Ponti termici

Che cosa sono i ponti termici e le loro caratteristiche

I ponti termici sono problemi sempre più sentiti per quanto riguarda l'efficienza energetica delle abitazioni: infatti si verificano quando sono presenti dispersioni di calore. In termini tecnici si parla di una zona limitata della struttura edilizia con un flusso termico di densità maggiore rispetto a quello degli elementi contigui. Possono essere causati da una disomogeneità geometrica oppure da una disomogeneità materica. In quest'ultimo caso la discontinuità di resistenza termica si verifica in presenza di materiali della struttura edilizia con conduttività termica diversa che si compenetrano in modo parziale o totale. Si parla di pilastri, elementi di collegamento, travi, attacchi per tende, mensole e tettoie. La disomogeneità geometrica invece si crea quando la superficie disperdente sul lato esterno e quella sul lato interno hanno un'ampiezza diversa: un esempio classico sono gli spigoli interni ed esterni tra parete e pavimento, parete e serramento, parete e soffitto. Una terza causa sono gli spessori diversi degli elementi della struttura a causa di nicchie, canne fumarie o vani tecnici.
Identificare i ponti termici

Ponti termici e isolamento termico. Guida pratica per la gestione e correzione dei ponti termici in edilizia. Completo di schede sui materiali isolanti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,15€
(Risparmi 2,85€)


Gli effetti dei ponti termici sull'efficienza energetica

Come risolvere i ponti termici I ponti termici sono essenzialmente di due tipi, lineari (davanzali passanti, travi, pilastri verticali, distanziatori nelle vetrate) e puntali (travi a sbalzo, pilastri con attacco a soffitto e a pavimento). In ogni caso i ponti termici hanno un forte impatto sia sugli aspetti igienico-sanitari, causando condensazione superficiale e quindi la formazione di muffe, che sul comfort termico interno perché si percepisce sulle superfici una temperatura differente rispetto all’aria. Inoltre possono causare condensazione interstiziale che vanno a pregiudicare la durata e le prestazioni dei materiali che compongono la struttura edilizia. Ancora più importante è l'impatto che i ponti termici hanno sui consumi energetici: le dispersioni di calore infatti sono le cause principali della perdita di isolamento termico dell'edificio con conseguenti rincari in bolletta. Tra l'altro, i ponti termici possono rappresentare anche il 20-30% delle perdite di calore totali dell'abitazione. Si va dal 5% per le pareti in pietra o mattoni pieni al 30% per i pannelli in calcestruzzo.

  • isolamento terrazzo L'isolamento termico del terrazzo a copertura piana ha lo scopo di controllare gli scambi termici attraverso il tetto e può essere applicato all'interno oppure all'esterno. Generalmente si preferisce ...
  • Ponte termico I ponti termici sono aree di un edificio in cui la trasmissione del calore è maggiore: in questo caso in inverno il calore del riscaldamento si disperde all'esterno e durante l'estate il raffreddament...
  • Isolante murature mattoni Quando nel sistema isolante di un edificio è presente una discontinuità, questa è chiamata in edilizia "ponte termico". Sono i punti deboli per la tenuta del calore della struttura e solitamente si tr...
  • Riqualificazione energetica degli edifici La riqualificazione energetica degli edifici prevede la realizzazione di opere in grado di migliorare l'efficienza energetica degli immobili: ciò si ottiene sia aumentando l'isolamento termico e acust...

La valutazione dei ponti termici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,8€
(Risparmi 4,2€)


Come eliminare i ponti termici in casa

Eliminare i ponti termici Per eliminare i ponti termici è necessario ripristinare o creare ex novo uno strato isolante continuo nel rivestimento edilizio. A seconda che si voglia correggere una situazioni già esistente o meno si parla di soluzioni correttive o preventive. Tra le più comuni vi sono la messa a punto di un isolamento a cappotto continuo, l'applicazione di intonaco antimuffa, la realizzazione di balconi con isolamento su un lato oppure la demolizione di balconi autoreggenti e la loro ricostruzione collegandoli con tasselli all'edificio. Per quanto riguarda i serramenti, invece, si può adottare un vetrocamera incassato all'interno del telaio oppure un distanziatore isolante o una canalina. L'adozione di un isolamento a cappotto è particolarmente indicata per eliminare i ponti termici in un edificio già esistente, magari coordinando la soluzione con altri interventi localizzati.


Ponti termici: Come eliminare i ponti termici nelle nuove costruzioni

Realizzare l'isolamento termico Per quanto riguarda le nuove costruzioni invece il problema si presenta quando, una volta terminata la struttura in cemento armato, si deve mettere a punto l'involucro edilizio. Possibili soluzioni sono applicare agli infissi il taglio termico (cioè interrompere il flusso di calore che passa attraverso il serramento di metallo) o completare l'involucro edilizio con termoblocchi. Questi ultimi devono essere garantiti secondo la certificazione prevista dal D.Lgs. 192/05. I termoblocchi nei pilastri in cemento armato consentono di creare tra i due elementi un incavo da riempire con materiale isolante. Si tratta della stessa procedura per l'isolamento a cappotto e, in alcuni casi, si può applicare anche a tutte le pareti e all'esterno dell'edificio. In genere l'incavo è di 5 centimetri, ma può anche essere portato a dieci attraverso la sagomatura dei termoblocchi. A seconda delle diverse esigenze e del clima più o meno rigido della regione in cui sorge l'edificio, il polistirene espanso con cui si realizza l'isolamento termico ha una densità media oppure alta.



COMMENTI SULL' ARTICOLO