Demolizione e ricostruzione

Demolizione e ricostruzione a norma di legge

Se si vogliono eseguire dei lavori di ristrutturazione della casa, quasi certamente sarà necessario impegnarsi nella demolizione e ricostruzione delle pareti. Per lavori di piccola entità non sono necessari particolari permessi: si potrà ad esempio abbattere un muro (con le relative precauzioni) senza trafile burocratiche. Diverso, invece, è il caso in cui si debba demolire un intero immobile. Per questa situazione è necessario depositare in comune una denuncia di inizio attività. Senza tale denuncia, infatti, si verrà accusati di illecito amministrativo. Anche la successiva ricostruzione sarà subordinata ad un’autorizzazione amministrativa. Bisognerà quindi depositare un progetto correttamente redatto da un geometra, aspettarne l’approvazione, fare la richiesta di inizio lavori e successivamente procedere con la costruzione. Trattandosi però di lavori che solitamente vengono affidati ad una ditta appaltatrice, eviteremo di prenderli in esame. Parleremo invece dei piccoli lavori di muratura che si possono fare in autonomia.
Demolizione di un’intera casa

Demolizioni e ricostruzioni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,9€
(Risparmi 5,1€)


Demolire una parete

Demolizione di un muro interno La demolizione di una parete domestica dovrà rispettare delle regole precise. Per prima cosa ci si dovrà assicurare che il muro da abbattere non sia portante. Tale informazione potrà essere trovata nel progetto catastale della casa. Questo passaggio non deve essere tralasciato per nessun motivo: un intervento ad un muro portante può avere serie conseguenze strutturali sull’intera abitazione, fino ad arrivare ad un crollo della stessa. Fatto ciò, ci si dovrà assicurare che nel muro non passino tubi o canalette varie (ad esempio gli scarichi fognari, le canalette della corrente elettrica, i tubi del gas, ecc.). Va precisato che la presenza di tubi non impedirebbe l’abbattimento di un muro, ma trattandosi in questo caso di un lavoro fai da te, si dovrà poi essere in grado di ripristinare i vari allacciamenti deviandoli altrove. Nel caso però si sia in grado di farlo, basterà chiudere tutti gli interruttori e rubinetti per evitare qualsiasi perdita. Armati di piccone si procederà con la demolizione. Bisognerà indossare dei guanti protettivi ed un paio di occhiali da lavoro. Se possibile, è meglio far uso anche di una mascherina, in modo da non inalare la polvere prodotta.

    Demolizione e ricostruzione nei programmi di riqualificazione urbana

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


    Smaltimento del materiale

    Macerie dopo una demolizione A seguito della demolizione di una parete, verrà a formarsi una discreta mole di materiale di scarto. Questo materiale non può essere conferito nei bidoni della raccolta differenziata. Dovrà perciò essere portato in un’isola ecologica. Tuttavia, gli operatori dell’isola generalmente consentono tale scarico solo per piccole quantità di macerie. Si tratta infatti di un prodotto difficile da smaltire e proprio per questo sono restii ad accettarlo. Per ovviare questo problema, sarà sufficiente recarsi in comune e chiedere un permesso di scarico, precisando più o meno i metri cubi di materiale che si intende portare in discarica. Ottenuto il permesso, l’ideale sarebbe riuscire a caricare le macerie in un’unica volta: più viaggi verso l’isola, infatti, negherebbero l’accesso all’utente anche se provvisto di permesso. Ci si potrà quindi servire di un furgone o un camioncino per trasportare il tutto. Una volta arrivati all’isola ecologica basterà esibire il permesso e scaricare le macerie nella sezione "inerti".


    La ricostruzione

    Operaio che ricostruisce un muro Sarà quindi giunto il momento di ricostruire parte del muro abbattuto (ad esempio creando un basso muretto, un arco ecc.). Dopo aver eliminato tutte le macerie, si dovrà pulire bene il pavimento. Si noterà, infatti, ancora una grande presenza di polvere che di certo non favorirà la ricostruzione. Scopa e paletta dovrebbero essere sufficienti, ma per velocizzare il lavoro si potrà anche optare per un’aspirapolvere da cenere (tipico delle stufe a pellet). Ci si dovrà poi procurare il materiale necessario, vale a dire mattoni (meglio se forati), calcestruzzo, una cazzuola da muratore ed un secchio d’acqua. La procedura è molto semplice. Per prima cosa i mattoni andranno messi in ammollo nell’acqua per una decina di minuti. Successivamente, con l’ausilio della cazzuola, si posizionerà un po’ di calcestruzzo in corrispondenza di dove sorgerà il muro, ed infine, dopo averlo scolato un po’, si appoggerà il mattone sopra la malta. L’ideale sarebbe che ci fosse un po’ di calcestruzzo anche tra mattone e mattone, in modo da rafforzare la parete. Una volta che il tutto sarà asciutto non rimarrà che dare una passata uniforme di malta fina e poi intonacare a piacere.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO