscono la rampa. Ma com'è fatta una scala del genere e quali sono i materiali adoperati in fase di progettazione dei singoli gradini? Una scala in pietra presenta una pendenza leggermente più elevata, rispetto a quella imposta per le scalinate tradizionali, mentre i gradini sono realizzati prettamente in pietra robusta e resistente a ogni tipo di agente atmosferico che ne possa invalidare lo stato conformativo. Questa variante è, dunque, ancora oggi assai diffusa e risponde di tecniche di costruzione e di edificazione tendenzialmente antichi.


La scala modulare e il fai da te

Come ben detto, la scala può avere un'adattabilità variabile a seconda di situazioni e contesti particolari. Nel caso in cui si necessita di uno strumento momentaneo in grado di collegare il suolo e l'alzato, facilitandone l'accesso ai piani superiori, può tornare utile la cosiddetta "scala modulare". Le scale modulari più diffuse sono disponibili in larga parte nelle ferramenta, nei grandi magazzini e nella stragrande maggioranza dei negozi preposti alla vendita di materiali e kit fai da te. Caratteristica fondamentale della scala modulare è data dalla concatenazione dei singoli moduli che possono essere attrezzati in diverse modalità. La maggior parte di questo tipo di scala può essere adoperata per qualsiasi operazione di ristrutturazione/manutenzione di varia natura o contingenza particolare.


Modello automatico

Scala mobile La "scala mobile" conclude la vasta gamma di strutture architettoniche più diffuse nell'edilizia moderna. Il potente marchingegno di autotrasporto automatico di persone ebbe origine in America nella fine della seconda metà dell'Ottocento. Da quel momento, l'utilizzo della scala mobile si è esteso a macchia d'olio, giungendo in Europa e in tutto il resto del mondo, dove ha conosciuto un impiego graduale e costante nel tempo. A partire dai primi anni sessanta, famosissimi per il meraviglioso "boom economico", la scala mobile fu presente nella maggior parte degli aeroporti, delle stazioni ferroviarie, dei centri commerciali, oltre che in buona parte dei centri urbani ed extra-urbani. Con l'avvento del nuovo millennio, infine, si è dato adito a nuove sperimentazioni che ne hanno portato l'installazione anche nei giardini privati, nei moderni alberghi, nelle abitazioni, come elemento di sostituzione al tradizionale ascensore.




COMMENTI SULL' ARTICOLO