Energie rinnovabili italia

Le energie rinnovabili: conosciamole meglio

Gli approvvigionamenti energetici possono avere diversa fonte che si distingue in due macro-categorie: fonti energetiche tradizionali e fonti energetiche alternative. Le fonti energetiche tradizionali sono quelle comunemente conosciute ed ampiamente sfruttate da tempo, anche definite con l'espressione "fonti energetiche non rinnovabili". Le fonti energetiche alternative sono quelle il cui trend di sfruttamento su scala globale sta aumentando esponenzialmente in questo ultimo trentennio. Tra queste abbiamo le fonti rinnovabili (energie rinnovabili Italia). La principale ed intuitiva (per definizione) differenza tra queste due tipologie di fonte energetiche è la caratteristica intrinseca delle rinnovabili di auto-generarsi nel tempo, rimanendo sfruttabili, sempre e comunque, in quantità illimitata. Le fonti energetiche non rinnovabili come il petrolio, il carbone ed il gas naturale, al contrario, sono contenute in riserve formatesi in tempi geologici, la cui velocità di esaurimento (per sfruttamento antropico) è più rapida di quella di nuova formazione.
Energie rinnovabili

Energia per l'astronave Terra. Con gli scenari energetici per l'Italia di domani

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,82€
(Risparmi 2,08€)


Le energie rinnovabili: una panoramica generale

Sfruttamento corrente marina Le energie rinnovabili comprendono una lunga lista di fonti di approvvigionamento energetico che riportiamo in dettaglio: biomassa, energia idroelettrica, energia geotermica, energia eolica, energia solare, energia marina e/o oceanica. Nel mondo le rinnovabili hanno un livello di sfruttamento che si distribuisce in modo assolutamente non uniforme; vi sono territori 100% alimentati da energie rinnovabili ed intere nazioni che ancora privilegiano le fonti energetiche di tipo tradizionale. Le isole Kodiak in Alaska, le Hawaii, la Scozia, la Jamaica, le Canarie, i Caraibi sono solo alcuni degli esempi di eccellenza rinnovabile nel mondo; campo Tures (Bz), Forlì, Celle San Vito (Fg) i comuni premiati dal rapporto "Comuni Rinnovabili 2015" di Legambiente che pone il nostro paese al primo posto nel mondo per lo sfruttamento dell'energia solare. In tutto, nel territorio italiano si contano più di 800 mila impianti da energie rinnovabili equamente distribuiti in tutti gli 8.047 comuni. Con le energie rinnovabili Italia produciamo il 38,2% della quantità di energia elettrica totale con una produzione globale da energie rinnovabili che dal 2012 è salita da 84,8 a 118 TWh.

  • Pannelli solari La sostenibilità ambientale è un concetto sviluppato negli ultimi anni, molto importante e legato all'ambiente in cui viviamo. Prevede l'utilizzo di energia pulita e di fonti rinnovabili al fine di in...
  • impianto eolico Abbattere i costi fissi, mantenendo inalterata la produttività è uno degli scopi che si prefigge ogni azienda: per perseguire questo obiettivo molte realtà imprenditoriali italiane hanno scelto la via...
  • Energia rinnovabile Tutti noi possiamo nella vita di ogni giorno cominciare a risparmiare ed evitare sprechi energetici, senza dover per forza ricorrere a grandi cambiamenti come l'installazione di impianti fotovoltaici ...
  • Pannelli solari Produrre energia attraverso un sistema che offre in ogni parte del mondo la possibilità di trasformare la forza di irradiamento dei raggi solari in energia pulita e rinnovabile è possibile, grazie all...

Energia per l'astronave Terra. L'era delle rinnovabili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,82€
(Risparmi 2,08€)


Energie rinnovabili italia: Energia prodotta

Sistemi produzione Sebbene le energie rinnovabili Italia stiano subendo incrementi di sfruttamento importanti, non possiamo non riconoscere che il trend di crescita in questi ultimi due anni ha subito un brusco rallentamento. Nell'ultimo biennio il fotovoltaico ha visto 1.864MW installati mentre nel biennio precedente erano stati 13.194. L'eolico è passato da 770MW a 170 e non diverso è stato il destino delle altre fonti di energia rinnovabile. Le motivazioni di questo fenomeno di crescita rallentata sono due. Da una parte l'assoluta assenza di chiarezza e trasparenza nelle procedure di valutazione ed approvazione degli impianti, in particolar modo gli impianti eolici, solari termodinamici, mini idroelettrici, da biomasse e geotermici. Dall'altra la totale incertezza circa il futuro degli incentivi, via via introdotti, modificati nei parametri e nelle tariffe e quindi eliminati definitivamente, la tassazione e le normative generali di esercizio di questi impianti non tradizionalmente gestibili.



COMMENTI SULL' ARTICOLO