Pialla

Costituzione della pialla

Innanzitutto ci sono sia pialle manuali che a motore. Le prime sono costituite da un ceppo, un'impugnatura, una suola, una buca attraverso la quale passano i prodotti di scarto (trucioli), una lama e un cuneo che tiene ben ferma la lama. Il lavoro effettuato dalle pialle manuali dipende non solo dalla loro qualità, ma anche dall'esperienza dell'operatore nel manovrarle. La pialla a motore invece è formata da un telaio che supporta il piano di lavoro rettangolare, comprendente due tavole orizzontali tra le quali è posto l'albero porta-lame. La tavola di alimentazione è generalmente quella più lunga, la sua regolazione in altezza è a un livello inferiore rispetto al piano orizzontale della tavola di uscita, che è tangente al cilindro generato dal bordo di taglio delle lame. La differenza di altezza tra le due tabelle determina la profondità di taglio (lo spessore del legno viene rimosso dallo strumento). Anche in questo caso la qualità del prodotto finale dipenderà dall'esperienza dell'operatore, ma di sicuro il suo lavoro è maggiormente agevolato con una pialla elettrica.
Pialla manuale

Matrix, Pialla elettrica, 130300020

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,9€


Funzionamento della pialla manuale

Piallatura a mano Come prima cosa bisogna innanzitutto controllare che lo strumento sia adeguato, ossia che la lama sia ben affilata, con gli angoli laterali smussati e ben centrata nella bocca. Poi bisogna "calibrare" lo strumento, ossia regolare il contro-ferro in base al tipo di lavoro che dobbiamo svolgere. Il pezzo di legno da lavorare va stretto in una morsa, per evitare che si muova durante la piallatura. Dopodiché si mette "in bolla" la nostra tavola, per sapere se presenta delle discontinuità. A questo punto si può iniziare a passare la lama, prima a 90° rispetto alla direzione della venatura del legno e poi a 45°, al fine di rimuovere eventuali discontinuità. Quando tutta la superficie è relativamente uniforme si può passare al piallone, con il quale si eseguono passate, prima a 45° e poi lungo la venatura fino a rendere piana la tavola. Al fine di ottenere un lavoro più preciso, è consigliabile controllare sempre, dopo ogni passata, lo stato della superficie che si sta lavorando.

  • Struttura fondamentale del banco da falegname Il banco da falegname è un elemento fondamentale per il lavoro perché consente di mantenere fisso il legno in una posizione comoda. In questo modo l'artigiano può effettuare le varie operazioni, come ...
  • Una pialla a filo manuale La pialla a filo è un diretto erede della pialla. La pialla è un utensile di antica origine il cui scopo è quello di lavorare il legno e renderne le superfici più lisce e omogenee. La pialla funziona ...
  • Pialla a spessore La pialla a spessore è un genere di pialla a motore che consente di rifinire sia lo spessore dei listelli che le superfici. Si presenta con una struttura analoga alla pialla a filo con la sola differe...
  • pialla a spessore standard La pialla a spessore standard si trova in commercio in almeno due distinte versioni: la prima è rappresentata dal modello base, la seconda da quello più professionale. Le caratteristiche principali, n...

Connex COXT898000 - Pialla con 10 lame

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,56€


Funzionamento della pialla elettrica

Utilizzo della pialla elettrica Per quanto riguarda la pialla a motore, il processo di calibrazione dello strumento è molto simile a quello della pialla manuale. Bisogna controllare le lame e lo stato del pezzo di legno iniziale. L'albero porta lame deve essere cilindrico, di solito in acero e accuratamente calibrato; può contenere dalle due alle quattro lame, attaccate a bulloni di ancoraggio. Una cosa che si deve evitare è il contatto con gli utensili da taglio. Questo è uno dei rischi maggiori sia per il piano di lavoro (che rischia di essere danneggiato) che per l'operatore. Comunque nelle pialle di ultima generazione c'è una parte libera dell'albero, in cui l'operatore può inserire le mani per lavorare in massima sicurezza. Per far sì che la pialla levighi il legno come vogliamo, dobbiamo spingere e guidare la trave verso le lame per tutta la sua lunghezza, affinchè non si ribalti. Ad ogni passaggio è consigliabile controllare lo stato di piallatura del legno, al fine di stabilire quante altre passate sono necessarie.


Pialla: Ulteriori consigli

Rifinitura dopo la piallatura Una volta terminata la piallatura bisogna allentare i morsetti che tengono la tavola ferma, per liberare le tensioni che si sono create nel legno. Dopo un po' si consiglia di appoggiarci sopra due righelli o due aste orizzontali per essere certi che la tavola sia piana. A questo punto si può procedere, se necessario, con la finitura al fine di togliere i segni lasciati dalla pialla. Quando si usa questo strumento è consigliabile tenere le gambe ben allargate, per poter dare la giusta forza mantenendo il migliore equilibrio e sforzare il meno possibile la schiena. Le passate devono essere le più lunghe possibile: inizialmente si preme sulla parte anteriore della pialla e via via che si avanza su quella posteriore. In ogni caso, se non si è esperti, è sempre meglio chiedere aiuto a un falegname, per evitare di rovinare l'oggetto da piallare, nonché evitare danni a se stessi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO