Superficie catastale

Le visure e le superfici catastali

Le visure e la superficie catastale vengono ripartite e classificate all'interno di varie tipologie in base alle lettere dell'alfabeto. Ad esempio, sotto la lettera A sono classificati i vani principali dell'immobile e i cosiddetti accessori diretti. Invece la lettera B identifica quelle che sono le pertinenze esclusive del fabbricato, che servono per abbellirne l'aspetto estetico e valorizzarlo. Secondo la circolare 40 emessa il 20 aprile del 1939 e facente parte dei documenti generali del catasto appartengono a questa categoria le terrazze, i cortili, i patii, i giardini, balconi, le tettoie aperte e i portici. Infine le superfici catastali classificate con la lettera C sono le pertinenze accessorie dell'immobile che vengono usate per motivi di servizio. Sono le soffitte, i locali usati come deposito e le cantine. Al tempo stesso si distingue tra le pertinenze che comunicano con i principali locali dell'unità immobiliare e quelle che invece non vi sono collegate.
planimetria catastale

Servizi di investimento e scambi telematici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,74€
(Risparmi 8,26€)


Come calcolare la superficie catastale

calcolo superficie catastale Il calcolo della superficie catastale è importante per determinare gli importi delle tasse sulla casa e di quelle per la spazzatura. Infatti questi prelievi fiscali si basano sulla metratura dell'immobile. Al tempo stesso conoscere questi valori è molto importante per mettere a punto la vendita oppure l'affitto dell'unità immobiliare, sia essa una casa, un locale commerciale o un appartamento. Inoltre, quando si procede al calcolo della superficie catastale, bisogna seguire le disposizioni contenute nel D. P. R. 138 emanato nel 1998: ad esempio è necessario arrotondare il calcolo dei metri quadrati per eccesso oppure per difetto in base al numero dei decimali. Per calcolare l'estensione dei vani principali bisogna misurare la superficie interna, comprese le murature interne ed esterne. Nel caso di pareti che segnano il confine con un'altra proprietà oppure con aree di utilizzo comune, si considerano le mura fino la mezzeria.

  • piante catastali Il catasto tavolare si differenzia da quello ordinario poiché il primo riguarda soltanto alcuni comuni italiani che lo hanno adottato durante la prima guerra mondiale. Si basa essenzialmente su quattr...
  • Edificio da sanare Secondo la legge introdotta il primo luglio 2010 dal governo Monti la compravendita di un immobile è valida solo se lo stato di fatto della costruzione edile corrisponde alla planimetria catastale: in...
  • Esempio di punti fiduciali catastali I punti fiduciali catastali sono fondamentali nelle operazioni di aggiornamento catastale, sia per quanto riguarda le particelle e le mappe che il frazionamento. Infatti costituiscono riferimenti inam...
  • Esempio di Sister Sister agenzia del territorio è una piattaforma dell'Agenzia delle Entrate presente sul sito web dell'ente: si tratta di una sezione che permette la consultazione online delle banche dati ipotecaria e...

Docfa 4.00.3 e il catasto fabbricati

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,15€
(Risparmi 5,85€)


Il calcolo della superficie catastale

planimetria di progetto Per calcolare la superficie catastale interna di un vano (e quindi dell'unità immobiliare), bisogna considerare i muri interni ed esterni che abbiano uno spessore di 50 cm al massimo. Invece le pareti che segnano il confine con aree comuni oppure con altre unità immobiliari devono essere presi in considerazione soltanto al 50%. Di conseguenza il loro massimo spessore non deve oltrepassare i 25 cm. Al tempo stesso il calcolo della superficie catastale deve tenere conto delle pertinenze esclusive dell'immobile, classificate sotto la lettera B. In questo caso si misurano le pertinenze, nel caso di balconi e/o terrazze, fino al loro bordo esterno; invece, nel caso di giardini e aree scoperte, bisogna misurarle fino al loro confine. Se la proprietà è delimitata da muri di confine, questi vanno conteggiati fino alla mezzeria.


Superficie catastale: Il calcolo della superficie catastale e le categorie

progetto abitazione di lusso Il termine superficie catastale è stato introdotto nel 1949, all'interno del D. P. R. 1142. Nell'articolo 49, infatti, si prevedeva che, per valutare la consistenza catastale degli immobili e delle unità destinate ad attività commerciali e botteghe si usasse il metro quadrato come elemento ordinario di riferimento. Al giorno d'oggi si seguono le prescrizioni del D. P. R. 138/98, allegato C, per quanto riguarda il calcolo della superficie catastale in relazione alle diverse tipologie di vani e pertinenze. Ad esempio, se i terrazzi e i balconi comunicano con i vani principali oppure con pertinenze accessorie, sono considerati in modo diverso a seconda della loro metratura. Nel caso che non oltrepassino i 25 metri quadrati, corrispondono al 30% della superficie catastale, mentre se superano questa estensione vengono considerati al 10%. Nel caso che non siano comunicanti, la loro valutazione è del 15% fino a 25 metri quadrati, mentre la parte eccedente viene calcolata al 5%.



COMMENTI SULL' ARTICOLO