La carta pesta

La carta pesta una tecnica artistica dalla lunga storia

La carta pesta al giorno d'oggi è associata con le maschere e i carri di Carnevale, ma in realtà si tratta di una forma d'arte molto più antica e complessa di quanto comunemente si pensi. Già nel Cinquecento, in Italia e soprattutto in Sicilia, si utilizzava per scolpire delle statue di carattere prevalentemente religioso, che riproducevano Santi o Beati e venivano portate in processione; alcune di queste creazioni sopravvivono ancora ai giorni nostri, è il caso per esempio del Santissimo Sacramento Ecce Homo di Chiusa Sclafani. Dall'Italia, la popolarità della carta pesta si è rapidamente allargata fino a raggiungere l'Inghilterra, dove questa tecnica e gli strumenti volutamente "poveri" utilizzati per realizzarla divennero presto sinonimo di stile europeo, al punto che numerose abitazioni del Regno Unito preferirono la papier-mache (questo il nome inglese) agli stucchi. Ancora nel 1700 veniva usata da architetti britannici per realizzare decorazioni e rifiniture, ma anche oggetti di mobilio; la stessa Chiesa di West Wycombe comprende degli intricati fregi e decori realizzati in carta pesta da mastri cartapestai di origine italiana.
Un antico portagioie di carta pesta con intarsi

Carta pesta bianca alta qualità 12 pieghe per pacco 150cm x 50cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,76€


Vassoi, mobili, statue e altre meraviglie in carta pesta

Un antico vassoio di carta pesta dipinta Nel corso dei secoli la carta pesta, soprattutto in Inghilterra, divenne sempre più spesso una tecnica artistica di tendenza per realizzare veri e propri capolavori che andavano ad abbellire le case della piccola borghesia e del ceto medio-alto. I mobili provenienti dalla Gran Bretagna ancora oggi si trovano nelle aste e nei negozi di antiquariato e rappresentano una testimonianza concreta e tangibile del livello di perfezione raggiunto dai carta pestai che applicarono la loro arte alla produzione di mobili e oggettistica. Vassoi e cornici dalle decorazioni intricate in cui si percepisce l'influenza della tradizione fokloristica italiana, portagioie con intarsi pregiati, poltrone e tavolini, oppure poltrone, statue per il salotto e bambole antiche: la lavorazione della carta pesta non aveva nulla da invidiare a tecniche più nobili, come per esempio la ceramica o la porcellana. Questo retaggio ha permesso alle creazioni in carta pesta di figurare in posizione certo non secondaria nella storia dell'arte e particolarmente dell'arte italiana; una tradizione che non molti conoscono e che proprio per questo merita di essere riscoperta e valorizzata.

  • Logo cfadda È il 1880 quando Ignazio Fadda apre un piccolo negozio di ferramenta nel centro di Cagliari. Trentasei anni dopo il figlio Renzo eredita l'attività di famiglia. La consolida e ammoderna: introduce le ...
  • Cornice legno fai da te Realizzare una cornice in legno fai da te è un'operazione semplice, che necessita di pochi strumenti e di non molto tempo. Per iniziare è bene premunirsi di tutto il necessario: colla per il legno, ch...
  • Orecchini uncinetto I gioielli che puoi realizzare all'uncinetto, sia per te che per le amiche e familiari, sono orecchini, bracciali e collane che puoi arricchire con l'uso di perline, luccicanti e charm per rendere le ...
  • Coccarde La coccarda simbolicamente rappresenta un premio, un riconoscimento, una vittoria. Le occasioni d'uso sono tutte quelle che necessitano la sottolineatura di un successo scolastico, sportivo, professio...

6 rotoli carta pesta marrone 82mm x 10m per decorazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,95€


Come realizzare la carta pesta con pochi strumenti

Cartone e vecchi giornali per creare sculture di carta pesta La grande popolarità della carta pesta è dovuta sicuramente in parte anche alla relativa facilità con cui si può realizzare questa tecnica. Anche noi possiamo creare delle originali statuette, in poco tempo e con materiali ecologici che ci consentiranno non solo di liberare la nostra fantasia artistica senza spendere cifre esorbitanti, ma anche di riciclare. La carta pesta infatti si può realizzare anche con vecchia carta da giornale (meglio se non troppo lucida) oppure con carta assorbente da cucina; vanno bene anche i sacchetti di carta per alimenti, come ad esempio quelli del pane. L'altro strumento indispensabile è la colla, preferibilmente colla vinilica, che andrà a impregnare la carta, irrigidendola e "mummificandola" nella forma scelta. Occorrono poi dei modelli su cui avvolgeremo a strati i giornali vecchi o gli stracci, per ricoprirli successivamente di colla:possiamo realizzarli facilmente con il cartone e il nastro adesivo, oppure anche con dei palloncini. Una volta impostato in questo modo lo "scheletro" della scultura, potremo passare alle rifiniture più sottili e minuziose, arricchendo la nostra creazione di dettagli.


La carta pesta, una forma d'arte molto amata dai bambini

I bambini amano giocare con la carta pesta La carta pesta è molto apprezzata anche dai bambini, che amano maneggiare e incollare insieme i fogli di carta e gli stracci per realizzare figure tridimensionali. Se abbiamo dei figli in età scolare, possiamo coinvolgerli e aiutarli a modellarla; insegneremo loro un'attività manuale, artistica e divertente e ci sbarazzeremo di fogli di carta e giornali vecchi che magari non ci servono più. Come dimostra il successo di molti programmi per l'infanzia (come il celebre "Art Attack" della Disney), incoraggiare la creatività dei più piccoli può rappresentare un passatempo divertente ed estroso. La supervisione degli adulti è tuttavia fondamentale, specie nelle fasi di assemblaggio; assicuriamoci che i bambini non rovescino la colla e insegniamo loro a utilizzare guanti e a maneggiare con cura la carta pesta e i giornali, in modo che la carta pesta ottenga la forma voluta. I bimbi adorano anche colorare le creazioni di carta pesta con i pennarelli o le tempere; in questo caso ricordiamoci sempre di scegliere colori atossici e preferibilmente non indelebili (possiamo chiedere consiglio in qualunque negozio di giocattoli o prodotti per l'infanzia).


Consigli e suggerimenti per colorare la carta pesta

Se abbiamo già lavorato con la carta pesta sapremo senz'altro che uno degli aspetti più stimolanti, creativi e divertenti sta nel colorare la nostra creazione. Possiamo sbizzarrirci con un'infinità di effetti cromatici, e scegliere qualunque tipo di colore, dalle tempere ai pennareli. Quest'ultime sono sicuramente più indicate per colorare grandi spazi o ottenere particolari sfumature, mentre i pennarelli permettono un controllo più efficace sui piccoli particolari; nel caso di una maschera per Carnevale, ad esempio, potremmo colorare la maschera principalmente a tempera e rifinire poi i dettagli (occhi, labbra, ecc) con dei pennarelli, meglio se metallizzati. Gli esperti carta pestai suggeriscono sempre di stendere un primo velo di primer; quest'ultimo è un tipo di vernice particolare, generalmente di colore bianco (o nero per le superfici a cui vogliamo conferire un effetto metallizzato) oppure trasparente, che consentirà al colore di aderire meglio, in maniera più nitida e uniforme. Non molto diversamente, insomma, dalle tecniche per applicare il makeup del viso.


Vera protagonista dei carri di Carnevale

Carro carnevale Per quanto possa sembrare scontato, la carta pesta trova proprio nella grande tradizione italiana del Carnevale la sua massima espressione. Gli elaborati e originalissimi carri che ogni anno stupiscono centinaia di spettatori, lasciandoli a bocca aperta, sono il risultato di una tradizione centenaria, che ha perfezionato ai massimi livelli l'arte di lavorare la "papier-mache". Per realizzare i carri carnevaleschi, soprattutto le installazioni fisse più grandi e articolate, con meccanismi complicati e parti in movimento (come nei celebri carri del Carnevale di Viareggio), si utilizzano strumentazioni e macchinari speciali: modelli di creta, calchi realizzati con il gesso e tutta una serie di studi e accortezze architettoniche e scenografiche. La carta pesta però resta l'ingrediente chiave; i carri più autentici e fortemente legati alla tradizione non si servono nemmeno di colla vinilica preconfezionata ma realizzano da sé degli speciali collanti a base di acqua e farina. Il rispetto delle antiche tradizioni e la celebrazione delle origini "povere" della carta pesta sono i tratti più autentici e distintivi dei carri di Carnevale, che attirano turisti da ogni angolo del globo.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO